San Pietroburgo, le perle della Prospettiva Nevskij

Nevsky Prospect Вид на Невский проспект утром. Санкт-Петербур

Nevsky Prospect Вид на Невский проспект утром. Санкт-Петербур

Legion Media
Dal Cinema Aurora alla Casa del Libro, i luoghi che dovete assolutamente visitare nel vostro prossimo viaggio nella capitale del nord

Vista sulla Prospettiva Nevskij. Fonte: Legion MediaVista sulla Prospettiva Nevskij. Fonte: Legion Media

La Prospettiva Nevskij è l’arteria principale di San Pietroburgo. Progettata all’inizio del XVIII secolo, al giorno d’oggi è una delle principali attrazioni turistiche della città. Inizialmente chiamata “la strada verso il monastero Nevskij”, venne “ribattezzata” nel 1781, per poi cambiare nuovamente nome in epoca sovietica, diventando “strada del 25 ottobre”.

Al di là della denominazione che ha avuto nei secoli, la Prospettiva Nevskij non ha mai perso il ruolo di arteria principale della capitale del nord. Qui, tra canali e negozi, spuntano maestose la Cattedrale di Kazan e la Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato. E molto altro ancora. Rbth vi accompagna alla scoperta dei luoghi che vale la pena visitare.

Dom Knigi, la Casa del Libro. Prospettiva Nevskij 28

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

Nel 1902 la compagnia Singer acquistò una proprietà sulla Prospettiva Nevksij per costruire il proprio ufficio principale in Russia. Lo spazio presentava un design alquanto innovativo, soprattutto per i dettagli in metallo. E visto che il mercato russo si presentava come il più promettente per la compagnia americana, si pensò di costruire uno spazio all’interno dell’edificio più alto della Prospettiva Nevskij, che non avrebbe però dovuto superare l’altezza del Palazzo d’Inverno (23,5 metri). Nonostante le proteste, poiché interrompeva lo stile architettonico tradizionale, lo zar Nicola II permise la costruzione del palazzo in stile art nouveau, firmato dall’architetto Pavel Suzor.

Oggi è uno degli edifici più rinomati di questa strada. In epoca sovietica era conosciuto come Casa del Libro e ancora oggi vanta la più grande libreria della città. Negli ultimi due piani si trovano gli uffici del social network russo VKontakte.

Eliseiev Emporium. Prospettiva Nevskij 56

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

Questo meraviglioso palazzo in stile art nouveau venne eretto nel 1903 e fu di proprietà dei commercianti Eliseiev. Abbellito con grandi vetrate e interni in bronzo, era considerato uno dei palazzi più lussuosi dell’epoca, conosciuto durante il periodo sovietico come Gastronom N.1.

Le vie degli artisti. Prospettiva Nevskij 32-34

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

Uno spettacolo che non potete assolutamente perdere di San Pietroburgo è il lavoro degli artisti di strada. Da decenni ormai si riuniscono davanti alla Chiesa cattolica di Santa Caterina. Alcuni di loro lavorano qui ormai da vent’anni. Ed è proprio in questo luogo che potrete trovare alcuni dei migliori souvenir della città.

Cinema Aurora. Prospettiva Nevskij 60

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

Nel secolo scorso, quando il cinema iniziò a ottenere popolarità, questo era una delle sale cinematografiche più moderne di tutto il Paese. Inizialmente chiamato Cine Picadilly, la sua inaugurazione, nel 1913, fu un evento di rilievo per tutta la città. Inizialmente venivano proiettati film muti accompagnati da orchestre che suonavano dal vivo. Questo cinema è citato anche da Vladimir Nabokov all’interno della sua autobiografia.

Nel 1932 il suo nome venne cambiato in Aurora, omaggio all’incrociatore che sparò il colpo che diede il segnale per la conquista del Palazzo d'Inverno di San Pietroburgo durante la Rivoluzione russa. Gli interni conservano ancora oggi l’aspetto originale ed è un vero e proprio museo del cinema.

Ponte Anchikov. Prospettiva Nevskij 39 e 41

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

Famoso per le quattro sculture in bronzo di cavalli, è uno dei ponti più antichi di San Pietroburgo e la sua bellezza è stata narrata da Pushkin, Gogol e Dostoevskij. È inoltre considerato un monumento all’assedio di Leningrado visto che è stato rovinato dai combattimenti.

Ti potrebbero interessare anche: 

Il mio vicino Dostoevskij: i 3 hotel più antichi di San Pietroburgo

Tverskaya: cosa vedere nella via principale di Mosca

Le cinque chiese più belle di San Pietroburgo

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale