Riaperto lo storico cinema Khudozhestvennyj che ospitò la prima mondiale della Corazzata Potemkin

Mikhail Tereshchenko/TASS
Situato in Piazza Arbat a Mosca, fu inaugurato più di un secolo fa con la proiezione dell'attesissimo film muto francese "Georgette". Chiuso nel 2014, ha riaperto le porte al pubblico dopo sette anni di restauro. Ecco alcune curiosità su questa sala che ha segnato la storia del cinema

È uno dei cinema più antichi del mondo 

Il “Khudozhestvennyj”, in Piazza Arbat, è uno dei cinema più antichi del mondo ancora in funzione. È sopravvissuto alla Rivoluzione russa del 1917, alla Seconda guerra mondiale, all'era della stagnazione degli anni '70 e alla tumultuosa perestrojka degli anni '80. 

Il cinema Khudozhestvennij nel 1912

Inaugurato il 10 novembre 1909, originariamente era chiamato “Art Electro-Theater”, e la prima proiezione ebbe luogo il giorno seguente. Il pubblico aspettava con ansia di vedere il film muto francese “Georgette” diretto da Maurice de Féraudy. Le prime proiezioni furono molto brevi e duravano solo 15 minuti circa. 

Nel 1909, visitò il cinema nientepopodimeno che l'autore di “Guerra e Pace”, Lev Tolstoj!

Un design unico

Il progetto originale fu disegnato dall'architetto russo Nikolaj Blagoveshchenskij che ideò un edificio a un piano con una cupola e una fontana luminosa nel foyer. Il cinema originariamente poteva ospitare circa 400 persone. 

Quattro anni dopo l'apertura, il cinema fu acquistato dal pionieristico regista e imprenditore russo Aleksandr Khanzhonkov. A quel tempo, era ormai chiaro che il pubblico moscovita era affamato di film, perciò il locale doveva essere ampliato per aumentare la capacità di posti a sedere. 

Il progetto dell'architetto Fjodor Schekhtel

Nel 1913, l'edificio fu ricostruito secondo il progetto di Fjodor Schekhtel, uno dei protagonisti del panorama moscovita dell’Art Nouveau.

Il Khudozhestvennij fu quindi restaurato e modernizzato: la facciata fu riprogettata in stile classico, fu installato un sistema di riscaldamento a vapore e sul tetto fu costruita una cabina speciale per conservare le bobine dei film. Il foyer venne decorato con lampadari di cristallo, colonne di marmo e palme. Prima di ogni proiezione, musicisti e attori accoglievano gli ospiti con spettacoli dal vivo. 

Il cinema raddoppiò la sua capacità per accogliere circa 900 persone: l'intellighenzia moscovita di solito prendeva posto in platea, mentre le persone meno facoltose acquistavano i biglietti nel loggione.

Anche il repertorio fu ampliato: nel 1914 vennero proiettati circa 15 cortometraggi muti. 

Durante la Rivoluzione del 1917, il cinema fu usato come centro di detenzione per i prigionieri dell'Armata Rossa.

Nel 1919, Vladimir Lenin emise il decreto "Sulla transizione del commercio e dell'industria fotografica e cinematografica sotto il controllo del Commissariato del popolo per l'educazione". Come risultato, l’edificio smise di essere privato e divenne di proprietà del nuovo Stato sovietico.

Servizio di consegna dei biglietti a domicilio

All'epoca il Khudozhestvennyj offriva un eccellente livello di servizi: era l'unico cinema russo a recapitare i biglietti direttamente a casa dei clienti. Nelle vicinanze, infatti, vi erano molti edifici residenziali. 

Il cinema Khudozhestvennij nel 1925

A metà degli anni '30, il cinema aveva quasi 950 posti a sedere, un angolo bar con bevande e dolci, una sala lettura, un fasciatoio per bambini e un cortile interno per ospitare concerti dal vivo in estate. 

Il cinema ha continuato a funzionare anche durante la Seconda guerra mondiale per sollevare il morale dei cittadini.

Fu modernizzato nuovamente negli anni '50: alcune delle finestre furono murate, la buca dell'orchestra fu rimossa e furono apportate delle modifiche alla facciata. 

Poi, nel 1955, il Khudozhestvennyj divenne il primo cinema "widescreen" (a schermo largo) dell'URSS. 

Rimase la più grande e popolare sala di Mosca fino a quando il cinema “Rossija” aprì le sue porte in Piazza Pushkin per ospitare la seconda edizione del Festival Internazionale del Cinema di Mosca, nel 1961.

Ha ospitato molte anteprime di film 

Nel 1926, il Khudozhestvennyj (che allora si chiamava ufficialmente “1° Cinema di Stato”) ospitò la prima mondiale dell'iconico dramma storico di Sergej Eizenshtejn “La corazzata Potemkin”, accolto con entusiasmo dal pubblico. 

Nel 1926, il cinema Khudozhestvennij di Mosca ospitò la prima mondiale del film

Nel 1931, “Il cammino verso la vita”, il primo film sonoro sovietico, fu proiettato proprio qui. Fu acclamato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia del 1932, con Nikolaj Ekk che vinse il premio come miglior regista.

Anche il primo film a colori dell'URSS, “Grunja Kornakova”, fu proiettato al Khudozhestvennyj: era il 1936.

Una nuova storia

Le cose cominciarono ad andare male negli anni ‘90, quando il Khudozhestvennyj iniziò a ospitare un casinò con slot machine. Questo tempio del cinema chiuse nel gennaio 2014 ed è finalmente tornato in vita nella primavera del 2021.

Dopo sette anni di restauro, lo storico locale ha aperto di nuovo le porte al pubblico. Ora ha quattro schermi e sale con una capacità di posti a sedere da 21 a 474 persone. E nonostante sia sontuosamente decorato con il marmo, non è più eccessivamente ostentoso come una volta. 

Oggi il Khudozhestvennyj non proietta “popcorn movie” o blockbuster, ma solo film indipendenti e progetti d'autore, in lingua originale e con i sottotitoli in russo.

Leggi anche: Cinque film da vedere per sentirsi un vero moscovita

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie