Rasputin e gli altri, i favoriti degli zar che influenzarono la politica della Russia

Apic/Getty Images; Legion Media; Dominio pubblico
Più volte compagni, amanti e amici stretti dei regnanti hanno assunto importanti funzioni politiche, influenzando il corso della storia del paese

Principe Vasilij Golitsyn

Il principe Vasilij Golitsyn raffigurato con il testo della

Il principe Vasilij Golitsyn (1643-1714) è considerato il favorito della zarina Sofia (1657-1704), che è stata reggente di Russia dal 1682 al 1689. Golitsyn, figlio di un'antica famiglia russa di boiardi, nonché Rjurikidi nato, arrivò al potere durante il regno dello zar Fjodor (1661-1682), che durò dal 1676 al 1682. Golitsyn era un comandante di guerra, capo del Pushkarskij Prikaz (Dipartimento degli armaioli) dello Stato di Mosca.

Quando Sofia salì al trono e fece da reggente per i suoi fratelli minori Ivan e Pietro, la carriera di Golitsyn salì alle stelle: divenne anche il Custode del Gran Sigillo di Moscovia e capo degli Affari Esteri; infatti, Golitsyn diresse il governo dello Stato di Mosca.

Ritratto di Sofia Alekseevna di Russia

Vasilij Golitsyn conduceva uno stile di vita europeo, parlava latino e la sua casa a Mosca non aveva nulla da invidiare ai palazzi del Cremlino. Ad ogni modo non ci sono prove sui presunti rapporti intimi fra Golitsyn e Sofia: in pubblico, le loro relazioni apparivano strettamente formali. Ma ci sono delle lettere cifrate scritte da Sofia a Golitsyn, risalenti al 1689, quando Golitsyn era in guerra, nella campagna di Crimea: “Luce mia, fratello mio Vasenka... non potevo credere che saresti finalmente tornato, solo allora avrò fede, poiché ti vedrò, mia luce, tra le mie braccia…”. In ogni caso, le relazioni tra Sofia e Vasilij dovevano essere evidentemente molto strette.

Nel 1689, dopo che Pietro I prese il potere da Sofia, Vasilij Golitsyn e la sua famiglia furono esiliati nella Russia settentrionale, dove Vasilij morì nel 1714.

Principe Aleksandr Menshikov

Aleksandr Menshikov, 1716-1720 circa

Aleksandr Menshikov (1673-1729) proveniva apparentemente dalle classi inferiori della società russa. Nonostante fosse diventato conte e poi principe, governando a tutti gli effetti il paese durante il regno di Caterina I (1684-1727), moglie di Pietro il Grande, Menshikov non imparò mai a scrivere: tutte le sue lettere venivano scritte dai suoi aiutanti.

Non si sa molto sui primi anni di vita di Menshikov: la sua biografia inizia nel 1687, quando a 14 anni divenne un inserviente del giovane Pietro il Grande. Menshikov accompagnò Pietro in tutte le sue imprese, lo aiutò a organizzare il suo esercito giocattolo e partecipò con entusiasmo a tutte le manovre. Menshikov restò al fianco di Pietro durante la campagna di Azov del 1695-1696, e nella sua Grande Ambasciata in Europa (1697-1698). Durante le battaglie della Grande Guerra del Nord, l'abilità militare e il coraggio di Aleksandr Menshikov gli valsero lo status di principe e il grado di generale.

Aleksandr Danilovich Menshikov (1673-1729) ritratto in Olanda durante la Grande Ambasciata di Pietro il Grande. Di Michiel van Musscher

Menshikov controllava molta della corrispondenza di Pietro, era il “capo” del suo staff, nonché suo stretto collaboratore. Questo permetteva a Menshikov di prendere tangenti esorbitanti e di aderire a schemi di corruzione su larga scala. Pietro lo sapeva, ma per lui Menshikov era insostituibile. “La giustizia esige che siano soppesati sia i suoi crimini che i servizi che ha reso alla patria e al sovrano”, disse Pietro a proposito di Menshikov, che, al momento della morte di Pietro controllava il collegio di guerra della Russia ed era governatore generale di San Pietroburgo.

Dopo la morte di Pietro, Menshikov spinse per la proclamazione di sua moglie Caterina come nuova imperatrice russa. Per due anni, infatti, Menshikov governò il paese, prima di essere deposto dai suoi incarichi ed esiliato nel 1727, dopo la morte di Caterina. Aleksandr Menshikov morì in Siberia, nella città di Beryozov, nel 1729.

Grigorij Potemkin

Grigorij Potemkin, 1790 circa. Collezione dell'Ermitage di Stato, San Pietroburgo

Grigorij Potemkin attirò l'attenzione di Caterina II per caso, durante il colpo di Stato del 1762 che rese Caterina imperatrice russa. Potemkin fu poi nominato valletto alla corte imperiale, ma non divenne il favorito di Caterina fino alla metà degli anni ‘70 del 1700, quando l'imperatrice iniziò a scambiare lettere con lui.

Potemkin dimostrò le sue abilità militari e il suo coraggio nella guerra russo-turca del 1768-1774, e nel 1774 divenne generale. A quel punto divenne la persona più vicina a Caterina II. Circolavano addirittura voci sul presunto matrimonio segreto fra Caterina e Grigorij. 

Politicamente, la principale funzione e missione di Potemkin era quella di controllare i territori della Novorossija (oggi, in parte Russia, in parte Ucraina) e di conquistare la Crimea dal Khanato di Crimea.

Anche dopo essere caduto come favorito di Caterina II, Potemkin mantenne una stretta corrispondenza con l'imperatrice riguardo al suo governo della Novorossija e della Crimea, che entrarono a far parte dell'Impero russo nel 1783. Potemkin supervisionò anche una vasta riforma militare che migliorò le formazioni e alleggerì le uniformi dei soldati russi.

Potemkin morì improvvisamente di febbre in una steppa moldava nel 1791. Quando apprese la notizia della sua morte, Caterina fu devastata dal dolore: “Il mio allievo, il mio amico, si potrebbe dire, il mio idolo, il principe Potemkin è morto!”.

Grigorij Rasputin

Rasputin (1871-1916) in un documento a colori del 1908

Contrariamente alle voci che circolavano nella società russa all'inizio del XX secolo, il monaco e guaritore Grigorij Rasputin (1869-1916) non era il favorito dell'imperatrice Aleksandra Fjodorovna Aleksandra Fjodorovna, moglie di Nicola II. Rasputin fu presentato per la prima volta alla coppia imperiale nel 1905. All’epoca era ormai evidente che la scienza medica ufficiale non offriva alcuna cura per la devastante malattia che affliggeva il figlio ed erede al trono, lo zarevich Aleksej: l'emofilia, una malattia che impedisce al sangue di coagularsi correttamente e rischia di causare una morte improvvisa. Grigorij Rasputin, che si presentava come un popolare guaritore, promise di aiutare l'erede.

Nel 1907, a Rasputin si presentò la prima occasione per dimostrare le proprie abilità: fu in grado di fermare una crisi di emofilia (emorragia interna) in Aleksej, che all’epoca aveva 3 anni, semplicemente stando accanto al suo letto e pregando. Il Gran Principe Kirill Vladimirovich, cugino di Nicola II, fu testimone di quell’evento: “Quando Rasputin fu portato vicino al letto del mio nipote malato, fu in grado di fermare l'emorragia interna e salvare il bambino da dolori atroci”.

Rasputin non frequentava il palazzo dello zar: secondo le informazioni del capo della sicurezza del Palazzo d'Inverno, Grigorij vi si recava in visita “una volta al mese o due”, mentre lo zar Nicola incontrava Rasputin ancor meno, due o tre volte all'anno. Ma Rasputin manteneva una fitta corrispondenza con l'imperatrice Aleksandra Fjodorovna, che lei chiamava “il nostro amico”; non ci sono documenti che provino l’esistenza di comunicazioni private tra Rasputin e l'imperatrice; si sa, però, che Rasputin era capace di calmare gli attacchi isterici della zarina.

Rasputin non veniva coinvolto nella politica o nel processo decisionale dello zar, come invece sostenevano molte voci di corridoio all'epoca: semplicemente non gli era permesso di entrare nei circoli ristretti dello zar. Tuttavia, è noto che Rasputin sosteneva fortemente la pace e si opponeva fermamente al fatto che la Russia si impegnasse nella Prima guerra mondiale. Profetizzò inoltre che la guerra avrebbe portato alla fine dell'Impero russo: e così fu.

Nella propaganda antizarista degli ultimi anni dell'Impero, Rasputin fu rappresentato come il “monaco cattivo” che influenzò negativamente la famiglia dello zar. Alla fine fu ucciso il 17 dicembre 1916 dal principe Felix Yusupov e dai suoi aiutanti, tra cui il gran principe Dmitrij Pavlovich, cugino dello zar.

LEGGI ANCHE: Le abitudini e i vizi più strani degli zar e delle zarine di Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie