Mica solo orsi e tigri, anche il più grande gufo del mondo vive in Russia ed è a rischio estinzione

Gufo pescatore di Blakiston

Gufo pescatore di Blakiston

redbookrf.ru
Nell’Estremo Oriente russo vivono tra 200 e 400 esemplari di Gufo pescatore di Blakiston, una specie che per dimensioni sembra quasi un’aquila, e che si nutre di pesce invece che di roditori. Purtroppo, tra caccia, pesca con le rete e cambiamenti climatici, questo fantastico uccello è in pericolo

Gufo pescatore di Blakiston

Quando si parla della fauna dell’Estremo Oriente russo, sono i grandi felini a farla da protagonisti. I ben pubblicizzati sforzi internazionali per salvare la Tigre dell’Amur (nome scientifico: Panthera tigris altaica) e il Leopardo dell’Amur (Panthera pardus orientalis), a grave rischio estinzione, hanno reso questi felini le mascotte non ufficiali delle foreste orientali della Russia. Tuttavia, la taiga del Territorio del Litorale (in russo: Primorskij kraj), la regione che ha come capoluogo Vladivostok e che confina con la Corea del Nord, la Cina ed è bagnata dal Mar del Giappone, ospita anche la più grande specie di gufo del pianeta, anch’essa in pericolo: il Gufo pescatore di Blakiston (Bubo blakistoni).

Un gufo addormentato

Questi bellissimi gufi hanno un’apertura alare di 180-190 cm e di solito sono lunghi circa 72 cm. La femmina è molto più grande del maschio e può pesare fino a 4,5 kg.

Il loro habitat si estende fino all’isola giapponese di Hokkaido e alla provincia cinese di Heilongjiang. Sono elencati in Russia nella Lista rossa delle specie in via di estinzione e possono essere trovati a nord fino a Magadan e ad est fino a Sakhalin e alle Isole Curili meridionali, dove è presente una sottospecie.

Sono una specie sedentaria e non amano uscire dal loro territorio di comfort, a meno che non siano estremamente affamati. Ciò solleva la questione di come questi gufi, che non si trovano da nessuna parte vicino all’Europa, abbiano ricevuto un nome così british. Si scopre che il primo europeo a notare questo sfuggente uccello fu Thomas Blakiston (1832-1891), un naturalista inglese che visse in Giappone nel XIX secolo. Nel 1883, raccolse un esemplare di gufo a Hokkaido, che in seguito fu chiamato “Gufo pescatore di Blakiston” da Henry Seebohm (1832-1895), un produttore di acciaio inglese, passato alla storia come ornitologo.

Gufo pescatore di Blakiston nella riserva naturale delle Curili

I gufi pescatori di Blakiston sono specializzati nella caccia sulle rive. Questi uccelli si sono evoluti per specializzarsi nella caccia al pesce, invece che ai topi come gli altri gufi. I loro terreni di caccia preferiti sono le rive dei fiumi. La loro dieta include i salmoni che vanno a deporre le uova, i gamberi e le rane, e sono abbastanza forti da catturare pesci che pesano fino a un chilogrammo. Il loro modo abituale di catturare la preda è sedersi su una pietra vicino alla riva e tirare fuori dall’acqua il pesce, ma possono anche andare a fondo nell’acqua per pescare la vittima direttamente nel suo ambiente.

Nell’Estremo Oriente russo, gli strati superiori dei fiumi gelano nei mesi invernali, rendendo la vita più difficile a questi gufi. Tuttavia, gli uccelli trovano acque libere o dove la corrente del fiume scorre abbastanza velocemente o dove c’è una risalita di acqua calda di sorgenti termali. Pochi metri di mare aperto sono sufficienti per far passare l’inverno ai gufi pescatori. Nei mesi più freddi, i gufi cacciano anche uccelli più piccoli.

Secondo le migliori stime degli ambientalisti, ne sono rimasti in natura 3.700. Il Territorio del Litorale ospita da 200 a 400 gufi pescatori di Blakiston. Come le tigri e i leopardi dell’Estremo Oriente russo, questi gufi non sono affatto creature sociali e erano quasi cancellati dalla memoria dei residenti di questa zona.

LEGGI ANCHE: Com’è l’abitante tipico dell’Estremo Oriente Russo? 

Nel 2000, Jonathan Slaght, un giovane biologo della fauna selvatica originario del Minnesota, individuò uno di questi uccelli mentre era in escursione con un suo amico. Inaspettatamente si imbatté in un gufo pescatore di Blakiston, che si spaventò e prese il volo. “Prendendo il volo, ha gridato tutto il suo disappunto, poi è atterrato per un momento sulla nuda chioma di un albero una decina di metri sopra le nostre teste”, ha scritto Slaght nel suo libro del 2020 intitolato “Owls of the Eastern Ice: A Quest to Find and Save the World’s Largest Owl” (Allen Lane - Penguin Books). “Questa massa arruffata di trucioli di legno marrone ci guardava con diffidenza con occhi giallo elettrico.” Slaght e il suo amico non erano sicuri di che uccello si trattasse. “Era chiaramente un gufo, ma più grande di qualsiasi altro che avessi mai visto, delle dimensioni di un’aquila ma più soffice e più corpulento, con enormi ciuffi auricolari.” Era la prima volta in un secolo che qualcuno vedeva il gufo pescatore così a sud.

Slaght ha dedicato la maggior parte degli ultimi due decenni alla conservazione del gufo pescatore e documenta nel suo libro i suoi numerosi viaggi nel Territorio del Litorale in questo ventennio.

Specie in pericolo

L’espansione dell’industria del disboscamento e la costruzione di dighe nel Territorio del Litorale hanno contribuito in modo determinante alla minaccia di estinzione di questa specie. Anche la pesca commerciale rappresenta un pericolo per questi uccelli, perché molti gufi pescatore restano intrappolati nelle reti da salmone e annegano.

Sebbene sia illegale cacciare questi uccelli, le agenzie di stampa dell’Estremo Oriente russo occasionalmente riportano notizie di gufi pescatori uccisi dai cacciatori. I biologi del Territorio del Litorale dicono che molte volte i cacciatori sparano a un grosso uccello che vedono da lontano, non sapendo di che specie sia. Quando si avvicinano e si rendono conto di cosa hanno combinato, abbandonano l’uccello morto o moribondo.

Poi c’è il pericolo rappresentato dal cambiamento climatico. Un tifone nel 2016 ha distrutto 1.600 chilometri quadrati di foresta nella Riserva della biosfera di Sikhote-Alin, nel Territorio del Litorale; uno dei principali habitat di questi uccelli.

Circa 200-400 esemplari dei 3.700 gufi rimasti in natura abitano nel territorio di Primorje, nell'Estremo Oriente russo

“Il Territorio del Litorale è, più della maggior parte delle zone temperate, un luogo in cui gli esseri umani e la fauna selvatica condividono ancora le stesse risorse”, ha scritto Slaght nel suo libro. “Ci sono pescatori e salmoni, taglialegna e gufi, cacciatori e tigri. Molte parti del mondo sono troppo urbanizzate o sovrappopolate perché tali sistemi naturali possano coesistere; qui la natura si muove in un flusso interconnesso.” Il biologo americano, che è il coordinatore per la Russia e il Nordest asiatico della Wildlife Conservation Society, ritiene che, con una corretta gestione, i gufi possano essere salvati.

Gli appassionati di fauna selvatica e i fotografi che sperano di dare un’occhiata da vicino a questi grandi gufi dovrebbero visitare il Territorio del Litorale in inverno, quando questi uccelli sfuggenti sono più facili da individuare sulle sponde bianche di neve dei fiumi ghiacciati.


Vladivostok: la città alla fine della Russia spiegata per bene 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie