Come gli stranieri aiutarono a costruire Magnitogorsk, la capitale della siderurgia dell’Urss

Southern Urals historical museum
Gli enormi impianti metallurgici e l’intera città furono edificati a tempo di record negli anni Trenta, grazie anche al contributo di ditte e operai dei Paesi occidentali. Le locomotive, per esempio, arrivarono dall’Italia

“Cuore d’acciaio della Patria”, così è stata definita Magnitogorsk, il principale centro della siderurgia dell’Urss, per tutto il XX secolo. Per gli standard russi, questa città degli Urali meridionali, costruita al confine tra Europa e Asia, è piuttosto piccola (ha solo 413 mila abitanti). Ma vari esperti stranieri arrivarono a Magnitogorsk nei primi anni della sua esistenza (è stata fondata nel 1929) sia dai Paesi europei che dagli Stati Uniti. Lo scopo della loro visita era partecipare alla costruzione della fabbrica di ferro e acciaio di Magnitogorsk (la MMK), nonché di case per gli operai.

Alle pendici della Montagna Magnitnaja

La città deve la sua esistenza alla Magnitnaja Gorá, nome che significa “Montagna Magnetica”. Secondo le stime attuali, quasi mezzo miliardo di tonnellate di minerale ferroso di alta qualità erano concentrate in un’area di circa 25 chilometri quadrati prima dell’inizio dell’estrazione. Il contenuto di ferro nei migliori minerali raggiunge il 70%. Ora la maggior parte della montagna è stata abbattuta, e non ci sono quasi più materie prime.

Per un secolo e mezzo, l’estrazione di materie prime qui fu di natura primitiva e predatoria, finché nel 1929 le autorità dell’Urss firmarono un decreto per la costruzione di un impianto metallurgico. Così, nella steppa degli Urali, crebbe un impianto che divenne il fiore all’occhiello della siderurgia del Paese.

LEGGI ANCHE: Gli Urali ritrovati: Magnitogorsk, città d’acciaio 

Americani sorpassati

L'altoforno di un impianto metallurgico

Migliaia di cittadini provenienti da tutta l’Urss furono coinvolti nella costruzione. Nella progettazione delle strutture principali furono coinvolti anche ingegneri stranieri, principalmente americani e tedeschi. Qui lavorò anche Erich Honecker, il futuro leader della Repubblica Democratica Tedesca. Al grandioso cantiere arrivarono anche cechi, slovacchi, bulgari, italiani, finlandesi, romeni, turchi e polacchi.

Il 14 marzo 1930 fu firmato un accordo con la ditta statunitense Arthur G. McKee & Co di Cleveland per la progettazione dell’altoforno №1.

Gli americani non credevano nella rapida attuazione del progetto. Arthur McKee disse: “Volete andare avanti a tutto vapore. Avete troppa fretta. La costruzione del più grande impianto metallurgico del mondo, il nostro impianto americano di Gary (Indiana), ha richiesto 12 anni e mezzo di lavoro. E bisogna aggiungerci altri 11 anni per la progettazione. E voi sperate di lanciare l’impianto in tre anni!”.

All'interno di un impianto

Basandosi su risultati esteri e colmando rapidamente le lacune nella conoscenza ingegneristica, i costruttori di Magnitka batterono tutti i record. Il primo altoforno fu progettato in soli tre mesi e fu posato il 1º luglio 1930. Il 1º febbraio 1932, produceva già la prima ghisa. Da quel giorno iniziò il conto delle giornate lavorative della MMK.

La storia della stessa città si fa risalire al 30 giugno 1929, quando il primo treno arrivò alla locale stazione ferroviaria.

Il ruolo dei tedeschi

Le prime abitazioni dei lavoratori nel villaggio di Tsentralnyj

I primi abitanti di Magnitogorsk dovettero sistemarsi nelle baracche. Ma le autorità del Paese erano ben consapevoli che le esigenze di una città in crescita richiedono centinaia di migliaia di metri quadrati di abitazioni da costruire in breve tempo. Questo problema era acuto non solo a Magnitogorsk: durante gli anni del primo piano economico quinquennale (1928-1932) in Urss si perseguì l’industrializzazione a tappe forzate, il che fece sorgere la necessità di alloggi per i lavoratori delle fabbriche che erano in costruzione ovunque. L’attenzione della leadership del Paese venne attratta dalle tecnologie tedesche. Se negli anni Venti in Urss le case venivano costruite ancora in mattoni, in Germania venivano già costruite con blocchi prefabbricati di grandi dimensioni, il che era più semplice, economico e veloce.

Nel 1930, Ernst May (1886-1970), un architetto di Francoforte sul Meno, fu invitato a Mosca, e arrivò con un gruppo di persone della sua scuola, per incarnare i principi del razionalismo nei grandi cantieri di Magnitogorsk, Nizhnij Tagil, Novokuznetsk e di una decina di altre città sovietiche.

Nella progettazione di May, tutto era organizzato come su una catena di montaggio Ford. E i layout preconfezionati di vari elementi costitutivi dell’urbanistica permettevano di pianificare la ripartizione del territorio dei futuri insediamenti e di creare rapidamente interi schizzi di piani regolatori delle città. Successivamente, il metodo di costruzione a layout sviluppato da May venne adottato dai progettisti sovietici e ampliato in tutta l’Unione Sovietica.

La città socialista

Tuttavia, in Urss, cercarono di ridurre ulteriormente il costo della costruzione già a basso budget, quindi le case di May a Magnitogorsk vennero popolate senza acqua corrente, fognature, cucine (che non erano previste) e talvolta senza pareti interne. Questo, ovviamente, non piacque per niente all’architetto.

Grazie a May, in città apparve il Quartiere №1 di via Pionerskaja: più di trenta edifici standard di quattro piani disposti secondo il principio della costruzione in linea perpendicolare rispetto alle arterie di trasporto della città.

A Magnitogorsk c’è anche il cosiddetto “Quartiere tedesco” (“Nemétskij kvartál”), che è stato costruito dopo la Seconda guerra mondiale da prigionieri tedeschi, ungheresi, romeni e altri (in totale, circa 10 mila prigionieri di guerra stranieri sono passati da Magnitogorsk). Hanno eretto case in pietra a due e tre piani, tipiche della Germania e dell’Europa orientale. Oggi, i residenti di Magnitogorsk considerano questa zona la più pittoresca della città.

Il quartiere tedesco

E in ricordo delle prime abitazioni in città, c’è il monumento “La prima tenda” (“Pérvaja Palátka”), inaugurato nel 1966. 

Il ruolo degli italiani

Nel 1932, per le esigenze della MMK, lo stabilimento torinese delle Officine di Savigliano realizzò un lotto di 26 locomotive diesel. Alcune di queste macchine sono ancora in funzione e sono considerate le più antiche locomotive funzionanti nell’ex Urss.

Oggi l’Italia è il maggior acquirente dei prodotti della MMK in Europa. Rappresenta il 24% del volume totale delle esportazioni dell’impresa.

Dalle retrovie al fronte

Secondo le statistiche, un proiettile su tre e un carro armato su due dell’Urss nella Grande Guerra Patriottica, la Seconda guerra mondiale, era realizzato in metallo di Magnitogorsk. Per onorare il contributo dei metallurgici alla vittoria, in città apparve il monumento “Tyl – Frontu” (“Le retrovie al fronte”), che divenne la dominante architettonica della città.

Questo monumento, di Lev Golovnitskij, eretto nel 1979, apre il trittico dei più importanti monumenti della vittoria sovietica. Si dice che la spada “forgiata” a Magnitogorsk, sia stata sollevata dalla Madre Patria sulla collina di Mamaev Kurgan a Volgograd (Stalingrado) e abbassata dal Soldato-Liberatore nel Treptower Park di Berlino.

LEGGI ANCHE: I dieci più impressionanti memoriali di guerra sovietici fuori dalla Russia 

Magnitogorsk non perde la sua popolarità tra gli ingegneri stranieri, che vengono regolarmente qui per imparare dall’esperienza russa. Tuttavia, la città è in grado di incantare tutti coloro che apprezzano il romanticismo industriale: attraverso le sue strade, case, monumenti e oggetti si può studiare la storia dello sviluppo dell’industria pesante in Urss.

LEGGI ANCHE: Ascesa e declino delle città ideali dell’Urss dove si viveva come in una comune 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie