Quattro piatti sovietici per chi ama il pesce e le ricette veloci

Legion Media
Avete mai provato il pesce in scatola come base per zuppe, antipasti e insalate? Ecco alcune idee facili e gustose, per chi vuole servire a tavola gli antichi sapori sovietici

1 / Zuppa di salmone rosa

La più tradizionale zuppa di pesce in Russia si chiama ukha; ma il buon pesce fresco non sempre è a portata di mano, soprattutto in Russia… Senza tenere conto che ci vuole un bel po’ di tempo per prepararlo. Un’alternativa valida e soprattutto rapida è la zuppa di salmone rosa fatta con pesce in scatola.

Preparazione: Sciacquate accuratamente il riso (3 cucchiai) e mettetelo in acqua bollente (2 L). Dopo 10 minuti, aggiungete le patate a dadini (3 pz), le carote grattugiate (1 pz) e la cipolla tritata (1 pz). (Se volete un tocco di gusto in più, soffriggete in padella la cipolla e la carota con un filo di olio). 

Aggiungete una foglia di alloro, spezie e sale a piacere. Aprite una lattina di salmone rosa, rimuovete le spine e tagliate il pesce con un coltello. Evitate di schiacciarlo con la forchetta, in modo che i pezzi rimangano interi. Mettete il pesce nella zuppa, aggiungete l'aneto tritato con il prezzemolo e fate bollire per altri 5 minuti. Servite su un piatto con una fettina di limone, erbe fresche e smetana a piacere.

2 / Zuppa di pomodoro e spratto

Questa zuppa è semplice, ma può essere preparata in molti modi diversi. Alcuni usano il brodo di pesce come base, altri il brodo di pollo. Ma c’è anche chi prepara un condimento di verdure, o aggiunge patate, riso o spaghettini. La nostra ricetta, invece, prevede tre semplici ingredienti.

Preparazione: Per prima cosa, mescolate la salsa di pomodoro (1 L) e il brodo di pesce (0,5 L), e fate bollire per 10 minuti a fuoco medio. Aprite un barattolo di spratti fritti (200 g), scolate l'olio e versate gli spratti nella zuppa. Portate tutto a ebollizione e togliete dal fuoco. Per ottenere una crema, passate la zuppa nel frullatore. 

(Ricetta tratta dal libro “Fish of Mine” di Vladimir Perelman)

3 / Sandwich con spratti e pasta di melanzane

Il classico sandwich russo a base di pane Borodinsky o pane bianco con spratti baltici e una spolverata di aneto viene ancora oggi servito in alcuni locali di Mosca, ma il ristoratore Vladimir Perelman ha elevato la ricetta a un nuovo livello di perfezione. Condividiamo questa variante, tratta dal libro “Fish of Mine”.

Preparazione: Pungete in più punti le melanzane (4 pezzi) con uno stuzzicadenti e cuocetele su una teglia asciutta a 180°C per 20 minuti. Nel frattempo tritate la cipolla (1 pz), la carota (1-2 pz) e l'aglio (4 spicchi). Rosolate a fuoco medio fino a quando la cipolla diventa trasparente, quindi aggiungete il concentrato di pomodoro (70 g). Sbucciate le melanzane cotte, tagliatele a dadini e aggiungetele al soffritto di verdure. Portate il tutto a ebollizione, aggiungete sale, pepe e coriandolo tritato (20 g). Soffriggete 6-8 pezzi di pane su entrambi i lati su una padella asciutta. Aprite la lattina di spratti (200 g) e scolate l'olio. Distribuite la pasta di melanzane e gli spratti sul pane caldo.

Versione rapida: Prendete una fetta di pane nero, strofinateci sopra uno spicchio di aglio, versateci sopra un filo di olio aromatico; quindi sistemate gli spratti, cospargeteli di formaggio grattugiato (a piacere) e cuocete per un paio di minuti in forno.

4 / Insalata di mimosa

Questa insalata viene preparata tradizionalmente per Capodanno e per la Giornata Internazionale della Donna. Il nome deriva dal tuorlo d'uovo sodo, che viene grattugiato sopra, conferendo all’insalata l’inconfondibile aspetto di un fiore di mimosa giallo. L’insalata racchiude un cuore di salmone rosa in scatola, posto sotto diversi strati di carote, patate, uova e formaggio, tutti “affogati” nella maionese.


Scoprite qui la ricetta completa

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie