Undici dritte per viaggiare in Russia spendendo poco

Getty Images
Volete andare nel Paese più grande del mondo ma avete un budget risicato? Ecco i consigli per andare lontano e non sperperare troppo

1. Ottenete un invito come volontario

Come nel resto del mondo, in Russia è ampiamente praticato il lavoro volontario in cambio di vitto, alloggio e nuove esperienze. Per esempio potete cercare sul portale di annunci Help Exchange. A invitare gli stranieri in Russia sono piccoli imprenditori, famiglie, campi estivi per bambini e persino l’Accademia delle Scienze (per esempio, all’inizio della stagione archeologica).

Le condizioni dipendono da caso a caso, ma state pur sicuri che per le posizioni migliori ci saranno molti pretendenti a contendervi il posto: bisogna monitorare costantemente il sito e reagire velocemente quando esce qualcosa di nuovo, consiglia la viaggiatrice e blogger Asja Repreva. Sarà più facile se avete già qualche referenza. “L’anno scorso, con posti aggiudicati per concorso, era possible andare a Ferapontovo [un antico monastero che fa parte della Lista dei patrimoni dell’umanità dell’Unesco], in Kamchatka, e in Siberia, in un campo estivo sul Lago Bajkal”. Il periodo più gettonato ovviamente, è quello dei mesi estivi. Uno dei principali pro, oltre al fatto che non dovrete sborsare praticamente nulla, è che molte persone che invitano volontari si occupano anche delle questioni burocratiche relative al visto e pagano il viaggio. Il contro? È che dovrete lavorare davvero. Qui sei possibili progetti. 

2. Acquistate la card turistica CityPass: conviene

Accesso gratuito ai musei e alle escursioni, ingresso senza code in biglietteria, gite fluviali, sconti sui taxi e in alcuni ristoranti, chiamate illimitate per la Russia e molti altri benefici. Questo è quello che vi offre la carta CityPass (sia a Mosca che a San Pietroburgo). Quella di Mosca costa a partire da 3.500 rubli (49 euro), per un giorno, fino a 139 per cinque giorni, quella di San Pietroburgo va da 55 euro per due giorni a 95 per cinque giorni, ma con lei in tasca risparmierete di sicuro molto di più.

3. Tenete d’occhio le giornate a ingresso libero

Ma potete fare economia anche sulla card per turisti. “Se non vi vergognate, ricordate: in molti musei e parchi russi si può entrare senza pagare, passando dalle uscite. Spesso, infatti, non c’è nessuno che controlla. Ma se non avete una simile faccia tosta, allora sappiate che ogni museo ha delle giornate a ingresso libero”, dice il travel blogger Vladimir Druganov.
Per esempio, il giorno free all’Ermitage è ogni primo giovedì del mese, mentre alla Nuova Galleria Tretjakov è qualsiasi mercoledì.

4. Chiedete a dei russi di comprare per voi il biglietto. E non prendete le audioguide

I biglietti per i musei e le gallerie, di norma costano più caro per gli stranieri che per i cittadini russi. Per sborsare meno, provare a chiedere a qualche persona del posto di presentarsi alla cassa al vostro posto. E non tiratevi la zappa sui piedi prendendo un’audioguida. Ad essere sinceri non vi serve, e in molti musei potrete scaricarla in inglese dall’App Store.

5. Mangiate dove ci sono offerte speciali

Potete trovare delle super offerte nelle tavole calde e nei ristoranti russi praticamente a ogni ora del giorno e della notte. Le stolovye, i ristoranti self service economici che offrono cucina casalinga, rappresentano una scelta sempre vincente. Qui per un pranzo che include zuppa, primo piatto, bibita e dolce potreste cavarvela con 250-300 rubli (3,50-4,15 euro) o anche meno.

“Durante i miei viaggi in giro per la Russia, io mi regolavo così: la mattina facevo colazione in stolovye terra terra, aiutandomi con 2Gis [un servizio multilingua con carte delle principali città russe e informazioni su orari e conto medio dei locali] per trovarle. Pranzavo in qualsiasi posto dove ci fosse il business lunch [una formula attiva in moltissimi ristoranti tra le 12 e le 17], dando la preferenza a quelli con voti alti su Flamp [l’alternativa russa a Foursquare e Tripadvisor]. E cenavo usando i coupon di Groupon [la versione russa è stata ceduta e ora si chiama Frendi]: i set di sushi con il 50 per cento di sconto erano buonissimi e mi saziavano. Altre volte, la sera cucinavo invece da solo, dopo aver fatto la spesa al supermercato, racconta Druganov.

6. Usate taniche di benzina

Più vi spostate verso est in Russia, più caro costa il carburante. Se progettate di andare in macchina da Mosca a Vladivostok (sono appena 9.050 chilometri di viaggio…) allora qualche tanica di benzina potrebbe essere il vostro miglior compagno di viaggio. Riempirle all’inizio del tragitto, dove fare il pieno costa molto meno, e usarle verso la fine del viaggio vi farà risparmiare un po’ di soldi.

7. Non perdetevi gli sconti sui treni

I treni russi e la grande distanza tra le città di questo enorme Paese rappresentano un’unione vincente. I lunghi spostamenti notturni sono ottimi per due ragioni: vi permettono al contempo di spostarvi e di risparmiare sull’albergo. Quindi, se potete, scegliete di passare la notte in vagone.

Per risparmiare sui biglietti, comprateli con grande anticipo rispetto alla data di partenza: in questo caso i prezzi in kupè (la seconda classe) sono di poco superiori a quelli del platskart (la terza classe: un’esperienza un po’ estrema, ma anche da non perdere, come spieghiamo qui). 

Rzd, le Ferrovie russe, hanno poi periodi con prezzi speciali. Per esempio “la settimana dei regali” dal 21 al 25 maggio 2018 (con biglietti fino al 7 giugno) con sconti fino al 90%! Affrettatevi!

“Sulle tratte brevi (meno di 8-9 ore) io facevo sempre a meno delle lenzuola [che si pagano come extra] e dormivo senza. Ah, e per quanto riguarda il kupè: scegliete sempre i posti 37/38, è l’unico scomparto per due persone invece che per quattro [e si paga la stessa somma]”, consiglia Druganov. Anche in terza classe i biglietti hanno prezzi diversi, quelli in alto, di lato rispetto al corridoio e vicini alla porta del bagno sono i più economici.

8. Volate con i low cost

In Russia c’è solo una compagnia low cost sulle tratte interne: Pobeda. Potete trovare biglietti due o tre volte più economici che sulle altre compagnie, e volare in giro per la Russia al costo di una cena in un buon ristorante. Ma bisogna farlo con poca zavorra. Per il bagaglio c’è infatti da pagare a parte (anche se quello a mano ha un limite solo di grandezza, ma non di peso). 

9. Approfittate del 50% di sconto sul Sapsan

Il Sapsan è il treno ad alta velocità che in quattro ore copre la distanza tra Mosca e San Pietroburgo. Se il vostro compleanno è nella settimana successiva o in quella precedente al viaggio, avete diritto a uno sconto del 50% sul biglietto (e come voi un massimo di tre persone che vi accompagnano). Ma questi ticket non possono essere acquistati in anticipo (solo sette giorni prima e sette dopo del genetliaco) e soltanto alle casse delle stazioni (non online).

Uno sconto del 50% è previsto anche per i novelli sposi. Presentate il certificato di matrimonio.

10. Scendete dal treno quando vi pare

Questa è un’opzione segreta, e poco conosciuta anche dai russi. Durante il tragitto potete scendere dal treno in qualsiasi stazione, senza perdere il diritto alla prosecuzione del viaggio fino alla fermata indicata nel vostro biglietto. L’importante è rivolgervi entro quattro ore agli uffici ferroviari e far loro presente la cosa. A questo punto potrete ripartire da questa fermata con lo stesso ticket, che resterà valido per dieci giorni. Non spenderete quasi niente: a parte una piccola aggiunta per la prenotazione del posto sul treno prescelto.

11. Fate autostop o usate Blablacar

In Russia si può viaggiare in autostop. Ma meglio dimenticarsi del classico cartoncino con su scritta la destinazione. In Russia questo non solo non aumenta le vostre chance di ottenere un passaggio, ma addirittura le riduce.

“Se sul foglio c’è scritto ‘Ekaterinburg’ e chi passa si ferma anche solo venti o trenta chilometri prima della città, di sicuro non vi caricherà. Tutti penseranno che non abbia senso farvi salire, se poi non possono farvi arrivare fino a dove volete”, racconta l’autostoppista Anja. Anche se già darvi un passaggio di 1.700 chilometri e lasciarvi solo 20 chilometri di strada da fare sarebbe un passo avanti…
L’alternativa è usare il servizio Blablacar, dove trovate compagni di viaggio partecipando ai costi per la benzina.

Volete consigli di viaggio? Ecco tutto ciò che rende la Russia meravigliosa

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie