Le otto frasi che offendono di più i russi, e che è meglio non pronunciare in loro presenza

Getty Images
Se volete partire con il piede giusto con i vostri nuovi amici in Russia, evitate di fare queste gaffe

1 / “I nazisti li hanno battuti America e Gran Bretagna!”

Una delle frasi tipiche da “mi metto tutti i russi contro” è stata recentemente pubblicata dalla Casa Bianca su Twitter: “On May 8, 1945, America and Great Britain had victory over the Nazis!”. E, naturalmente, ha ricevuto immediatamente come replica molte domande perplesse da parte dei russi, del tipo: “E chi ha preso Berlino?”. E sotto il tweet sono apparse migliaia di risposte con la bandiera sovietica sul Reichstag

Peggio di questa frase può solo: “La Russia non ha vinto la Seconda guerra mondiale!”. Qualsiasi russo troverà questa uscita estremamente offensiva. In Russia, non esiste una sola famiglia che non sia stata colpita dalla guerra, e di certo i quasi 27 milioni di sovietici morti nel conflitto non sarebbero d’accordo.

LEGGI ANCHE: Quanti sovietici sono effettivamente morti nella Seconda guerra mondiale? 

2 / “Perché voi russi usate l’alfabeto cirillico e non l’alfabeto normale?”

Perché non vogliamo semplificarti la vita, ovvio!

Abbiamo fatto la nostra scelta nel X secolo, quando la questione della scelta dell’alfabeto era strettamente connessa alla scelta della religione. Da allora, l’alfabeto cirillico non è solo un alfabeto, ma uno dei punti fermi della storia e della cultura russe. Aspettarsi che si rinunci all’alfabeto cirillico è presuntuoso, quasi come aspettarsi che rinunciamo volontariamente ai bliny, alla toskà e alla vodka

LEGGI ANCHE: Quattro ragioni per cui i russi usano il cirillico 

3 / “È davvero così difficile per voi imparare l’inglese?”

È vero che la maggior parte dei russi non conosce l’inglese, o conosce solo poche espressioni e parole. Ma c’è una ragione. Il fatto è che non ne abbiamo bisogno. Giudicate voi stessi, il 72% dei russi non ha nemmeno un passaporto e non è mai stato all’estero. Tutti i film e gli spettacoli in televisione sono doppiati e i libri sono tradotti. La maggior parte di noi non ha mai incontrato uno straniero in vita sua. Quindi non dubitate delle capacità mentali di un russo, se non parla inglese. Non apprezzerà sentirsi dare del fesso.

LEGGI ANCHE: Perché i russi parlano così male l’inglese? 

4 / “Perché vivi ancora con i tuoi genitori?”

No, noi non buttiamo gli adolescenti fuori di casa non appena compiono 18 anni. Dopo la scuola, le persone sono ancora giovani, abbastanza stupide da essere coinvolte in una compagnia sbagliata e non hanno soldi. Quindi sono ancora i benvenuti a casa. Inoltre, i russi vivono spesso con i loro genitori o altri parenti a causa della mancanza di alloggi a prezzi accessibili e della riluttanza a legarsi a un mutuo a lungo termine. La frase “perché vivi con i tuoi genitori?” suona come un rimprovero, anche se non c’è nulla di cui biasimarci.

5 / “Oh, vieni da un Paese in cui fino a poco tempo fa la birra era considerata una bevanda analcolica!”

No, siamo sempre stati consapevoli che la birra contiene alcol. E non è il nostro Paese, ma la classificazione internazionale di beni e servizi del 1957, che inseriva “bevande alcoliche” e “birra” in diverse categorie merceologiche (la birra era considerata un “prodotto alimentare”). La Russia (allora Unione Sovietica) era obbligata ad aderirvi, ma i venditori di birra approfittavano di una simile scappatoia: a differenza di altri alcolici, potevano venderla tutto il giorno e in qualsiasi luogo, e la birra, sempre in base a questo escamotage, poteva essere bevuta ovunque, anche nei luoghi pubblici. Questa contraddizione è stata infine eliminata nel 2013 da una legge apposita. Ricordate: in Russia non si possono bere alcolici di nessun tipo per strada (neanche seduti su una panchina in un parco pubblico)!

LEGGI ANCHE: Beccarsi una multa in Russia: domande e risposte per evitare problemi con le contravvenzioni 

6 / “Da voi ci sono, McDonald’s (Starbucks, ecc.)?”

Ovviamente no! E non ci sono neppure banche, carte di credito, car sharing, frullati, paypal! E in generale, ci chiamiamo ancora “tovarish” e disprezziamo tutto ciò che viene dal corrotto mondo capitalista! Ma fateci il piacere! Il primo McDonald’s è apparso a Mosca quando c’era ancora l’Urss e aveva persino la falce e martello nel logo. 

7 / “Non c’è l’estate in Russia”

Molti russi credono che non ci sia neve e inverno negli Stati Uniti, quindi siamo pari. Ma in generale, risolviamo la questione una volta per tutte: sappiamo cos’è l’estate! E fa pure piuttosto caldo in Russia!

8 / “Voi russi siete pigri, per quello non fate neanche una protesta di piazza”

Alla domanda su quale sia una delle maggiori debolezze dei russi, si può dire con sicurezza: l’indolenza. Quanto a fatalismo, non abbiamo pari. E ci piace affidarci all’avós. Ma non bisogna intendere questa cosa come una totale indifferenza per tutto: ci preoccupiamo per i nostri amici e parenti. Inoltre, le vie di mezzo non sono una nostra caratteristica. Se qualcosa ci disturba fortemente, combattiamo bruciando tutti i ponti (del resto, chi ha mostrato al mondo una delle più grandi Rivoluzioni di tutti i tempi?). In una parola, “pigrizia” è un termine inappropriato.


“Sei una spia?” e le altre domande sciocche che i russi si sentono fare all’estero 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie