Kutuzov, il generale russo che schiacciò la Grande Armata di Napoleone

Il Consiglio di Fili, Aleksej Kivshenko, 1880

Il Consiglio di Fili, Aleksej Kivshenko, 1880

Galleria Tretjakov / Dominio pubblico
Mikhail Kutuzov riuscì a battere il miglior esercito d'Europa usando tattica e astuzia: nel giro di alcuni mesi, degli oltre 600.000 soldati di Napoleone ne rimasero meno di 100.000...

“Non prometto di batterlo, ma cercherò di superarlo in astuzia”, rispose il comandante in capo dell'esercito russo Mikhail Kutuzov quando gli fu chiesto come avrebbe sconfitto Napoleone, le cui truppe avevano invaso l'Impero Russo nel giugno del 1812. Infatti, i veri punti di forza del comandante russo erano proprio l’astuzia, la sua capacità di ingannare il nemico e di agire con la massima segretezza. “È intelligente, furbo, astuto... Nessuno può ingannarlo", disse di lui un altro famoso capo militare: Aleksandr Suvorov

Ritratto di Kutuzov, R. Volkov, 1812-1830

Prima di diventare “la vecchia volpe del Nord”, così come lo chiamava Bonaparte, Kutuzov era un giovane ufficiale senza paura, sempre il primo ad attaccare e l'ultimo a smettere di inseguire il nemico. Questo coraggio sconsiderato gli costò quasi la vita: durante la guerra contro i turchi, nel luglio del 1774, Mikhail Illarionovich rimase gravemente ferito: un proiettile gli entrò nella tempia sinistra e fuoriuscì vicino all'occhio destro. Circa 14 anni dopo, durante un altro conflitto militare contro l'Impero Ottomano, fu ferito di nuovo, con il proiettile che passò “da una tempia all'altra dietro gli occhi”. 

La cattura di Izmail da parte delle truppe russe sotto il comando del generale in capo Aleksandr Suvorov, 11 dicembre 1790, Mikhail Ivanov, 1971

“Si è portati a credere che il destino abbia qualcosa di grande in serbo per Kutuzov, dato che è sopravvissuto a due ferite che - secondo tutte le regole della scienza medica - avrebbero dovuto essere fatali”, disse il chirurgo Jean Massot, che lo curava all'epoca. 

La battaglia di Austerlitz, 2 dicembre 1805, François Gérard, 1810

Kutuzov prese parte a numerose campagne contro i turchi. Al comando di una delle colonne di truppe che avanzavano il 22 dicembre 1790, ebbe un ruolo chiave nella cattura della fortezza di Izmail, considerata inespugnabile. In seguito Suvorov avrebbe detto: “Non c'era fortezza più forte di quella di Izmail... Un assalto come questo può essere fatto una sola volta nella vita”. Inoltre, Mikhail Illarionovich partecipò alla soppressione della rivolta di Nogai in Crimea, nel 1783, e alla guerra polacco-russa del 1792. Più di una volta, come abile diplomatico, fu coinvolto anche nella conduzione dei negoziati di pace.

Kutuzov contro i turchi vicino a Slobozia, 1811

Ma Kutuzov dovette affrontare anche alcune sconfitte, in particolare nella battaglia di Austerlitz del 2 dicembre 1805, che, di fatto, mise fine alla guerra della terza coalizione. Come comandante in capo dell'esercito russo-austriaco, sapeva che le sue truppe in quel momento non erano pronte per una battaglia decisiva contro Napoleone, ma dovette sottostare alla volontà dell'imperatore Alessandro I, che la pensava diversamente. Ciò, negli anni successivi, gli costò molte critiche. “Ad Austerlitz, gli mancò il coraggio di dire al giovane imperatore tutta la verità per evitare uno dei più grandi disastri per la Patria”, scrisse lo storico militare russo del XIX secolo, il generale Heinrich Leer

La battaglia di Mosca, 7 settembre 1812, Louis Lejeune, 1822

Il sorprendente talento militare di Kutuzov venne alla ribalta nella guerra russo-turca del 1806-1812. Avendo sconfitto il nemico nella battaglia per la fortezza di Ruse (attuale Bulgaria settentrionale) il 4 luglio 1811, non inseguì le truppe turche ma si ritirò sull'altra riva del Danubio. Il nemico perplesso concluse erroneamente che l'esercito russo aveva subito grandi perdite ed era completamente indebolito. Nella caduta, l'esercito di 56.000 uomini del Gran Visir Ahmed Pasha, che era determinato a sconfiggere i russi una volta per tutte, si mise ad attraversare il fiume e quindi dovette dividere le sue forze. Le truppe di Kutuzov, che avevano solo la metà della forza numerica del nemico, approfittarono immediatamente dell'opportunità presentata per sconfiggere i turchi. Successivamente, Mikhail Illarionovich partecipò personalmente alla firma del trattato di Bucarest del 1812, in base al quale la Russia vittoriosa prese possesso della Bessarabia (Moldavia).

LEGGI ANCHE: Quando, come e perché Russia e Francia si sono fatte la guerra nel corso della storia 

La battaglia di Tarutin, 6 ottobre 1812, Peter von Hess, 1847

Il 24 giugno 1812, la Grande Armée di Napoleone attraversò il confine dell'Impero Russo. Il comandante in capo dell'esercito russo Michael Barclay de Tolly evitò di affrontare i francesi in una battaglia totale, preferendo invece ritirarsi nell'entroterra. Alla fine, l'insoddisfazione pubblica per questa tattica spinse Alessandro I a nominare Mikhail Illarionovich comandante in capo. Era il 18 agosto. “Finalmente, già quando eravamo accampati a Tsarevo-Zaimishche, arrivò la notizia dell'arrivo di Kutuzov, un veterano dell'esercito russo che era stato nominato comandante in capo. Ne seguì una baldoria universale, tutto riprese vita, la speranza riprese vita: tutto l'esercito vedeva questo guerriero dai capelli grigi come il suo angelo salvatore”, disse l'ufficiale Ivan Dreiling. 

LEGGI ANCHE: Le ragioni dietro allo scoppio della guerra del 1812 tra Russia e Francia 

Ritratto di Mikhail Kutuzov. George Dawe, 1829

Tuttavia, Kutuzov non bramava di impegnare il nemico in battaglia, essendo complessivamente d'accordo con la logica delle azioni del suo predecessore: la Grande Armée doveva essere battuta per logoramento. Eppure, sotto la pressione dell'opinione pubblica, il comandante fu costretto a combattere l'esercito di Napoleone in una battaglia, che ebbe luogo il 7 settembre vicino al villaggio di Borodino, non lontano da Mosca. In quella che divenne una delle battaglie più sanguinose della storia del XIX secolo, circa 80.000 uomini furono uccisi ma nessuna delle due parti poté rivendicare una vittoria decisiva. Come Napoleone disse più tardi: “La battaglia di Borodino è stata la più bella e la più formidabile, i francesi si sono dimostrati degni della vittoria, e i russi hanno meritato di rimanere imbattuti”. 

Napoleone sulle alture di Borodino, Vasilij Vereshchagin, 1897

Le enormi perdite e le riserve ormai esaurite spinsero Kutuzov ad abbandonare i piani per una nuova battaglia. E prese la difficile decisione di cedere Mosca al nemico. “Con la perdita di Mosca, la Russia non è persa. Ritengo che il compito principale sia quello di salvare l'esercito”, disse Mikhail Illarionovich il 13 settembre in un consiglio militare tenutosi nel villaggio di Fili, a ovest della città. 

Kutuzov prima della battaglia di Borodino, Nikolaj Samokish, 1912

Il 14 settembre 1812, l'esercito russo lasciò Mosca e si diresse a sud-est verso Ryazan, ma due giorni dopo girò bruscamente verso ovest. Allo stesso tempo, le sue unità di retroguardia guidarono la cavalleria del maresciallo Murat all'inseguimento lungo la strada di Ryazan, facendo credere ai francesi - erroneamente - che stessero inseguendo le principali forze russe. Fu solo cinque giorni dopo che si resero conto del loro errore. Per 12 giorni, Napoleone non aveva idea di dove fosse l'esercito russo e dove fosse diretto. “Il nemico, avendo perso di vista il nostro esercito, sta inviando forti distaccamenti in vari punti per metterci allo scoperto”, riferì Kutuzov ad Aleksandr. Quando l'esercito russo fu finalmente individuato, si scoprì che si era già fortificato vicino al villaggio di Tarutino, 90 chilometri a sud-ovest di Mosca, difendendo l'accesso alle province del sud. “...L'astuto Kutuzov mi ha ingannato con la sua audace marcia”, si lamentò l'imperatore. 

Sulla strada grande. Ritiro, fuga, Vasilij Vereshchagin, 1887-1895

Mosca si rivelò una trappola per Napoleone: lì il suo esercito - attraverso l'inerzia, l'ubriachezza e i saccheggi - cominciò a perdere rapidamente il morale. Con le sue proposte di pace allo zar russo rimaste senza risposta, Napoleone e le sue truppe lasciarono la città il 19 ottobre. Kutuzov non gli permise di sfondare a sud, costringendo la Grande Armée a ritirarsi lungo la strada di Smolensk, che essi stessi avevano saccheggiato in estate. Durante tutta la sua ritirata verso il confine dell'Impero Russo, l'esercito francese, come una bestia ferita, fu tormentato da numerosi distaccamenti partigiani e cosiddetti "volanti", formati da unità di cavalleria e cosacchi.

Alessandro I, Stepan Shchukin, 1808 / Pavlovsk Palace

Se all'inizio della campagna del 1812 la Grande Armée di Napoleone, insieme ai rinforzi dall'Europa, contava circa 600.000 persone, nel dicembre dello stesso anno solo alcune decine di migliaia di soldati congelati ed esausti riuscirono a fuggire dalla Russia. Nel gennaio 1813, le truppe russe entrarono nella Prussia orientale, segnando così l'inizio della cosiddetta campagna estera dell'esercito russo. Tuttavia, Mikhail Illarionovich non era destinato a vedere la sconfitta finale di Bonaparte, che aveva auspicato così a lungo: il 28 aprile, il comandante, ormai 67enne, morì a Bunzlau, una piccola città della Slesia.

Il Consiglio a Fili, Aleksej Kivshenko, 1880

LEGGI ANCHE: La figura di Napoleone in Russia nei secoli: tra odio per l’invasore e ammirazione per il genio 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie