Perché l’Ordine della Vittoria sovietico è la decorazione militare più costosa al mondo?

Museo del Cremlino di Mosca
Se una di queste medaglie potesse andare all’asta, si partirebbe da una base di almeno 20 milioni di dollari, per via della la sua rarità (una ventina di copie in tutto) e delle pietre preziose di cui è tempestata

L’Ordine della Vittoria (in russo: “Орден ‘Победа’”; “Orden ‘Pobeda’”) è ufficialmente la medaglia di onorificenza più costosa al mondo. Se una delle circa venti esistenti potesse essere battuta all’asta, il prezzo di partenza sarebbe oggi superiore ai 20 milioni di dollari Usa. L’ultimo a cui era stato conferito l’ordine a essere rimasto in vita, Michele I di Romania, è morto nel 2017. Tuttavia, il destino della sua medaglia non è chiaro: ufficialmente è conservata nella tenuta di Michele I a Versoix, Canton Ginevra, Svizzera. Ma ci sono voci secondo cui sarebbe stata venduta negli anni Ottanta per circa 4 milioni di dollari.

L’Ordine della Vittoria è stato assegnato solo a Generali e Marescialli della Seconda guerra mondiale per azioni di pianificazione e gestione militare che hanno portato al “successo di un’operazione su uno o più fronti, risultante in un cambiamento radicale della situazione a favore dell’Armata Rossa”, dice lo statuto dell’ordine. Ma perché l’Urss sentì il bisogno di istituire una onorificenza così speciale?

Non un passo indietro!

La decisione di creare l’Ordine della Vittoria fu presa sulla scia del primo grande successo dell’Armata Rossa nella Seconda guerra mondiale, ovvero dopo la battaglia di Stalingrado, che imperversò dal luglio 1942 al febbraio 1943.

LEGGI ANCHE: Così ho difeso Stalingrado: il diario di un eroe 

L’anno 1942 fu insopportabilmente difficile per i sovietici nella Grande Guerra Patriottica (il nome con cui è chiamata in Russia la Seconda guerra mondiale). L’Armata Rossa subì grandi perdite di uomini e mezzi nell’assalto dei nazisti nel Sud della Russia e i soldati erano terrorizzati dal loro destino, che sembrava segnato. Per rafforzare la disciplina nell’esercito attraverso la paura, Stalin, in qualità di Commissario del Popolo (ossia ministro) della Difesa, emanò il decreto n. 227 del 28 luglio 1942, che fu soprannominato “Non un passo indietro!” (in russo; “Ни шагу назад!”; “Ni shàgu nazàd!”) dalla propaganda sovietica.

Il decreto istituiva battaglioni di disciplina che dovevano essere inviati nelle zone più pericolose del teatro bellico per impedire diserzioni. Ma Stalin capì anche che per sollevare gli spiriti dei suoi comandanti di guerra, non si poteva usare solo la paura. Gli alti comandanti sono persone ambiziose, e quindi dovevano esserci stimoli e premi pensati appositamente per loro.

Il maresciallo di campo britannico Bernard Montgomery (a sinistra, con il basco), premiato il 5 giugno 1945; vicino a lui, il generale americano Dwight Eisenhower e il maresciallo sovietico Georgij Zhukov

Quindi, nel 1942-1943, Stalin iniziò a istituire numerosi ordini destinati ai comandanti militari. Gli ordini presero il nome dalle grandi menti militari della Russia: Alekandr Suvorov, Mikhail Kutuzov, gli ammiragli Fedor Ushakov e Pavel Nakhimov.

L’Ordine della Vittoria doveva essere il più alto onore di tutti. Nel luglio del 1943, mentre infuriava la battaglia di Kursk, i primi disegni dell’Ordine della Vittoria furono mostrati a Stalin.

La torre simbolo di vittoria

Tuttavia, a Stalin i bozzetti non piacquero. Quindi, nell’ottobre 1943, al posto dei profili di Lenin e Stalin sul dritto (fronte) della medaglia, Stalin ordinò che fosse raffigurata la Torre Spasskaja, la torre dell’orologio del Cremlino di Mosca. Il 5 novembre 1943, Stalin approvò la versione finale del progetto. Il “campione di prova” gli piacque così tanto che se lo tenne. Tre giorni dopo, l’Ordine fu ufficialmente stabilito, e iniziò la produzione delle medaglie.

Il maresciallo britannico Bernard Montgomery con Josif Stalin

Il design era opera dall’artista Aleksandr Kuznetsov (1894-1975), che progettò anche un altro premio militare di alto livello, l’Ordine della “Guerra patriottica” (prodotto però, questo, in milioni di copie). Le medaglie dell’Ordine della Vittoria dovevano essere realizzate con diamanti e rubini, quindi la creazione fu affidata agli specialisti della fabbrica di gioielli e orologi di Mosca.

LEGGI ANCHE: I cinque principali ordini cavallereschi dell’Impero Russo 

Inizialmente, il progetto era di creare 30 copie dell’ordine. Ognuna richiedeva 180 diamanti, 50 diamanti con taglio a rosa e 300 grammi di platino. In totale, i creatori ricevettero 5.400 diamanti, 1.500 diamanti con taglio a rosa e 9 chilogrammi di platino. Tuttavia, alla fine vennero utilizzati rubini artificiali, perché tutti i rubini naturali avevano tinte di colore diverse l’una dall’altra, il che non andava bene su delle medaglie.

L'Ordine della Vittoria

Tutto il lavoro era effettuato a mano. Furono create 22 medaglie in totale, ma tre medaglie non sono vennero assegnate. Come ha mostrato una perizia di esperti nel 2010, condotta dai Musei del Cremlino di Mosca, le medaglie contenevano diamanti provenienti dagli ordini e dai gioielli indossati dai membri della famiglia Romanov! Dopo la caduta dell’Impero russo, queste medaglie e questi gioielli erano stati tolti dal tesoro degli zar, e le pietre preziose erano finite nei caveau sovietici.

Dove sono adesso le affascinanti medaglie dell’Ordine?

Ogni Ordine della Vittoria è realizzato in platino, mentre la scritta “ПОБЕДА” (“Vittoria”) è realizzata in oro. La medaglia ha 174 diamanti (16 carati in totale) e 5 rubini artificiali da 5 carati. I dettagli (le mura del Cremlino, il Mausoleo di Lenin, i rami di quercia e alloro, tempestati di piccoli diamanti, sono realizzati in platino placcato oro. Solo i dettagli di fissaggio, la vite e il dado, sono realizzati in argento. L’ordine pesa 78 grammi in totale. Una caratteristica unica di queste medaglie è che non hanno numeri di serie: il premio fu inizialmente progettato per essere uno dei più rari esistenti. Esistono alcuni ordini che hanno meno copie di questo, ma non possono competere con l’Ordine della Vittoria in termini di valore!

La prima volta che l’Ordine fu assegnato fu il 10 aprile 1944: al maresciallo Georgij Zhukov (1896-1974), al maresciallo Aleksandr Vasilevskij (1895-1977) e al comandante in capo, Stalin. Tutti e tre furono premiati in onore della liberazione della Riva destra ucraina (il nome storico di quella parte dell’odierna Ucraina immediatamente a ovest del Dnepr). Più tardi, nel 1945, gli stessi tre comandanti furono onorati con l’Ordine una seconda volta.

In totale, l’Ordine è stato assegnato 20 volte a 17 persone, tre delle quali (menzionate sopra) lo hanno ricevuto due volte, mentre una è stata poi privata del premio (Leonid Brezhnev, a cui era stato assegnato nel 1978 e a cui è stato ritirato post mortem nel 1989 “per mancanza di requisiti”). Il generale Ivan Chernjakhovskij (1907-1945) doveva ricevere l’Ordine il 23 febbraio 1945, ma morì il 18 febbraio.

Il maresciallo Georgij Zhukov

L’Ordine è stato assegnato anche a 5 stranieri. Il maresciallo di campo britannico Bernard Montgomery e il generale americano Dwight Eisenhower (in seguito presidente degli Usa) furono premiati il 5 giugno 1945, “per gli straordinari successi nel condurre operazioni militari su vasta scala che hanno portato alla vittoria delle Nazioni Alleate sulla Germania di Hitler”.

Michele I di Romania con l'Ordine della Vittoria

Al re Michele I di Romania (che era stato deposto dai comunisti il 30 dicembre 1947) la medaglia fu assegnata il 6 luglio 1954, per la sua decisione di arrestare i collaboratori nazisti all’interno del governo rumeno, presa il 23 agosto 1944, mentre la decisiva vittoria sui nazisti non era ancora stata raggiunta.

Il maresciallo di Polonia Michał Rola-Żymierski fu premiato il 9 agosto 1945, per aver condotto operazioni contro i nazisti, e un mese dopo ricevette l’ambita onorificenza anche il maresciallo di Jugoslavia Josip Broz Tito.

Come detto, il Segretario generale del Comitato centrale del Partito comunista dell’Urss Leonid Brezhnev (1906-1982), ricevette l’Ordine della Vittoria nel 1978, ma ne fu privato postumo nel 1989, perché si riteneva che l’assegnazione violasse lo statuto dell’onorificenza.

Leonid Brezhnev

I musei del Cremlino di Mosca hanno la più grande collezione di medaglie dell’Ordine della Vittoria: 8 in totale. Quella che fu del maresciallo Semen Timoshenko (1895-1970), e un’altra, che non fu mai assegnata, sono conservate nel Museo del Fondo statale per i metalli preziosi e le pietre preziose della Federazione Russa (Gokhran). Un’altra medaglia dell’Ordine non assegnata è conservata all’Ermitage. Il luogo in cui si trova la terza medaglia dell’Ordine non assegnata non è noto. Inoltre, non è chiaro dove sia esattamente la medaglia assegnata a Michał Rola-Żymierski.


I premi di Stato in Russia da Stalin a Putin, chi li dà e chi li riceve 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie