Smalto di Rostov, artigianato russo dall’accento francese

Uno smalto risalente al XX secolo.

Uno smalto risalente al XX secolo.

: A. Milovsky/RIA Novosti
Sette curiosità su questo gioiello di produzione locale, divenuto il biglietto da visita della città russa

La pittura su smalto è comparsa a Rostov Velikij (200 km a nord-ovest di Mosca) nel XVIII secolo. Il settore ha acquisito una seconda identità commerciale dopo la Rivoluzione d'Ottobre, quando gli artigiani locali hanno cominciato a creare miniature con motivi floreali colorati. A parlarci di alcuni fatti interessanti legati alla storia di questa attività è il Consigliere per le acquisizioni del fondo museale del Museo russo di decorazione, artigianato e arte popolare, Andrej Gilodo.

1) Industria russa con accento francese

Lo smalto in Russia è noto a partire dall'inizio dei secoli X-XI grazie ai rapporti con l'impero bizantino. Ma come genere separato di arte, lo smalto finift di Rostov è giunto a noi dalla Francia, o meglio, da Limoges, dove a metà del XVII secolo è comparsa una pittoresca miniatura in smalto.

2) Nasce dal fuoco

Le opere dell'industria di Rostov vengono create utilizzando la tecnica della pittura in miniatura su smalto in una cornice di metallo in filigrana: nel metallo viene saldato un disegno con un reticolato. In greco "fingitis" significa “pietra luminosa”. Infatti, il disegno viene fatto sullo smalto in diverse fasi e dopo ogni fase viene cotto: questo conferisce straordinaria profondità e lucentezza allo smalto.

Ufficio stampa del Museo russo di arti decorative
Vsevolod Tarasevich/RIA Novosti
Vsevolod Tarasevich/RIA Novosti
Aleksej Kudenko/RIA Novosti
Ufficio stampa del Museo russo di arti decorative
Ufficio stampa del Museo russo di arti decorative
Ufficio stampa del Museo russo di arti decorative
Ufficio stampa del Museo russo di arti decorative
Ufficio stampa del Museo russo di arti decorative
 
1/9
 

3) Facevano miniature per le decorazioni in chiesa

Gli artigiani di Rostov utilizzavano le miniature su smalto con scene bibliche per decorare gli oggetti della chiesa, i paramenti del clero, le copertine per il Vangelo. Dagli anni '40 dell'Ottocento iniziarono ad essere creati anche soggetti secolari: ritratti in miniatura, opere narrative e di genere.

4) Si utilizzano vernici per la porcellana

All'inizio del XX secolo, al posto di ossidi metallici usati tradizionalmente per la pittura su smalto, l'industria di Rostov ha cominciato a usare la vernice per la pittura su porcellana. Questo ha facilitato notevolmente il lavoro degli artisti: non c'era più bisogno di ricominciare tutto da capo in caso di errore, bastava rimuovere il frammento sbagliato.

5) Con lo smalto si fabbricavano segni distintivi

Alcune regioni della Russia avevano le proprie tradizioni di pittura su smalto, come i famosi smalti Stroganoff e Usolskij a nord, apparsi nel XVII secolo. A Mosca esistevano tradizioni di smalto cloisonné e smalto su filigrana in epoca pre-petrina (inizio e metà del XVII sec.). Più tardi a San Pietroburgo e Mosca si formò una potente tradizione di miniature su smalto: ai tempi di Pietro I ritratti con la sua immagine o dei suoi familiari venivano utilizzati come segno distintivo.

Lo smalto cloisonné è una delle tecniche più sofisticate per il metodo di fabbricazione di smalto. Per la sua produzione si prende una lamina metallica su cui si graffia, incide o taglia il profilo della futura immagine. Poi lungo il contorno vengono saldate sottili strisce metalliche fissate sul bordo per ottenere un'immagine con settori di varie dimensioni e forme. Ogni settore viene riempito con smalti di diversi colori fino al bordo superiore e poi viene cotto.

Lo smalto su filigrana è invece una variante della tecnica di smalto cloisonné, molto diffusa in Russia. Sulla superficie metallica viene saldato un motivo floreale o geometrico di metallo impiantato (oro, argento, rame) che costituisce i settori. Ogni settore della filigrana è riempito fino all'orlo con smalto di diversi colori, che dopo la cottura risulta più basso dell'ornamento in filigrana.

6) L'industria veniva usata per la propaganda

La comune pittura finift di Rostov con motivi floreali colorati è diventata il biglietto da visita della città dopo il 1917, quando l'industria non è appassita, ma al contrario ha ricevuto forte impulso allo sviluppo. Ha continuato a fiorire anche la tradizionale pittura di genere e il ritratto. Negli anni 1920-1930 cominciarono ad apparire i cosiddetti "smalti propagandistici", con temi legati al nuovo stato - l'Unione Sovietica - ai suoi simboli e personalità.

7) Diventò produzione di arte orafa

Dopo la Seconda guerra mondiale nella fabbrica "Rostovskaya finift" hanno ampliato l'assortimento dei prodotti: sigarette, specchi, scatoline decorate con smalto, da oggetti ordinari, si sono trasformati in opere d'arte. Ora l'immagine di Rostov è associata ai gioielli, in cui lo smalto è decorato con motivi floreali.

Nell'era post-sovietica è stata recuperata anche la tradizione della pittura su smalto per la chiesa.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta