Pietroburgo attraverso i secoli

Павильон Китайский дворец. Ораниенбаум

Павильон Китайский дворец. Ораниенбаум

Lori/Legion-Media
Da Pietro I a Gorbachev, ecco i luoghi-simbolo della Venezia del Nord che hanno visto scorrere la storia del Paese

Il 27 maggio 1703 è considerato il giorno in cui è stata fondata San Pietroburgo. Rbth ha chiesto allo storico Lev Lurie quali siano i luoghi storici della città che le guide turistiche tralasciano. Abbiamo scelto posti diversi, per gli amanti di tutte le epoche. 

Peterghof in miniatura. Fonte: Ruslan Shamukov

1) L'epoca di Pietro I e l'inizio del XVIII secolo: visitate assolutamente il museo storico “Petrovskaya akvatoria", aperto di recente. Qui troverete miniature in movimento e un modello che riproduce il panorama della città nei primi anni della sua creazione. Risulterà interessante sia per i bambini che per gli adulti.

Fonte: ll complesso Oranienbaum. Fonte: Lori/Legion Media

2) L'epoca dell'imperatrice Caterina II, fondatrice del Museo Ermitage: andate al parco di Caterina a Tsarskoe Selo. Se invece desiderate conoscere gli anni della giovinezza della principessa tedesca, allora visitate il complesso Oranienbaum, con palazzo e parco annesso. È l'unica residenza reale in stile rococò che ha mantenuto la sua autenticità e la meno danneggiata dalla Seconda Guerra Mondiale.

Fonte: Il centro di San Pietroburgo. Fonte: Jean-Pierre Dalbéra

3) Il XIX secolo e Aleksandr Pushkin: fate un giro a piedi per le piazze Dvortsovaya, Senatskaya e Iskusstv. Il famoso poeta russo fu testimone della loro creazione da parte dell'italiano Carlo Rossi negli anni '20 e '30 del XIX secolo.

Entrate nella vecchia pasticceria "Wolf e Béranger" (Prospettiva Nevsky 18, ora chiamata "Caffè Letterario"). Qui il 27 gennaio 1837 Pushkin incontrò il suo duellante Danzas. Da qui partirono per il duello in cui il poeta fu ferito a morte.

L'ombra di Raskolnikov durante il giorno di Dostoevskij. Nella foto, un attore interpreta il personaggio di Delitto e Castigo. Fonte: Dmitrij Tsirenshikov

4) L'epoca di Fedor Dostoevskij: esplorate il quartiere che si trova sulla sponda nord del canale Griboedov, vicino alla zona di Piazza Sennaya, chiamata spesso la "San Pietroburgo di Dostoevskij”. Qui si è conservata la casa in cui, secondo il romanzo "Delitto e castigo", ha vissuto il protagonista Rodion Raskolnikov. Sempre qua si possono trovare altri tre indirizzi sullo scrittore.

La cattedrale dell'icona della Madre di Dio di Fedorovskij. Fonte: Lori/Legion Media

5) L'ultimo zar russo Nicola II, Grigorij Rasputin e l'inizio del XX secolo: andate nella cittadina Fedorovskij a Tsarskoye Selo. Lì si trova la cattedrale dell'icona della Madre di Dio di Fedorovskij, spesso frequentata dalla famiglia reale. Per apprezzare l'architettura Art Nouveau, si può passeggiare lungo Kamennoostrovskij prospekt e visitare la villa della ballerina Matilda Kshesinskaya (ul. Kuybyshev 2), amante del principe ereditario Nikolaj Aleksandrovich, futuro Nicola II.

Fonte: L'incrociatore "Aurora". Fonte: Lori/Legion Media

6) La Rivoluzione d'Ottobre del 1917 e Vladimir Lenin: potete salire sull'incrociatore "Aurora", quello che sparò il colpo a salve segnando l'inizio della rivoluzione, e che a giugno tornerà a essere ormeggiato sulla Neva dopo il restauro. Poi si può visitare la Sala Bianca dello Smolnij, dove la rivoluzione fu proclamata e due musei-appartamenti: della famiglia Elizarova su Petrogradskaya storona (appartamento memoriale della sorella maggiore di Lenin) e della famiglia Alliluyev in via 10-aya Sovietskaya, dove ha vissuto Nadezhda Allilueva, moglie di Stalin.

Fonte: Il Nevskij Pyatachok. Fonte: Lori/Legion Media

7) La Seconda Guerra Mondiale e i 900 giorni dell’Assedio di Leningrado: i più eloquenti testimoni di questi eventi sono i luoghi delle battaglie. Passate per il Nevskij Pyatachok, il luogo in cui si ruppe l’assedio; il posto più impressionante è il cimitero commemorativo Piskarevskij.

Fonte: Il Teatro dei giovani spettatori. Fonte: Lori/Legion Media

8) Gli anni '60 del Novecento (il tempo del "disgelo" sotto Nikita Khrushchev): visitate l'edificio del Teatro dei giovani spettatori (Piazza Pionerskaya 1) e la stazione Finlyandskij. Gli hipster (sottocultura giovanile in URSS il cui ideale era lo stile di vita americano) giravano a piedi sul lato soleggiato della Prospettiva Nevskij, della Prospettiva Vladimirskij e di Piazza Vosstanya. Proprio in questa zona sulla Prospettiva Nevskij 49 si trovava il caffè tanto popolare a quel tempo “Saigon”, dove si ritrovavano gli hipster e l'élite artistica, frequentato spesso da Iosif Brodskij e Sergej Dovlatov. Per sentire l'atmosfera di quel tempo, visitate la Filarmonica di musica jazz di David Goloschekin.

Fonte: Il centro culturale "Pushkinskaya-10". Fonte: Lori/Legion Media

9) La perestrojka di Mikhail Gorbachev: andate al centro culturale "Pushkinskaya-10", prima art squat artistica in URSS, che apparve nel 1989. Ci sono molti piccoli musei e gallerie, sale di registrazione di musicisti rock russi e il Museo del rock di Leningrado, di recente apertura.

Fonte: Lo Smolnij. Fonte: Lori/Legion Media

10) Luoghi commemorativi legati al Presidente russo Vladimir Putin: potete andare a vedere l'ospedale Snegirev, dove è nato, o la casa al civico 12 in via Baskovij, dove ha vissuto e dove si trovava la sua prima scuola, la №193. Naturalmente, potete visitare anche lo Smolnij, dove ha iniziato la sua carriera politica.

Continua a leggere: 

Quindici motivi per cui è meglio non visitare mai Piter. O forse no?

Cinque account Instagram per innamorarsi di Pietroburgo

Musica, Mastrangelo in Russia fonda una nuova orchestra

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta