Quali mezzi militari speciali usa la Russia per combattere la pandemia di Covid-19?

Vitalij Kuzmin
Per la lotta al virus, l’esercito russo ha portato per le strade i suoi migliori mezzi NBC (di protezione nucleare, biologica e chimica), finora circondati da un’aura di segretezza. Alcuni sono attivi anche in Italia

La Russia ha inviato un numero consistente di mezzi militari specializzati in Italia, Serbia e persino in India per aiutare a combattere il coronavirus. E all’interno dei propri confini ha dislocato per le strade quasi tutte le sue truppe di protezione nucleare, biologica e chimica (NBC), nonché i loro veicoli. Questa divisione fu istituita allo scopo di condurre operazioni di bonifica dopo l’uso di armi di distruzione di massa e per curare virus ed epidemie che potrebbero avere un impatto sulle truppe russe di prima linea. Tuttavia, in questo periodo Mosca usa tutte le sue truppe NBC per scopi di disinfezione e per curare le vittime di Covid-19, poiché la maggior parte degli ufficiali NBC sono, in effetti, medici militari addestrati per curare le vittime di attacchi chimici e biologici.

Un certo numero di strutture da campo sono entrate in funzione dall’inizio di aprile in Italia e ora sono attive in tutta la Russia.

La Russia ha messo in strada anche i suoi veicoli da ricognizione NBC. Il primo di questi è l’RKhM-4 (veicolo per la ricognizione chimica, creato sulla base del veicolo trasporto truppe corazzato BTR-80), i complessi di disinfezione militare DKV-1, i camion per la sanificazione e antincendio APKM e le stazioni di decontaminazione ARS-14KM. Alcuni di questi mezzi sono diventati famosi durante le operazioni di bonifica di Chernobyl e ora hanno compiti simili (ma in versione più leggera) di pulizia e disinfezione delle strade delle grandi città al tempo del Covid-19.

“Vale la pena ricordare che gli ARS-14KM sono una nuova generazione di stazioni a riempimento automatico, le più moderne in termini di caratteristiche tattiche e tecniche. L’ARS-14KM viene utilizzato per il degassamento, la decontaminazione e la disinfezione di armi e attrezzature militari, di alcune aree di terreno e strade, per lo stoccaggio temporaneo e il trasporto di acqua e soluzioni di degassaggio, grazie alle sue attrezzature con vari contenitori e kit di trattamento speciali”, ha detto a Russia Beyond l’ex analista militare di “Izvestija” Dmitrij Safonov.

Tutti questi veicoli per la bonifica sono ampiamente utilizzati ora in Russia, Italia e Serbia. Come ha detto l’esperto, il ministero della Difesa russo ha anche portato in mare il suo “ospedale galleggiante”, la nave medica “Irtish”.

“È di stanza nell’Estremo Oriente del Paese e sarà utilizzato per allentare la pressione dalle strutture ospedaliere di quella zona. Il ministro della Difesa russo Sergej Shoigu ha dato ordine di preparare la nave a prendersi cura di non meno di 450 pazienti e di immagazzinare su di essa tutti i farmaci necessari e i ventilatori per la ventilazione polmonare artificiale”, ha sottolineato l’esperto.

Forze aeree

Vale la pena ricordare che l’equipaggiamento militare russo viene utilizzato anche per combattere la pandemia di Covid-19 in India.

Le forniture alimentari e mediche sono state inviate negli Stati più remoti dell’India, che hanno scarse infrastrutture di trasporto, specie nella parte nord e nord-orientale del Paese, principalmente a bordo di elicotteri Mil Mi-17V-5 di medie dimensioni.

Il Mi-17V-5, di costruzione russa, costituisce la base dell’aviazione di elicotteri da trasporto delle forze aeree indiane ed è utilizzato in regioni con terreni difficili che vanno dai deserti agli altopiani lungo il confine con il Pakistan e la Cina.

In casi di emergenza, anche l’esercito indiano usa l’aviazione da combattimento. Ad esempio, alla fine di marzo, l’aereo di pattuglia marittima Ilyushin Il-38SD “Sea Dragon” della Marina militare indiana ha trasportato una grande quantità di mascherine e attrezzature mediche a Goa. Vale la pena ricordare che questo velivolo è stato progettato principalmente per rintracciare i sottomarini nemici in un oceano aperto e distruggerli con bombe di profondità, ma ora, nel mezzo della crisi sanitaria, l’aereo è stato riformattato per un uso pacifico e per aiutare le vittime di Covid-19.

Anche i più grandi aerei da trasporto militari del mondo stanno prendendo parte alla lotta contro la pandemia. All’inizio di aprile, l’aereo da trasporto super pesante russo Antonov An-124-100 “Ruslan” ha consegnato attrezzature mediche negli Stati Uniti e l’An-225 “Mriya” trasporta regolarmente dispositivi di protezione individuale dalla Cina all’Europa: mascherine, tute e visiere.

Secondo i resoconti dei media, il volume totale delle merci consegnate da An-225 il 14 aprile in Europa era di oltre mille metri cubi. È stato notato che questo è il più grande volume di merci trasportate per via aerea all’interno di un aeromobile.


I medici russi in Italia: “Studiamo gli errori da non ripetere nella gestione dell’epidemia” 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie