Tre comandanti militari russi che non conobbero la sconfitta

Vladimir Boiko/Global Look Press
La Russia ha combattuto molte battaglie nel corso della sua storia. Questi geni dell’arte militare non ne hanno persa neanche una

1. Aleksandr Suvorov

Aleksandr Suvorov (1730-1800) non perse una sola battaglia nel corso della sua lunga carriera militare. Tra le oltre 60 vittorie, quella più difficile fu probabilmente l’assedio della fortezza turca di Izmaïl, nel 1790.

Era in corso una delle guerre russo-turche e la fortezza di Izmail sul Danubio aveva un’importanza strategica chiave. Era ben fortificata: aveva mura alte e un fossato profondo dieci metri. La sua guarnigione era composta da circa 35 mila soldati (la metà dei quali erano giannizzeri, le truppe d’élite turche) mentre Suvorov aveva a sua disposizione circa 31 mila uomini.

Il grave squilibrio di forze sembrava non preoccupare molto Suvorov. Inviò un messaggio spavaldo ai turchi: “Avete 24 ore per per scegliere la libertà. Il mio primo colpo significherà prigionia. L’assalto, vorrà dire morte”. La risposta del capo della difesa della cittadella non fu meno audace: “È più probabile che il Danubio inizi a scorrere all’indietro e il sole cada sulla Terra che non Izmaïl si arrenda”.

Suvorov addestrò i suoi soldati a superare fossati e mura per sei giorni e poi attaccò la fortezza prima dell’alba da tre direzioni. I turchi furono disorientati da questa mossa, non aspettandosi di essere colpiti da fronti diversi. La battaglia fu feroce, e i turchi difesero la città con veemenza. Tuttavia, al mattino i russi presero la fortificazione esterna e entrarono in città. I combattimenti nelle strade si trasformarono in un bagno di sangue.

“Si sparava da ogni edificio… Non combatterono solo gli uomini, ma anche le donne attaccarono i russi con i pugnali in mano, come se cercassero disperatamente la morte… I tetti in fiamme caddero… Diverse migliaia di cavalli uscirono dalle stalle in fiamme e iniziarono a correre come impazziti per le strade, aumentando il caos”, così raccontò l’epica battaglia uno storico russo del XIX secolo.

Alle quattro del pomeriggio, la fortezza cadde. I turchi persero 26.000 uomini, e 9.000 vennero fatti prigionieri. La parte russa perse circa 2.200 soldati. Anni dopo, Suvorov disse: “Si può osare attaccare una simile fortezza solo una volta nella vita”.

2. Fedor Ushakov

Anche un altro comandante militare russo, l’ammiraglio del XVIII secolo Fedor Ushakov (1745-1817), non perse neanche una singola battaglia. Poteva anche affermare che sotto il suo comando nessuna nave fu persa e nessuno dei marinai fu fatto prigioniero.

La maggior parte delle sue battaglie, Ushakov, le vinse combattendo i turchi nel Sud. A differenza delle tradizionali forze terrestri russe, la flotta sul Mar Nero era ancora in via di creazione alla fine del secolo ed era superata in forza ed esperienza dalla controparte turca. Quindi, la flotta del Mar Nero evitò battaglie decisive con i turchi. Tuttavia, tutto cambiò quando, nel marzo del 1790, Ushakov fu messo al comando. Pose un’enfasi speciale sull’addestramento e ruppe con la rigida tradizione delle battaglie navali, sostenendo un approccio più flessibile e innovativo, che consentiva alle navi di manovrare attivamente durante i combattimenti.

Queste innovazioni portarono frutti nell’azione chiave contro i Turchi nella Battaglia di Tendra (al largo della Bulgaria) nel settembre del 1790. La flotta ottomana era più grande: 14 navi da battaglia contro le 10 sotto il comando di Ushakov. Tuttavia, Ushakov scelse di attaccare concentrando il fuoco sulle principali navi turche. Non potendo far fronte a un simile attacco, i turchi iniziarono a ritirarsi in preda al panico. “La nostra flotta inseguì e colpì il nemico fino alla fine”, riferì Ushakov in seguito. L’inseguimento proseguì per due giorni. I russi riuscirono ad affondare l’ammiraglia del nemico e a catturare un’altra corazzata. Nel complesso, i turchi persero sei navi e oltre 2.000 marinai. Le perdite russe si limitarono a 21 morti e 25 feriti.

“La battaglia di Tendra divenne un capitolo fondamentale nella storia della teoria navale mondiale. L’ammiraglio Ushakov fu “un innovatore in termini di tattiche di manovra nelle battaglie navali che si sono rivelate efficaci e hanno portato alla fine del predominio della Turchia sul Mar Nero…”, ha detto uno storico militare russo.

3. Georgij Zhukov

Questo terzo comandante rivelò i suoi talenti ai tempi dell’Unione Sovietica, durante la Seconda guerra mondiale. Georgij Zhukov (1896-1974) ricevette quattro volte l’onorificenza di eroe dell’Unione Sovietica e molti altri premi e medaglie. Rappresentò l’Unione Sovietica quando la Germania firmò la resa incondizionata e fu lui a comandare la parata della vittoria di Mosca nel giugno del 1945.

Zhukov giocò un ruolo cruciale nella pianificazione e nell’esecuzione delle operazioni chiave dell’Armata Rossa sul fronte tedesco-sovietico, compreso l’ultimo atto, la Battaglia per Berlino. Il suo primo Fronte bielorusso dovette sfondare le ben fortificate posizioni tedesche.

L’attacco iniziò durante la notte del 16 aprile con un bombardamento di artiglieria senza precedenti, potente e coordinato. Poi, ancora prima dell’alba, i carri armati entrarono in battaglia, accompagnati dalla fanteria. Questo fu possibile grazie all’aiuto di molti riflettori, che illuminavano la strada alle truppe in avanzata.

Due settimane dopo, il 1° maggio, la bandiera rossa fu issata sopra l’edificio del Reichstag: la capitale tedesca era conquistata. La maggior parte degli storici apprezza molto il genio militare di Zhukov e alcuni addirittura lo chiamano il “Paganini dell’arte della guerra”.

Tre grandi vittorie della Marina Russa che hanno fatto la storia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie