I cinque principali ordini cavallereschi dell’Impero Russo

Kunsthalle Hamburg, dominio pubblico, V. Lozovskij, A. Sverdlov/Sputnik
Bellissimi esempi di gioielleria, queste onorificenze avevano un ruolo importantissimo nelle gerarchie dell’epoca

Perché un Paese dovrebbe aver bisogno di un sistema di onorificenze? Pietro il Grande conosceva la risposta a questa domanda. Quando divenne zar, capì che la Russia doveva fare un grande passo in avanti per raggiungere i concorrenti europei, e introdurre un complesso di premi statali andava in questa direzione.

Un sistema di decorazioni statali permetteva al monarca di distinguere le persone, rendendo più esplicite le sue scelte; un ordine poteva elevare un semplice soldato a gradi più alti, o far sì che un nobile aumentasse il suo status. Pietro introdusse il primo ordine russo nel 1698. Tutti gli ordini russi venivano assegnati solo dagli imperatori (ad eccezione dell’Ordine di Santa Caterina che era concesso dalle imperatrici).

1 / Ordine Imperiale di Sant’Andrea apostolo “il primo chiamato”

L’Ordine fu istituito nel 1698 da Pietro il Grande (1672-1725), in onore di Sant’Andrea, primo apostolo di Gesù e santo patrono della Russia. Fu il primo ordine della Russia, istituito immediatamente dopo il ritorno di Pietro dal suo viaggio in Europa, la cosiddetta “Grande ambasceria”. Secondo una leggenda tramandata dalla Chiesa ortodossa, l’apostolo Andrea fu il primo a visitare le terre russe e a predicare il cristianesimo al popolo russo.

Per quasi un secolo, l’ordine non ebbe uno statuto. Veniva conferito in una classe unica (cavaliere) ed era assegnato solo per i meriti civili o militari più eccezionali. Consisteva in un distintivo (un’aquila bicipite coronata nera smaltata) e una stella d’argento a otto punte con il motto “Per fede e lealtà”. Le insegne dell’ordine potevano essere decorate “con diamanti” come distinzione speciale. Dopo il 1797, ogni Granduca russo ricevette l’Ordine al momento del suo battesimo e i Principi del Sangue Imperiale se lo videro assegnare al raggiungimento dei 18 anni. In totale, ci sono stati da 900 a 1.100 cavalieri di questo ordine.

2 / Ordine di Santa Caterina

Questo ordine è stato storicamente il secondo ordine russo, istituito da Pietro il Grande nel nome di Santa Caterina, la patrona di sua moglie, Caterina I (1684-1727). Nel 1711, Pietro portò Caterina, allora ancora sua fidanzata, con sé nella campagna militare del fiume Prut (ai nostri giorni segna il confine tra Moldavia e Romania), nel corso della Guerra russo-turca del 1710-1711. Sebbene Caterina all’epoca fosse incinta, sopportò eroicamente le difficoltà della campagna, che fu dura sia per Pietro che i suoi generali e si concluse con una sconfitta per la Russia. L’Ordine volle riconoscere il suo ruolo. Fu ufficialmente inaugurato il 24 novembre 1714, il giorno in cui Pietro e Caterina si sposarono.

LEGGI ANCHE: Caterina I, come una straniera di umili origini si fece Imperatrice 

Questa onorificenza era destinata solo alle donne e veniva conferito in due classi: Dama di Gran Croce (medaglia e placca) e Dama di Gran Croce Minore (solo medaglia). Sul nastro rosso scarlatto era riportata in argento la scritta “Per l’Amore e la Patria”. Le donne a cui veniva conferito questo ordine, come nel caso dell’Ordine di Sant’Andrea, pagavano una tassa obbligatoria: 400 rubli per la Dama di Gran Croce e 200 rubli per la Dama di Gran Croce Minore. Tutti questi soldi andavano in beneficenza. Ad ogni Granduchessa russa veniva conferita la Gran Croce dell’Ordine al battesimo (o al momento del matrimonio con un membro della famiglia Romanov), e le Principesse di Sangue Imperiale lo ricevevano al compimento dei 18 anni. L’ordine fu conferito a 734 dame in totale.

3 / Ordine di San Giorgio

L’Ordine di San Giorgio fu il più alto riconoscimento militare dell’Impero russo. Venne stituito da Caterina la Grande (1729-1796) nel 1769, un anno dopo l’inizio della Guerra russo-turca del 1768-1774. Era destinato esclusivamente a premiare abilità militari personali sul campo di battaglia. L’ordine, si affermava nel suo statuto, “è stato assegnato a coloro che non solo hanno adempiuto al loro dovere… ma si sono anche distinti con qualche atto eccezionalmente coraggioso… Questo ordine deve essere indossato costantemente”.

L’Ordine di San Giorgio è diviso in quattro classi, la più alta delle quali è Cavaliere di I classe. Le insegne sono costituite da croce, stella e nastro. La croce è una patente d’oro smaltata di bianco con un medaglione centrale raffigurante San Giorgio che uccide il drago. La stella è una stella d’argento con le cifre coronate di San Giorgio dorate al centro, circondate dal motto “Per Servizio e Coraggio”. Il nastro è arancione con tre strisce nere, simboleggia il fuoco e la polvere da sparo, i “colori della gloria militare” russi. Dal 1845, tutte le classi dell’ordine garantivano il diritto della nobiltà ereditaria ai suoi cavalieri.

Oltre 10.000 persone ricevettero diversi gradi dell’ordine, sebbene fino al 1807 fosse destinato solo agli ufficiali. Nel 1807 fu istituito lo speciale titolo onorifico di “militare di San Giorgio”, per decorare soldati particolarmente coraggiosi (tuttavia non garantiva la nobiltà). Sebbene formalmente l’Ordine di San Giorgio fosse inferiore all’Ordine di Sant’Andrea nella gerarchia degli Ordini Russi, tra i militari era la decorazione più amata e ambita.

4 / Ordine di San Vladimiro

Istituito nel 1782 dall’imperatrice Caterina la Grande in memoria delle gesta di Vladimiro I, il “battezzatore” della Rus’, che nel 988 decise la conversione del Paese al cristianesimo, questo ordine era destinato sia ai militari che ai funzionari dell’Impero. L’ordine aveva quattro gradi, il più alto dei quali era il Cavaliere di I classe, ed era assegnato per il servizio continuo. La sua quarta classe veniva assegnata anche per eccezionali contributi o per 35 anni di servizio impeccabile. Il motto dell’ordine era “Beneficio, onore e gloria”. Le insegne dell’ordine includevano una croce smaltata rossa con bordi neri e d’oro e una stella a otto raggi in oro e argento, di diverse dimensioni in base alla classe. Il nastro dell’ordine era nero e rosso.

Tutte le classi dell’ordine garantivano il diritto della nobiltà ereditaria ai suoi cavalieri. Ma alla fine del XIX secolo, si scoprì che la IV classe era stata assegnata a molti commercianti e industrialotti, che erano così diventati “falsi” nobili. Dal 1900, la IV classe garantì così solo il diritto alla nobiltà personale, che non poteva essere ereditata dai figli del cavaliere. Questa onorificenza è stata conferita a oltre 10.000 persone.

5 / Ordine Imperiale di Sant’Aleksandr Nevskij

Questo ordine fu originariamente concepito da Pietro il Grande per premiare il coraggio in battaglia. Ma il primo imperatore morì prima che potesse ufficialmente crearlo, quindi l’ordine fu fondato da sua moglie, l’imperatrice Caterina I, nel 1725. Aleksandr Nevskij (1221-1263) è il principe russo che difese le terre dove in futuro sarebbe sorta San Pietroburgo dagli invasori svedesi e lituani. Fu canonizzato nel 1547 e, in seguito, i suoi resti furono sepolti alla lavra (una sorta di monastero ortodosso) Aleksandr Nevskij di San Pietroburgo dallo stesso Pietro il Grande. Quindi, inizialmente, l’ordine doveva premiare grandi imprese in guerra e diplomazia.

Ma l’ordine fu assegnato per la prima volta in occasione del matrimonio della granduchessa Anna Petrovna di Russia (1708-1728) e Carlo Federico di Holstein-Gottorp (1700-1739) il 1° giugno 1725. Diciotto persone ricevettero l’ordine quel giorno e il 21 settembre altre persone si videro appuntare al petto l’onorificenza. L’ordine divenne rapidamente importante, subito dietro gli ordini “principali” di Santa Caterina e di Sant’Andrea.

Ricevette per la prima volta il suo statuto ufficiale solo nel 1797. Aveva una sola classe. Il motto era “Per il lavoro e la patria”. Le insegne includevano una croce smaltata rossa con quattro aquile dorate, una stella d’argento con il motto dell’ordine e un nastro rosso cremisi. In totale, 3.674 persone sono state decorate con questo ordine.


I premi di Stato in Russia da Stalin a Putin, chi li dà e chi li riceve 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie