La Cattedrale di Rostov Velikij: dove il Medioevo russo dà il suo meglio

Lo storico ed esperto di architettura William Brumfield prosegue il viaggio alla riscoperta dei grandi simboli della storia russa che erano stati immortalati a inizio Novecento dal pioniere della fotografia a colori Sergej Prokudin-Gorskij

Rostov Velikij. Complesso della cattedrale, vista sud-ovest. Da sinistra: Cattedrale della Dormizione, campanile, parete nord del Cremlino, Chiesa della Resurrezione sopra la Porta Nord. 28 giugno 1995

Rostòv, spesso indicata, per distinguerla dalla città meridionale di Rostov sul Don, come Rostòv Velìkij (“la grande”; per l’importanza storica e non per l’estensione territoriale o demografica, ha infatti una popolazione di solo 31 mila persone), è una delle prime città storicamente attestate in Russia. Situata 215 chilometri a nord-est di Mosca, la città gode di una superba cornice naturale sulla sponda nord del Lago Nero.

Nell’estate del 1911, il chimico e fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij, pioniere della fotografia a colori (si veda il paragrafo in basso) visitò la città durante uno dei suoi viaggi in cui documentava la ricchezza architettonica dell’Impero russo all’inizio del XX secolo. Come d’abitudine nel periodo medievale, l’insieme urbanistico di Rostov è riunito attorno a una grande cattedrale. Particolarmente suggestivo in questo senso è lo scatto generale di Prokudin-Gorskij sul centro città da un campanile che oggi non esiste più. Le mie fotografie di Rostov sono state scattate nell’arco di tre decenni, dal 1988 al 2019.

Cremlino di Rostov Velikij. Vista nord-ovest dal campanile della chiesa di Ognissanti (ora distrutta). Da sinistra: Cattedrale della Dormizione, Chiesa della Resurrezione sopra la Porta Nord, Chiesa di San Giovanni il Divino sopra la Porta Ovest. Estate 1911

Una storia lunga e di primo piano

Rostov è menzionata per la prima volta nell’anno 862 nell’antica “Cronaca degli anni passati”. Nel corso del X secolo, i coloni slavi, principalmente provenienti dalle terre di Novgorod, si trasferirono in questa zona, che era già abitata da tribù ugro-finniche.

Nel 988 il principe Vladimir di Kiev, il cristianizzatore della Russia, conferì le terre di Rostov a uno dei suoi figli, Jaroslav, una figura di spicco che successivamente fu conosciuto come “il Saggio”. Alla metà dell’XI secolo, le terre di Rostov passarono al figlio di Jaroslav, Vsevolod, e missionari cristiani come Leonzio (Leontij) di Rostov intensificarono il loro tentativo di convertire una popolazione locale, in gran parte ancora pagana. Per i suoi sforzi, il vescovo Leonzio fu martirizzato verso il 1070.

Rostov. Porta Santa (ingresso al complesso della cattedrale). Vista sud. 5 luglio 2019

Il consolidamento dell’autorità della Chiesa fu simboleggiato a metà del XII secolo dalla Cattedrale della Dormizione della Vergine Maria, voluta dal principe Andrej Bogoljubskij, e poi ricostruita dal principe Costantino di Vladimir verso il 1220. Rostov cadde sotto il giogo mongolo nel 1237-38, ma la cattedrale e i monasteri rimasero in gran parte intatti.

In seguito all’invasione, Rostov acquistò importanza tra le istituzioni ecclesiastiche, in quel periodo di devastazione diffusa. Nel XIV secolo, Rostov era un centro di studi religiosi e di attività missionaria, e produsse figure come Santo Stefano di Perm ed Epifanio il Saggio.

Le innovazioni architettoniche

Cattedrale della Dormizione, vista ovest. Sullo sfondo a destra: campanile della cattedrale. 5 luglio 2019

Una ricostruzione della Cattedrale della Dormizione dopo un incendio avvenuto nel 1408 prolungò la vita della struttura in pietra calcarea. Tuttavia, le innovazioni costruttive adottate dagli architetti italiani del Cremlino di Mosca tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo portarono a una nuova ondata di edificazione di importanti complessi religiosi. La ricostruzione della Cattedrale di Rostov sul sito delle versioni precedenti fu un evento di grande significato. Iniziata forse durante il regno di Ivan III e proseguita da Basilio III di Russia all’inizio del XVI secolo, la nuova cattedrale di Rostov prese a modello la Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. In questo modo, la cattedrale di Rostov rifletteva la posizione politica dominante di Mosca e il suo desiderio di valorizzare gli antichi centri della cultura religiosa russa.

Complesso della cattedrale, vista nord-ovest. Da sinistra: Cattedrale della Dormizione, campanile, Porta Santa, parete nord del Cremlino con la Chiesa della Resurrezione sopra la Porta Nord. Estate 1911

A differenza del suo modello moscovita, le cui pareti avevano di blocchi di pietra calcarea tagliati, i muri della Cattedrale della Dormizione di Rostov vennero costruiti in mattoni su una base di calcare, con pilastri in pietra usati solo per delineare le quattro sezioni delle facciate. In ogni caso, la cattedrale di Rostov aveva una chiara somiglianza con il modello di Mosca, che a sua volta riprendeva la Cattedrale della Dormizione di Vladimir, risalente alla fine del XII secolo.

LEGGI ANCHE: Rostov Velikij: cosa non dovete perdervi in questa città fortezza dallo splendido cremlino 

Tutti e tre questi monumenti hanno una grande fascia decorativa ad archi che si estende lungo le facciate. Le sezioni di ogni facciata culminano con i timpani curvi noti come zakomary. Le strutture sono coronate da cinque cupole elevate su tamburi, e l’interno di ogni cattedrale ha sei enormi pilastri (o colonne nel caso di Mosca) che sostengono le volte del tetto.

Sebbene la ricostruzione della cattedrale di Rostov sia in genere datata al 1508-12, alcuni specialisti hanno sostenuto che la struttura sia stata migliorata alla fine del 1580. A quel tempo lo status di Rostov come centro religioso era aumentato a causa della sua elevazione da semplice episcopato a metropolia nel 1589.

Cattedrale della Dormizione, vista sud-est con portico del XII secolo (ingresso principale alla cattedrale dal Cortile del Vescovo). 5 luglio 2019

Allo stesso tempo, il patriarca ecumenico di Costantinopoli Geremia II Tranos e un consiglio dei patriarchi ortodossi avevano concordato di conferire lo status di patriarca al leader della Chiesa ortodossa russa. La Chiesa russa, con sede a Mosca, ottenne così piena e definitiva autonomia nel gestire i suoi affari.

Sebbene Rostov fosse saccheggiata dalle forze polacche nel 1609, durante la crisi dinastica nota come Periodo dei torbidi, riacquistò presto il suo posto di centro culturale ed economico nel nord-est della Moscovia. La magistrale Cattedrale della Dormizione ha svolto un ruolo significativo nel mantenere questo status.

Lo splendido Cremlino di Rostov

La più grande trasformazione architettonica di Rostov avvenne nella seconda metà del XVII secolo con la costruzione del suo cremlino, un grandioso progetto avviato da un attivo leader della Chiesa, Giona (o Iona) Sisoevich (1607-90 ca.). Figlio di un prete di campagna, Giona avanzò lungo la gerarchia monastica di Rostov e nel 1652 fu nominato metropolita di Rostov dal neoeletto Patriarca Nikon.

Situata a breve distanza dalle nuove mura del Cremlino, la Cattedrale della Dormizione serviva da “ancora” prospettica per il Cortile del Vescovo. La transizione visiva dalla cattedrale al complesso del Cremlino era fornita da uno dei più grandi campanili (zvonnitsa) della Russia, eretto in due fasi tra il 1682-89. 

Cattedrale della Dormizione, interno. Vista verso est con la cupola principale e l’iconostasi. 5 luglio 2019

Alla fine del XVII secolo, le basse cupole emisferiche della Cattedrale della Dormizione furono sostituite dalle magnifiche cupole a cipolla che si abbinavano a quelle delle nuove chiese del Cremlino di Giona, come la vicina Chiesa della Resurrezione sopra la Porta Nord. Prokudin-Gorskij è stato in grado di fotografare i due santuari insieme, in uno scatto che ho replicato diversi decenni dopo. Con la croce sopra la cupola centrale, l’altezza della cattedrale raggiunge i 60 metri.

Come nel caso di molte altre grandi chiese russe, l’originale tetto curvo della Cattedrale della Dormizione fu sostituito con un tetto inclinato più semplice, visibile nelle fotografie di Prokudin-Gorskij. Le mie fotografie mostrano il restauro del dopoguerra, cha ha riportato al tetto precedente, che seguiva i contorni dei timpani zakomary semicircolari.

All’interno, le pareti della cattedrale furono affrescate, a partire dal 1589. Ma la pittura completa delle vaste pareti interne fu iniziata solo nel 1659 da un gruppo di artisti sotto la direzione di Iosif Vladimirov, un pittore di Jaroslavl che ha lavorato anche al Cremlino di Mosca. Un decennio dopo, a questo gruppo si unirono i noti maestri Gurij Nikitin e Sila Savin.

Sfortunatamente, gran parte di questo lavoro interno fu danneggiato da un incendio nel 1671 e ulteriormente oscurato da un restauro nel 1779 e da una riverniciatura del 1843. Ulteriori danni si verificarono durante il periodo sovietico, anche se gli sforzi di restauro negli anni Cinquanta hanno scoperto frammenti degli affreschi del XVII secolo.

Cattedrale della Dormizione, interno. Cappella di San Leonzio. 5 luglio 2019

Un processo di pulizia e restauro estesi delle pareti interne è iniziato solo di recente. Uno dei primi risultati è la Cappella di San Leonzio, situata sul lato meridionale e contenente le reliquie del vescovo martirizzato.

L’elemento più visibile degli interni è un’imponente icona barocca realizzata  tra gli anni Trenta e Quaranta del Settecento. In quel periodo, il territorio della cattedrale era racchiuso da un basso muro di mattoni nel quale si accedeva attraverso una piccola torre conosciuta come Porta Santa.

Cattedrale della Dormizione (a sinistra), parete nord del Cremlino e Chiesa della Resurrezione sopra la Porta Nord. Facciata sud, vista dalla residenza del Metropolita. 4 ottobre 1992

Il simbolo della Rus’ medievale

Nel corso del XVIII secolo, lo status di Rostov diminuì e nel 1788 fu abolita la sua metropolia. Il declino divenne così grave che nel XIX secolo la Chiesa prese in considerazione la demolizione di molti edifici nel Cremlino di Giona e la trasformazione del resto in magazzini per l’adiacente mercato.

Fortunatamente, uno dei primi gruppi di persone in Russia che si batteva per preservare l’architettura storica si riunì nella seconda metà del XIX secolo per salvare le grandi opere d’arte nazionale. Rostov divenne un simbolo della conservazione della cultura medievale russa, inclusa la Cattedrale della Dormizione.

Cattedrale della Dormizione (a sinistra), parete nord del Cremlino e Chiesa della Resurrezione sopra la Porta Nord. Facciata sud, vista dalla residenza del metropolita. Estate 1911

Con l’istituzione del potere sovietico, la Cattedrale della Dormizione fu relegata a uso parrocchiale e poi chiusa del tutto. L’ampio interno venne utilizzato per vari scopi, tra cui officine.

Nel 1953, una tempesta causò enormi danni alla città e distrusse la maggior parte delle grandi cupole del XVII secolo. I migliori esperti di restauro lavorarono qui per riparare sia la Cattedrale che il Cremlino, sotto la supervisione di Vladimir Banige (1905-1973), uno dei principali specialisti del patrimonio culturale di Rostov.

Cattedrale della Dormizione (a sinistra), parete nord del Cremlino e Chiesa della Resurrezione sopra la Porta Nord. Facciata sud, vista dalla residenza del metropolita. 5 luglio 2019

La Cattedrale della Dormizione e il campanile della cattedrale furono restituiti alla Chiesa ortodossa nel 1991. Il lungo e accurato processo di restauro è iniziato dopo decenni di abbandono e probabilmente andrà avanti per molti anni a venire.

***

Prokudin-Gorskij, il suo metodo e la sua eredità

Nei primi anni del XX secolo il fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij inventò un complesso procedimento per ottenere fotografie a colori. Tra il 1903 e il 1916 viaggiò per l’Impero Russo e scattò oltre 2.000 foto con il nuovo metodo, che comprendeva tre esposizioni su una lastra di vetro. Nell’agosto del 1918 lasciò la Russia con gran parte della sua collezione di negativi su vetro e si stabilì in Francia. Dopo la sua morte, avvenuta a Parigi, nel 1944, i suoi eredi vendettero la collezione alla Biblioteca del Congresso Usa. All’inizio del XXI secolo, la Biblioteca del Congresso ha digitalizzato le immagini di Prokudin-Gorskij, rendendo le foto pubblicamente e gratuitamente disponibili al pubblico mondiale. Un gran numero di siti russi ora ha una copia della collezione. Nel 1986 lo storico dell’architettura e fotografo William Brumfield organizzò la prima mostra delle foto di Prokudin-Gorskij alla Biblioteca del Congresso. In un lungo periodo di lavoro, cominciato agli inizi degli anni Settanta del Novecento, Brumfield ha rifotografato la gran parte dei luoghi visitati da Prokudin-Gorskij. Questa serie di articoli mette a confronto questi complessi architettonici a circa un secolo di distanza.

Ecco gli articoli di William Brumfield sui capolavori architettonici fotografati da Prokudin-Gorskij 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie