Broccato d'argento e diamanti: com'erano gli abiti delle spose dei Romanov che pesavano fino a 30 kg

Il dress code da seguire per una cerimonia perfetta: così le future imperatrici arrivavano all’altare vestite di pietre e tessuti preziosi

I futuri mariti delle giovani donne della famiglia imperiale venivano scelti fin dalla loro tenerà età fra i principi e i granduchi, in Russia e all’estero: i matrimoni, infatti, erano una questione di importanza statale. Ogni elemento della cerimonia veniva studiato nei minimi dettagli, e l'aspetto della sposa era una delle caratteristiche più importanti della giornata.

Il matrimonio della granduchessa Maria Pavlovna, nipote di Alessandro II, con il Principe Guglielmo, Duca di Södermanland, principe svedese e norvegese, 1908

I requisiti erano ancor più severi quando si trattava di spose che potevano aspirare al trono: nella cerimonia tutto doveva essere perfetto! Ogni intoppo poteva essere interpretato come un cattivo presagio. 

La granduchessa Elisabetta Mavrikievna, nipote di Nicola I, in abito da sposa, 1884

Il “dress code” per l'abito da sposa fu stabilito dall'imperatore Nicola I nel 1834, e si applicava non solo agli sposi, ma anche agli invitati. Il disegno degli abiti da sposa era lo stesso, ma erano consentiti alcuni aggiustamenti di stile, ricami e decorazioni, secondo la moda e il gusto della sposa.

Una foto di matrimonio del principe georgiano Konstantine Bagration di Mukhrani e della principessa Tatiana Konstantinovna

Gli abiti da sposa erano realizzati in broccato d'argento e decorati con pietre preziose e ricami. Fra gli accessori obbligatori vi erano lo strascico lungo e la mantellina in ermellino: un abito impossibile da indossare senza l'aiuto delle dame di compagnia.

La principessa Elisabetta in abito da sposa e con la corona sul capo, 1884

Durante la cerimonia in chiesa, la sposa doveva indossare una corona nuziale e un diadema di diamanti. Erano previsti anche degli orecchini da cerimonia e una collana da abbinare.

La corona imperiale della Russia

Il Fondo dei Diamanti di Mosca ha nella sua collezione l'unico diadema nuziale dei Romanov rimasto oggi in Russia. Fu indossato dall'imperatrice Maria Feodorovna, moglie di Paolo I, al suo matrimonio, e poi da altre spose della famiglia imperiale.

Il diadema con la rosa di diamanti

Il diadema ha la forma di un kokoshnik, con un enorme diamante rosa al centro. In totale, il diadema contiene 175 grandi diamanti indiani e più di 1.200 piccoli diamanti a taglio rotondo. La fila centrale è decorata con grandi diamanti liberi a forma di gocce.

Tsarskoye Selo: la granduchessa Elena Vladimirovna di Russia e il Principe Nicola di Grecia e Danimarca nel giorno del loro matrimonio nella Sala dei Ritratti del Palazzo di Caterina

I gioielli delle spose possono provenire da cimeli di famiglia o essere realizzati appositamente per l'occasione. Ad esempio, per il suo matrimonio con il principe Nicola di Grecia, la granduchessa Elena Vladimirovna, nipote dell'imperatore Alessandro II e cugina di Nicola II, indossava un copricapo di diamanti Cartier e un corpetto decorato con diamanti.

Il matrimonio di Nicola II e Aleksandra Feodorovna

In totale, un abito da sposa reale pesava 25-30 kg. Stare in piedi tutto il giorno non era un compito facile, figuriamoci muoversi! A volte la sposa arrivava alla fine della giornata talmente esausta che doveva essere portata in braccio. 

Aleksandra Feodorovna in abito da sposa

Secondo la tradizione, le spose della famiglia Romanov donavano i loro abiti da sposa alla chiesa per beneficenza. Tuttavia, Aleksandra Feodorovna, ultima imperatrice di Russia, moglie di Nicola II, decise di tenere il suo. Per questo il suo abito da sposa è sopravvissuto fino a noi e lo si può ammirare ancora oggi all'Ermitage di San Pietroburgo. Molti a corte non approvarono la sua decisione, convinti che il rifiuto di una tradizione secolare avrebbe portato sfortuna alla famiglia.

LEGGI ANCHE: 

Nozze imperiali: i matrimoni più maestosi della storia russa 

Cinque tesori dei Romanov perduti e ritrovati 

Festeggiamenti da zar: così Nicola II sperperò le ricchezze del paese 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie