Al via in Russia i test clinici per un nuovo vaccino anti-Covid

Pixabay
Sviluppato dalla società BIOCAD di San Pietroburgo, potrebbe aggiungersi alla lista dei cinque preparati già usati nella Federazione per frenare la corsa del virus

Dopo lo Sputnik V del centro Gamaleja, l'EpiVacCorona del centro siberiano Vektor, il CoviVac del centro Chumakov e lo Sputnik Light, una versione più leggera del primo, presto potrebbe essere presentato un nuovo vaccino anti-Covid autorizzato dalla Russia e sviluppato dalla società BIOCAD di San Pietroburgo. Lo scrive il giornale RBK. Ma dovranno trascorrere alcuni anni prima che il preparato possa arrivare sul mercato.

L'azienda ha infatti iniziato questo lunedì i test clinici, approvati dal Ministero della Salute del paese, e che dureranno fino al 2026; 360 pazienti saranno coinvolti in questo studio di prima e seconda fase volto a valutare la sicurezza e la validità del preparato basato su un vettore ricombinante adeno-associato.

L'azienda, originariamente specializzata nello sviluppo e nella produzione di farmaci per il trattamento del cancro, delle malattie autoimmuni e genetiche, aveva precedentemente convertito due delle sue strutture alla produzione del vaccino Sputnik V.

LEGGI ANCHESputnik V, a quali paesi la Russia vende il proprio vaccino anti-Covid? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie