I sette palazzi nobiliari più belli di Mosca

Maksim Denisov/mos.ru
Una selezione delle perle architettoniche più sorprendenti costruite dagli architetti russi nella Mosca prerivoluzionaria

1 / Casa Levenson, vicolo Trekhprudnyj 9

Le decorazioni sul tetto di Casa Levenson
Gli interni di Casa Levenson

Questa casa, progettata dall'architetto Fyodor Shekhtel, fu costruita nel 1900 per Aleksandr Levenson, proprietario di una famosa tipografia moscovita.

Gli interni di Casa Levenson

L’edificio fu realizzato su una superficie sufficientemente grande da poter ospitare i macchinari per la stampa e le stanze da adibire a scopo abitativo. Il dettaglio più affascinante del palazzo è la lanterna sul tetto.

La casa, restaurata di recente, è ora in vendita al prezzo di 1,1 miliardi di rubli (circa 14,4 milioni di dollari).

2 / Casa Zimins, vicolo Degtyarnyj 8/3

Gli interni di Casa Zimins

Quella che dall'esterno sembra una normalissima casa è in realtà una delle più belle dimore signorili della Mosca del XIX secolo, costruita per Nikolaj Zimin, un importante commerciante russo di tabacco. Eretta nel 1896 secondo il progetto di Edmund Yuditskij, ospita ancora oggi le decorazioni interne originali. Gli appassionati di cinema russo potrebbero riconoscerla dal film “Brat-2”, diretto da Aleksej Balabanov.

Casa Zimins
Gli interni di Casa Zimins
Gli interni di Casa Zimins

Attualmente, l'edificio ospita l'Agenzia per la gestione e l'uso dei monumenti storici e culturali del Ministero russo della Cultura, dove lavorano alcuni dei più grandi specialisti nella conservazione del patrimonio del paese.

3 / Casa Igumnov, via Bolshaya Yakimanka 43

Casa Igumnov

Questa casa sembra uscita da una favola russa. È stata costruita nel 1895 su progetto dell'architetto Nikolaj Pozdneev per ordine di Nikolaj Igumnov, un magnate tessile di Yaroslavl. I mattoni furono spediti dai Paesi Bassi, mentre le affascinanti piastrelle di porcellana furono realizzate appositamente per le facciate nella fabbrica di porcellana di Kuznetsov, la più famosa dell'epoca. Il costo della casa si aggirava presumibilmente intorno a 1 milione di rubli (all’epoca un buon stipendio medio si aggirava sui 150 rubli annui!). All'interno, le 40 stanze della casa sono state decorate in una varietà di stili: dal russo tradizionale all'art nouveau.

Il portone e il porticato di Casa Igumnov
La scalinata di Casa Igumnov
Gli interni di Casa Igumnov

Attualmente, la Casa Igumnov è la residenza dell'ambasciatore francese in Russia.

4 / Casa Morozova, via Spiridonovka, 17

La casa di Zinaida Morozova

Ecco un’altra casa progettata da Fyodor Shekhtel, “archistar” dell'art nouveau moscovita, commissionata da Zinaida Morozova, moglie di Savva Morozov, magnate del tessile. L'arredamento fu realizzato dal famoso pittore Mikhail Vrubel, che affrescò anche gli interni ispirandosi all'estetica cavalleresca dell'Europa medievale, in risonanza con lo stile neogotico della casa.

Le decorazioni esterne della casa di Zinaida Morozova
Gli interni della casa di Zinaida Morozova
Gli interni della casa di Zinaida Morozova
Gli interni della casa di Zinaida Morozova

Nel 1938, Casa Morozova divenne la Casa dei Ricevimenti del Ministero degli Affari Esteri, e lo è ancora oggi

5 / Palazzo Vtorov (Casa Spaso), Piazza Spasopeskovskaya

Palazzo Vtorov (Casa Spaso)

Questo palazzo, commissionato dall'industriale tessile Nikolaj Vtorov, fu costruito nel 1913. Prende il nome da Piazza Spasopeskovskaya, dove si trova. Si tratta di una ricostruzione neoclassica di un classico palazzo di città dell'alta borghesia degli anni Venti del XIX secolo, con finestre palladiane e una pianta interna perfettamente simmetrica.

La famiglia Vtorov visse in questa casa per soli 4 anni prima della Rivoluzione;  dopo di che la casa venne espropriata dal nuovo governo sovietico e adibita a casa di accoglienza per il Comitato Esecutivo Centrale di tutte le Russie.

Gli interni di Palazzo Vtorov (Casa Spaso)
Gli interni di Palazzo Vtorov (Casa Spaso)
Gli interni di Palazzo Vtorov (Casa Spaso)

Nel 1933 la casa divenne la residenza di William C. Bullitt, il primo ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica, e da allora è rimasta la residenza degli ambasciatori statunitensi. I presidenti Dwight Eisenhower, Richard Nixon e Ronald Reagan soggiornarono qui durante la loro visita a Mosca.

6 / Palazzo Ryabushinskij, via Malaya Nikitskaya 6/2

Palazzo Ryabushinskij

Anche questo palazzo porta la firma di Fyodor Shekhtel; fu costruito nel 1900-1902 per il milionario Stepan Ryabushinskij ed è probabilmente l'opera più famosa dell'architetto a Mosca. Oltre alle affascinanti decorazioni interne in stile art nouveau e alla famosa tromba delle scale con la lampada a forma di medusa, il palazzo ospita anche una cappella segreta: i Ryabushinskij appartenevano infatti alla corrente dei Vecchi Credenti, abolita in Russia fino al 1905. “Credo che in tutta Europa non ci sia una casa come questa”, commentò Ryabushinskij esaminando il suo palazzo di recente costruzione.

Gli interni di Palazzo Ryabushinskij
La sala da pranzo di Palazzo Ryabushinskij
Gli interni di Palazzo Ryabushinskij

Dopo il 1917, quando la famiglia Ryabushinskij fuggì dalla Russia, la casa divenne di proprietà dello Stato e, nel 1931 iniziò a viverci lo scrittore Maksim Gorkij con la sua famiglia. A Gorkij la villa non piaceva affatto: la definì infatti “scomoda, ma almeno serve per lavorare”. Dopo la morte di Gorkij, la villa fu trasformata in un museo dedicato al grande scrittore, e ciò contribuì a preservare il palazzo e i suoi  straordinari interni.

7 / Villa Berg, vicolo Denezhnyj 5/1

Villa Berg, sede dell'Ambasciata d'Italia a Mosca

Costruita nel 1897 da Pyotr Boytsov, la casa fu commissionata da un uomo d'affari di nome Sergej Berg. Il palazzo abbraccia diversi stili: il gotico, il barocco e l’art nouveau. Villa di Berg è stata una delle prime case moscovite ad avere la luce elettrica! E proprio qui si tenne il primo “ballo elettrico”, ovvero un ricevimento illuminato dalla luce artificiale e non dalle candele.

Gli interni di Villa Berg

La casa, che ha conservato tutte le decorazioni interne originali, è stata ristrutturata nel 2016. Attualmente ospita l'Ambasciata italiana in Russia.

LEGGI ANCHE: Ecco il tour virtuale nelle sale dell’ambasciata d’Italia a Mosca dove Bulgakov conobbe “Margherita” 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie