Cinque modi di portare il foulard russo in testa (senza sembrare una babushka)

Legion Media
Il fazzoletto può essere un accessorio trendy e viene indossato da molte belle ragazze alla moda. L’importante è sapere come e in quali outfit

Il foulard russo è un accessorio colorato e caldo che va benissimo sia per un outfit classico che per chi ricerca uno stile ethno o boho-chic, e può dare un tocco di femminilità in caso di abbigliamento sportivo. In Russia i foulard sono arrivati dall’Oriente nel XVII secolo, diventando subito molto popolari tra le ragazze (che in precedenza indossavano dei teli di lino ricamati sopra un cappello). La testa in ogni caso doveva essere coperta: si riteneva che solo i parenti stretti potessero vedere una donna a testa nuda, e inoltre, senza velo era impossibile entrare in chiesa. In inverno, fazzoletti e scialli proteggevano sia dal freddo che dal vento.

LEGGI ANCHE: Perché le donne russe in chiesa si coprono la testa con un foulard? 

Di norma, il fazzoletto da testa russo (“platók”) è realizzato con materiali naturali, come lana o seta ed è abbellito da motivi molto intricati. Ci sono anche ornamenti di origine turca (detti “cetrioli” e “fagioli”), disegni floreali e vari altri motivi. I foulard russi leggeri più riconoscibili, con motivi della fine del XVIII secolo, sono quelli prodotti a Pàvlovskij Posàd, nella regione di Mosca (68 chilometri a est della capitale), mentre gli scialli “invernali” più celebri, lavorati a maglia, sono realizzati da artigiani di Orenbùrg.

Le diverse regioni della Russia avevano diversi modi tradizionali di annodare il foulard. Inoltre, il copricapo differiva a seconda dello stato civile (donna sposata o nubile) e dello scopo per cui si usciva di casa (per andare in chiesa, a una festa, ecc.). Alcuni di questi foulard e modi di annodarli possono essere benissimo utilizzati come accessorio alla moda ancora oggi.

Il nodo sotto al mento

Un foulard legato come nell’immagine della celebre confezione del cioccolato “Aljónka” è tipico delle ragazze non ancora sposate. Per un nodo di questo tipo sono meglio i foulard di tessuti sottili, primaverili o autunnali, In inverno non ripareranno dal gran freddo, ma almeno dal vento sì! Gli storici credono che questo modo di legare il fazzoletto sia arrivato dalla Germania, ma si è così “russificato” che ora è considerato il tipico modo russo. In epoca sovietica, una sciarpa legata in questo modo faceva parte delle uniformi delle lavoratrici nelle fabbriche, nelle fattorie collettive (“kolkhoz”) e nelle fattorie statali (“sovkhoz”). Il fatto è che per motivi di sicurezza, i capelli dovevano essere fermati, e un tale nodo, inoltre, proteggeva il collo dal vento, quasi come una sciarpa. A proposito, qualsiasi acconciatura con le trecce è perfetta per questo look!

LEGGI ANCHE: Eleganti e alla moda: le donne sovietiche degli anni Settanta 

Con le estremità incrociate dietro le spalle

Questo metodo, comunemente chiamato “vnakìdku” (“sulle spalle”), era popolare tra le abitanti delle città nel XVII secolo. Il foulard viene messo sopra la testa e le estremità non sono legate con un nodo, ma semplicemente incrociate e gettate all’indietro, sulle spalle, in modo da fissare il copricapo.

Attorno al collo

Nel passato, le donne sposate indossavano il velo in questo modo per sottolineare il loro status. Ma ora è uno dei modi più popolari in Russia di indossare un foulard durante l’inverno, con una classica pelliccia o un cappotto di pelle di pecora. Ci gettiamo una sciarpa sulla testa, ne incrociamo le estremità, la avvolgiamo intorno al collo, le leghiamo e sistemiamo il tutto sotto il colletto.

Il nodo in alto

Avete presente il dipinto di Boris Kustodiev (1878-1927) “La moglie del mercante mentre beve un tè”

Prestate attenzione a come questa bellezza russa ha legato il fazzoletto: le estremità sono infilate in un nodo davanti e sollevate. E il nodo stesso sembra un petalo di fiore. È così che le rappresentanti di questa classe indossavano effettivamente il velo, e quindi questo metodo è chiamato “alla mercantessa”. Oggi, questo copricapo completerà i look pin-up e sport-chic. Oppure va benissimo per proteggere la testa dal sole troppo forte durante una passeggiata nella natura.

Il nodo dietro

Questo modo di indossare il velo è considerato tradizionale tra le donne nelle regioni meridionali della Russia. Oggi così è comodo indossare il velo per chi ha acconciature con i capelli lisci raccolti sul dietro in uno chignon.


Made in babushka: il sito che permette di farsi fare una maglia ai ferri da una nonnetta russa 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie