Lotta al Covid: arriva lo Sputnik Light, la versione monodose del vaccino russo

Saman Abesiriwardana/Keystone Press Agency/Global Look Press
Sviluppato dal Centro Gamaleya, costerà meno di 10 dollari a dose e dovrebbe avere un'efficacia del 79,4%

La Russia ha registrato la versione monodose dello Sputnik, chiamata Sputnik Light. Lo ha fatto sapere il Fondo russo per gli Investimenti Diretti (RDIF). Così come si legge in una nota, ripresa dalla TASS il preparato ha dimostrato un’efficacia del 79,4% e dovrebbe essere efficace anche contro tutti i nuovi ceppi di coronavirus, come dimostrato dal Centro Gamaleya durante i test di laboratorio. Fino ad ora l'unico monodose disponibile era il vaccino Johnson &  Johnson. 

“Sputnik Light aiuterà a prevenire la diffusione del Covid attraverso una più rapida immunizzazione di gruppi di popolazione più grandi, oltre a sostenere alti livelli di immunità in coloro che sono già stati infettati in precedenza”, ha commentato il direttore del Centro Gamaleya Aleksandr Gintsburg.

Nove aziende hanno già ricevuto l'autorizzazione a produrre il preparato, che sarà destinato principalmente all'esportazione e sarà offerto a un prezzo unitario inferiore a 10 dollari. Il vaccino può essere conservato per sei mesi congelato (a un minimo di -18° e in assenza di luce), o per un mese nella sua forma liquida (tra i 2 e gli 8°, in assenza di luce).



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie