Il “Giorno della Conoscenza”: il primo giorno di scuola dai tempi sovietici a oggi in Russia (FOTO)

Konstantin Mikhalchevskij/Sputnik; Aleksandr Kruzhkov/archivio di Pavel Sukharev
Il 1º settembre è una data speciale in tutta la Federazione Russa: inizia il nuovo anno scolastico e, con una serie di celebrazioni e tradizioni uniche, si torna sui banchi a studiare

La fine dell’estate (in Russia si seguono le stagioni meteorologiche e non gli equinozi e i solstizi, quindi l’autunno inizia il 1º settembre) significa automaticamente la fine delle vacanze e della vita spensierata per tutti i bambini russi.

Storicamente, non era obbligatorio che la scuola iniziasse il 1º settembre, ma dopo la Rivoluzione divenne la data più comune in tutto il Paese. E, dal 1984, il 1º settembre è ufficialmente conosciuto come “Giornata della conoscenza” (in russo: “День знаний”; “Dén znánij”), con i bambini di tutto il Paese (e quelli della maggior parte dell’ex Unione Sovietica) che iniziano la scuola (e il liceo) in questo giorno.

Ai tempi dell’Urss i bambini tornavano spesso dalla dacia dei nonni o dai campi dei Pionieri, dove trascorrevano gran parte dei tre mesi delle vacanze estive. Alcuni di loro erano felici di rivedere gli amici, mentre altri non erano troppo entusiasti di scambiare la libertà estiva con la routine dello studio.

La preparazione per la scuola era un processo complesso. Bisognava fare la borsa, comprare quaderni e penne, ritirare i libri di testo dalla biblioteca della scuola e far stirare l’uniforme scolastica. C’era un’uniforme diversa per le occasioni solenni come il 1º settembre. Prevedeva un grembiule bianco e fiocchi ai capelli per le ragazze e camicie bianche per i ragazzi.

La mattina presto del 1º settembre, i bambini andavano a scuola, di solito accompagnati da genitori o dai parenti, soprattutto se era il primo anno. La cosa più importante, oltre a prendere uno zaino e vestirsi con l’uniforme, era portare dei fiori per la maestra.

Circa mezz’ora prima dell’inizio delle lezioni, tutti gli studenti si mettevano in fila davanti alla scuola e un capoclasse portava una targa con il numero e la lettera della sezione della classe. Di solito, c’erano almeno tre sezioni, la “А”, la “Б”, la “В” (“a”, “b”, “v”), che seguivano l’ordine dell’alfabeto cirillico. 

Fin dalla tarda epoca sovietica, tutti scattavano una foto speciale in occasione del 1º settembre, con i genitori, con l’insegnante e/o con l’intera classe. Gli studenti a volte studiavano insieme dalla 1ª alla 10ª classe.

Il nuovo anno scolastico significava una vita completamente nuova per il bambino, quindi era un momento molto speciale.

Terminata la frenesia dell’incontro con gli amici, i ragazzi si disponevano in riga e ascoltavano il direttore della scuola, che di solito teneva un discorso cerimoniale, esortandoli a studiare con attenzione e a pensare al proprio futuro.

Quindi, veniva il momento di entrare nella scuola e di dirigersi verso le proprie aule. Di solito, un insegnante preparava in anticipo targhe speciali sul banco in modo che gli studenti si sedessero in posti decisi in precedenza. Quindi, arrivava il momento della consegna dei fiori da parte dei bambini alla loro insegnante.

Il primo giorno di scuola era solitamente finalizzato a rinfrescare le conoscenze dimenticate dopo la pausa estiva e a conoscersi (se era la prima elementare), o a fare amicizia con nuovi studenti, se qualcuno si era iscritto alle classi superiori o si era trasferito in quell’istituto.

Il crollo dell’Urss non ha stravolto le tradizioni. L’unica differenza è che molte scuole hanno rinunciato a far indossare le uniformi e permesso agli scolari di indossare abiti casual.

Tuttavia, la tradizione di indossare i fiocchi è diventata un simbolo della scuola e un simbolo sia del 1º settembre che della cerimonia dell’“Ultima campanella” (il 25 maggio) per la classe che ha poi gli esami finali.

Un’altra bella tradizione che è rimasta fino a oggi è quella degli studenti dell’ultima classe che accompagnano gli studenti di prima classe nella scuola, come gesto simbolico del passaggio del testimone della conoscenza alla generazione successiva.

Le scuole militari non fanno eccezione a tutte queste tradizioni.

Nella Russia moderna, la festa del 1º settembre è quasi un fenomeno di culto. Circa due settimane prima dell’inizio dell’autunno, i grandi centri commerciali e supermercati cambiano i loro scaffali estivi, pieni di spray antizanzara e creme solari, con tutto ciò che è dedicato alla scuola: zaini, penne, quaderni e molte altre cose che farebbero invidia agli ex studenti sovietici!

Durante l’epidemia di Covid-19, gli studenti delle scuole superiori hanno studiato principalmente con la didattica a distanza, mentre agli studenti delle scuole elementari è stato permesso di andare a scuola in presenza. Hanno rispettato la tradizione della cerimonia del 1º settembre, ma i genitori non erano ammessi per limitare il rischio di contagio.

Purtroppo, la data del 1º settembre sarà sempre associata a un tragico evento accaduto nella storia della Russia moderna. In questo giorno, nel 2004, un gruppo di terroristi prese in ostaggio una scuola a Beslan, nella Repubblica dell’Ossezia Settentrionale-Alania, proprio durante la cerimonia di inizio dell’anno scolastico. Come conseguenza, 314 persone vennero uccise, la maggior parte delle quali bambini. Il 3 settembre, giorno in cui gli ostaggi rimasti vennero finalmente rilasciati, è ora noto come “Giornata della memoria” e ogni anno si tiene una veglia per commemorare le vittime tra le rovine della scuola.


LEGGI ANCHE: Cosa ne pensano i russi dell’istruzione nel loro Paese? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie