Calcio, tutti gli investimenti per i Mondiali

Lavori in corso allo stadio Cosmos Arena di Samara che ospiterà i Mondiali di calcio del 2018.

Lavori in corso allo stadio Cosmos Arena di Samara che ospiterà i Mondiali di calcio del 2018.

Yuri Streletc / RIA Novosti
Aeroporti, strade e ferrovie. Ecco come cambierà il Paese in previsione del grande evento sportivo del 2018, per il quale verranno spesi circa dieci miliardi di dollari per lo sviluppo dei trasporti e degli impianti

La Russia si prepara ad ospitare il Campionato del Mondo di calcio nel 2018. Il Torneo si svolgerà in 12 stadi situati in 11 città a tre differenti fusi orari. La distanza media fra le città è di 600 chilometri, mentre fra Ekaterinburg e Kaliningrad, i punti rispettivamente più orientali e più occidentali fra le città russe che si preparano ad accogliere i match, 3.000 chilometri. Distanze che richiedono un approccio specifico all'organizzazione degli spostamenti.

Ilbudget

In previsione del grande evento sportivo, il governo russo ha deciso di investire 664,7 milioni di rubli (circa 10 miliardi di dollari), di cui la metà, 337,4 miliardi, sarà destinata allo sviluppo della rete stradale. A causa della crisi economica, l’ultima parte di finanziamenti è stata ridotta di circa un terzo. Solo nel corso dell’ultimo anno il budget è stato dimezzato.

All’inizio di giugno le spese destinate agli alberghi sono state ridotte di circa 30 miliardi di rubli (450mila dollari); in agosto, poi, altri 150 miliardi di rubli (un milione e 350mila dollari) sono stati tagliati alle infrastrutture. In particolare, è stato cancellato il progetto per la costruzione di una torre televisiva da 240 metri a Samara.

Il budget relativo alle vie di trasporto si è però mantenuto intatto. I soldi verranno destinati alla ricostruzione e all'edificazione di più di 100 progetti di infrastrutture. Prioritari sono i piani riguardanti gli impianti aeroportuali e la rete stradale.

La modernizzazione degli aeroporti e delle strade

Come ha annunciato il ministro russo dei Trasporti, Nikolaj Asaul, attualmente le autorità federali e locali stanno elaborando soluzioni logistiche sulla base delle previsioni riguardanti il flusso di passeggeri. Una parte dei lavori è già conclusa: è stata ultimata la ricostruzione dell'aeroporto Pulkovo a San Pietroburgo ed è stato inaugurato un nuovo terminal a Samara.

La ricostruzione dell'aeroporto pietroburghese è durata un anno. Il nuovo terminal riceverà unicamente i voli interni organizzati per il Campionato. Inizialmente il piano era di collegare Pulkovo al centro della città tramite una rete tranviaria. Poi però, per via delle difficoltà economiche, il governo della capitale del nord si è trovato costretto a rinunciarvi e così ai passeggeri verranno messi a disposizione autobus su percorsi definiti.

Nelle regioni che ospiteranno il Campionato di calcio, le autorità locali costruiscono strade volte a migliorare i collegamenti. Così, ad esempio, Ekaterinburg sta edificando, in vista dei Mondiali, una via circolare i cui lavori sono già iniziati vent'anni fa, nel 1994. Il governatore della regione, Evgenij Kujvashev, ha dichiarato che per questo progetto sono stati stanziati da Mosca 1,5 miliardi di rubli (22,5 milioni di dollari).

Coordinamento dei flussi

Il direttore del Centro di ricerca per i problemi del traffico nelle megalopoli della Scuola Superiore di Economia, Konstantin Trofimenko, fa notare che il trasporto dei tifosi entro i confini della città verrà effettuato secondo soluzioni standard, vale a dire a carico del trasporto pubblico e di autobus-navette.

“Nelle grandi città dove c'è la metropolitana, come a Mosca, per esempio, San Pietroburgo o Kazan, i tifosi (50-80mila persone) si sposteranno insieme agli altri passeggeri. Nelle altre città invece si punterà proprio sugli autobus - sostiene l'esperto -. La FIFA dispone di norme ben dettagliate su come debba essere organizzato il trasporto. Si tratta di una procedura standard, per questo motivo in Russia l'organizzazione del trasporto sarà pari a quella che c'era in Germania, in Brasile e in Sudafrica”.

Lo spostamento dei tifosi fra diverse città richiede dalla Russia soluzioni originali, se si considerano la concentrazione delle partite e le lunghe distanze. Un dettagliato piano di soluzione di questo problema al momento non esiste, fa notare Konstanntin Trofimenko.

“Entro 18 ore prima e dopo il match, qualsiasi tipo di trasporto deve essere gratuito per i tifosi in possesso dei biglietti per le partite - spiega l'esperto -. Come si farà a garantire tutto ciò, non si sa ancora, dal momento che non è stato elaborato alcun piano generale per risolvere questa questione. È già chiaro però che il trasporto fra città avverrà in autobus, treno e aereo. Qui la Russia potrebbe prendere esempio dal Brasile, che ha assicurato ai tifosi la possibilità di voli gratuiti fra le diverse città”. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più