Cosa c’è di tanto speciale nelle scuole fondate da Lev Tolstoj?

Ignatovich/Sputnik
Il grande scrittore russo odiava le pratiche adottate dall’istruzione ufficiale del suo tempo, sia in Russia che in Europa, e inventò un approccio alternativo, senza orari rigidi, compiti a casa e punizioni corporali

Cosa c’è di tanto speciale nelle scuole fondate da Lev Tolstoj?

Il grande scrittore russo odiava le pratiche adottate dall’istruzione ufficiale del suo tempo, sia in Russia che in Europa, e inventò un approccio alternativo, senza orari rigidi, compiti a casa e punizioni corporali.

“Il periodo più luminoso della mia vita non è stato quando ho dato il mio amore a una donna, ma quando ho dato tutto alle persone, ai bambini. È stato un grande momento, soprattutto nel contesto dei tempi bui che lo hanno preceduto”. Così Lev Tolstoj (1828-1910) ricordò il periodo della sua vita dedicato all’istruzione. 

Già autore molto noto, nel 1859 Tolstoj si appassionò all’insegnamento, considerandolo, come scrisse, “l’opera più importante del mondo, perché tutto ciò che sogniamo può prendere vita solo grazie alle generazioni future”. La sua speranza era di riunire la nobiltà e i contadini, cosa che cercava di fare grazie all’insegnamento alle giovani generazioni.

Era insoddisfatto del sistema scolastico che vedeva in Russia e all’estero. Nel 1857 e nel 1860, viaggiò in Europa e, dopo aver visitato una delle scuole tedesche, scrisse: “Sono stato in una scuola. È orribile. Devono pregare per il re, hanno punizioni corporali. Imparano tutto a memoria. I bambini sono terrorizzati, [mentalmente] mutilati.” “Potrei scrivere libri interi sull’ignoranza che ho visto nelle scuole in Francia, Svizzera e Germania.” Quei viaggi lo resero sicuro di voler aprire una sua scuola privata per i figli dei contadini (all’epoca per loro non era prevista), nella sua tenuta di Jasnaja Poljana.

LEGGI ANCHE: Otto cose da sapere sulla Tenuta di Tolstoj a Jasnaja Poljana 

“L’istruzione dovrebbe essere divertente”

Solo 22 bambini si presentarono alla scuola di Tolstoj il primo giorno di apertura, ma il numero crebbe di tre volte in poche settimane. La scuola si basava sulla totale libertà per gli allievi e non sulla punizione fisica che prevaleva altrove. La scuola era aperta anche alle ragazze.

“L’istruzione è un’esigenza intrinseca in ogni persona ed è per questo che può esistere solo nella forma in cui soddisfa questa esigenza”, diceva Tolstoj. “Il segno chiave della sua efficienza ed efficacia è quanto sia piacevole il processo. L’educazione, nella pratica e attraverso i libri, non può essere forzata con la punizione e dovrebbe essere divertente per gli studenti.”

Qui, i bambini non dovevano imparare a memoria i testi, né fare i compiti, e potevano anche andare e venire a loro piacimento. Le lezioni iniziavano alle 8-9 del mattino, poi c’era una pausa per il pranzo a mezzogiorno, e dopo aver mangiato, le lezioni proseguivano per altre 3-4 ore. Ogni insegnante, incluso lo stesso Tolstoj, impartiva 5-6 lezioni al giorno.

Gli studenti erano divisi in tre fasce di età (più giovane, media e più anziana), ognuna con un programma diverso, a seconda dei progressi e degli interessi. Anche le lezioni non erano tradizionali: si svolgevano sotto forma di un dialogo con l’insegnante e riguardavano la lettura, la matematica, la religione, la geografia, l’ambiente, il canto, il disegno, la fisica e la storia, così come altri temi. Tolstoj voleva insegnare ai bambini solo ciò che aveva un significato pratico o morale.

“Era sempre divertente a scuola, e tutti apprezzavano le lezioni”, ha ricordato uno degli ex allievi, Vasilij Morozov. “Lev Tolstoj adorava lavorare con noi. Lo faceva così appassionatamente che spesso saltava la colazione. A scuola, era sempre serio e voleva che fossimo ordinati, attenti ai nostri beni scolastici e che dicessimo solo la verità. Non gli piaceva quando qualcuno faceva battute stupide… Ed era felice quando rispondevamo alle sue domande in modo sincero.” 

“Voglio salvare tutti quei Pushkin”

Tolstoj non si limitò a una scuola. Grazie a lui, almeno 20 istituti simili vennero aperti nella Regione di Tula e dette vita persino a una rivista dedicata ai temi della didattica. Il suo approccio non ortodosso attirò una grande attenzione sia in Russia che all’estero e, naturalmente, alla nobiltà non piaceva.

Dopo il suo matrimonio, nel 1862, anche a causa di attacchi sempre più duri da parte delle autorità locali, Tolstoj decise di smettere di insegnare e ritornò in classe solo nel 1871, quando iniziò a lavorare al suo “Abecedario”. In questo periodo iniziò a tenere di nuovo lezione ai bambini dei contadini e cercò di cambiare le cose in altre scuole della regione.

Nel 1874 scrisse: “Ora sono passato dalla pedagogia teorica a quella pratica e mi sono innamorato di nuovo dei bambini… Quando entro a scuola e vedo quella folla di bimbi cenciosi, sporchi e smagriti, con i loro occhi luminosi e le loro facce d’angelo, l’ansia e la paura ricadono su di me, come se vedessi qualcuno annegare… Io voglio salvare tutti quei Pushkin, quegli Ostrogradskij, quei Filaretov, quei Lomonosov di cui ogni scuola pullula. E il mio lavoro sta andando molto bene.”

Ancora in attività

Dai tempi di Tolstoj a oggi, la scuola da lui aperta ha attraversato periodi di alti e bassi. Durante la Grande Guerra Patriottica, la Seconda guerra mondiale, la scuola fu persino bruciata, e sopravvissero solo le mura portanti.

Oggi è ancora operativa (qui il sito internet) e nell’anno accademico 2019/20, la scuola impiega 45 insegnanti e ha 233 studenti della regione di Tula. La scuola segue ancora i principi del grande scrittore e collabora persino con la “Lew-Tolstoi Grundschule” di Berlino, con uno scambio internazionale di studenti.

“Esiste un forte legame tra le generazioni nella nostra scuola”, afferma Aleksandr Sukhorukov, vicedirettore del lavoro scientifico e metodologico presso la scuola Tolstoj. “I bambini studiano qui, vanno all’università, quindi tornano da noi per lavorare. E spesso insegniamo ai loro figli. Non di rado riceviamo visitatori che vogliono saperne di più sulla pedagogia di Tolstoj, e siamo sempre felici di dare loro delle spiegazioni”. 


Sette fatti su Lev Tolstoj che molto probabilmente non conoscete 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie