Cosa ne pensano i russi dell’istruzione nel loro Paese?

Natalya Nosova
Lo scrittore americano Benjamin Davis, che vive in Russia da anni e ha testato sulla sua pelle cosa si prova a fare l’insegnante da queste parti, ha cercato di capire quale sia il sentimento locale nei confronti di scuole e università

Un camion arriva a casa tua. Una coppia di persone che non hai mai visto prima apre il telone e inizia a scaricare pile di tavole storte, piastrelle incrinate, malta già mezza indurita, chiodi piegati, viti spanate, cavi elettrici usati, lamiere ammaccate e un martello fatto di speranze e di sogni. E ti dicono “costruiscici una casa”. 

Tu fai del tuo meglio. Per anni continui in questo incubo kafkiano, e sempre più persone vengono a portarti materiale scadente del genere. Combatti incendi e inondazioni e costruisci casa, dopo casa, dopo casa… Nessuno ti ringrazia, e la maggior parte di ciò che costruisci finisce, incompiuto, nella discarica della vita. 

Questo è quello che si prova a fare l’insegnante. E per di più ci si trova anche in una fiaba grottesca, in cui quelle assi di legno storto e quelle lamiere ammaccate sono animate: hanno bocche, che spesso mordono e talvolta ti dicono di andare a farti fottere. 

Se ciò vi sembra tetro, cercate di ricordare cosa si prova a essere un mucchio di viti spanate, chiodi piegati e legname di scarto… 

Ho insegnato a molti studenti russi nel corso degli anni, sia in classe che fuori. A quel tempo, ho imparato una cosa: sono proprio come gli studenti di tutto il mondo. Sono intelligenti, divertenti e laboriosi, e sì, a volte ti sbattono in faccia la loro pubertà. 

Quando ho contattato i russi per discutere del tema dell’istruzione in Russia, ho trovato una preoccupazione sincera e una grande passione. Mi aspettavo aneddoti, piccole lamentele e ideologie contrastanti. Ciò che ne ho ricavato è stata una serie di idee costruttive su cosa non va nel sistema educativo russo, su cui vale la pena riflettere.

Più scienze che materie umanistiche 

Nonostante la Russia abbia uno dei più alti tassi di alfabetizzazione al mondo, vicino al cento per cento, alcuni dei russi con cui ho parlato hanno criticato il loro sistema educativo, sostenendo che non punti abbastanza sulle discipline umanistiche:

“Riguardo al sistema scolastico, penso che abbiamo un apprendimento più approfondito delle scienze esatte (con lezioni distinte di fisica, biologia e chimica), il che spiega il gran numero di hacker e matematici russi”. Zoe, attuale studentessa di scuola superiore in Russia 

“Le discipline umanistiche in generale sono considerate il destino spregevole di coloro che non sono bravi in matematica e fisica. Quindi, le materie tecniche sono considerate superiori, mentre le scienze umane sono vissute come scarti.” Ulia, diplomata al liceo nel 2015 

Tuttavia, non tutti sono d’accordo. Parlando con un insegnante di biologia di scuola superiore, lui ha detto che gli studenti hanno molte più probabilità di eccellere in storia, per esempio, che non in matematica o scienze: 

“La maggior parte degli studenti non conosce molto bene la biologia, la chimica o la fisica. Sto preparando alcuni di loro per gli esami, quindi lo so di prima mano. Nel frattempo, a giudicare dalle mie esperienze con gli studenti russi, non vanno male in storia. È difficile dire su cosa le scuole russe siano focalizzate. La scuola nell’Urss era buona per quanto riguarda la matematica e la geografia, ma ora ci sono troppi vecchi insegnanti che hanno problemi con computer e internet. D’altra parte, ci sono alcune scuole veramente buone nelle città.” Evgenij, insegnante di biologia di scuola superiore 

La mancanza di pensiero critico e di espressione personale 

Quando ero al liceo, il pensiero critico era sempre lodato come un aspetto essenziale dell’educazione. Mi è stato insegnato a pensare e a essere critico nei confronti di tutto; tranne che dei miei insegnanti, del libro di testo, dei compiti, della scuola, dei miei genitori e del preside: era molto importante essere critici nei confronti di ogni autorità che fosse molto lontana, o morta. 

“Rispetto alla mia esperienza con le università americane (conosco alcune persone che insegnano là), in materie come Studi sociali, Storia, ecc., in Russia non scriviamo mai cose che mirino a esprimere il nostro pensiero, mentre gli americani lo fanno sempre. Noi scriviamo cose del tipo “Questo studioso ha scritto che…”, e riassumiamo la sua opera, oppure “Ci sono due approcci a questo problema: il primo è… il secondo invece…”. Molto raramente si richiede che uno studente esprima la propria posizione e la argomenti”. Nadja, ha studiato in Russia nei primi anni Duemila 

“L’educazione russa non sembra facilitare lo sviluppo personale o professionale di un bambino, ma ha piuttosto l’ambizione di far entrare in modo brusco i fatti scritti in un libro di testo sovietico nella testa di uno studente… La completa assenza di pensiero critico è probabilmente il problema più lampante nelle scuole russe. Ci viene insegnato cosa pensare, non come pensare, il che è esattamente l’opposto di ciò che dovrebbe essere l’educazione.” Ulia, diplomata al liceo nel 2015 

“Cercare di insegnarti a pensare in modo critico è una cosa rara, anche se un’insegnante è una giovane persona illuminata, non può fare nulla in questa direzione a causa del resto del corpo docente e della rigidità del programma. Cercare di dare un senso alla realtà è un buon modo per farsi licenziare. Quindi, sì, il sistema educativo è obsoleto, non funziona come in Urss, i tempi sono cambiati.” – Denis, ha insegnato biologia agli studenti russi nelle classi tra la 5ªe 9ª 

Poca scelta e scarsa indipendenza

“Nella scuola superiore russa generalmente non puoi scegliere le materie e crearti il tuo programma. Hai un programma fisso, con materie diverse ogni giorno, e un diario cartaceo su cui scrivi l’orario e i compiti a casa… Negli Stati Uniti puoi scegliere qualsiasi materia ti interessi, purché ti dia almeno il minimo dei crediti richiesti. Mi è piaciuto questo approccio: ho scelto AP Calculus e AP Physics perché mi piace la matematica, e non ho dovuto torturarmi con la chimica o la biologia o l’arte o qualsiasi altra materia che trovo terribilmente noiosa.” – Ilja, ha studiato negli Stati Uniti e in Russia

“Ai miei tempi, l’istruzione scolastica russa non aveva materie a scelta, e dovevi seguire obbligatoriamente i corsi di matematica, fisica, chimica, astronomia e altre cose di cui potevi aver bisogno o meno nei tuoi studi futuri. Questo sembra uno spreco di tempo e di sforzi ai propugnatori dell’educazione verticale, ma in realtà questo sistema fornisce una base migliore per tutti i grandi orizzonti, ti fornisce un pensiero sistemico e ti insegna a vedere i collegamenti tra le cose.” Nadja, ha studiato in Russia nel primi anni Duemila 

Come sono considerati gli insegnanti in Russia? 

“Ultimo ma non meno importante: l’atteggiamento dei docenti. L’insegnante qui ha sempre ragione. Può chiamare uno studente idiota, imbecille, dirgli che non capisce nulla, e questa è la pratica comune. Ai bambini viene mostrato che possono essere trattati come stronzi da chi è più potente e che non c’è niente da fare al riguardo. Naturalmente, ci sono grandi pedagoghi con un vero amore per l’educazione e per i bambini, ma è più probabile che siano un’eccezione piuttosto che la regola. L’educazione è il nostro passato, presente e, soprattutto, il nostro futuro. Richiede una trasformazione drastica.” Ulia, diplomata al liceo nel 2015

“Beh, si tratta più di rispetto, che di disciplina. Molto spesso gli insegnanti (soprattutto quelli che si sono formati in epoca sovietica) sono davvero conservatori, e sostengono cose come che Putin è l’unico vero leader, che le donne devono preoccuparsi di più della famiglia rispetto alla carriera e così via, ed è difficile trovare la linea tra disaccordo rispettoso ed essere considerato un deficiente.”Zoe, attuale studentessa di scuola superiore in Russia 

“Se parliamo del processo di apprendimento stesso, allora in Occidente l’insegnante cerca di essere un amico e una persona sullo stesso piano dello studente, mentre nella scuola russa gli insegnanti vivono spesso nel loro recinto, separati dagli studenti; sono severi e chiedono solo di fare un sacco di compiti.” – Nika, studentessa universitaria di Tecnologia 

Molti insegnanti sono sottopagati e demotivati

Uno degli altri commenti più frequenti che ho ricevuto è vero in tutto il mondo: se continueremo a pagare stipendi inadeguati agli insegnanti, le generazioni future soffriranno.

“Gli insegnanti, persone così importanti nella vita di ogni persona, hanno salari davvero bassi. È difficile rimanere positivi e diffondere gioia in tali condizioni per molto tempo, sai. Devi esserci proprio portato per tirare avanti così a lungo in quelle condizioni.”Denis, ha insegnato biologia agli studenti russi nelle classi tra la 5ªe 9ª 

“Insegnare non è un lavoro ben pagato in Russia, quindi le persone che vogliono guadagnare davvero non lavorano nell’istruzione. Ciò significa che coloro che rimangono nel settore dell’istruzione, o amano veramente il loro lavoro o semplicemente vogliono torturare altre persone. Sfortunatamente, chi ama insegnare non può durare a lungo nelle scuole o nelle università e lascia il campo, deluso.” Daria, diplomatasi nel 2007 

Mi affascina il fatto che i responsabili politici stanzino fondi per rendere le scuole più high-tech senza capire una semplice verità sull’educazione: un grande insegnante può insegnare molto di più con un bastone e un mucchio di sabbia di un cattivo insegnante con tutti gli iPad del mondo. 

Sono uno di quegli sciocchi che credono che l’educazione sia la chiave per risolvere i problemi del mondo, ma questo significa che i soldi dovrebbero essere spesi meglio. 

In America, abbiamo un budget annuale per l’istruzione che ammonta a 68 miliardi di dollari. In Russia, il budget annuale per l’istruzione è di 10 miliardi. Se mettiamo questi numeri accanto ai bilanci militari americani e russi, abbiamo una buona idea delle priorità dei nostri Paesi: Russia: 69 miliardi, America: 600 miliardi.

Quindi, ecco la mia idea naïf 

Perché il mondo non spende parte dei soldi che normalmente usa per uccidersi a vicenda per pagare meglio gli insegnanti, che sono gli unici che hanno la possibilità di crescere una nuova generazione di persone che potrebbero non volersi uccidere a vicenda? Forse se gli insegnanti fossero pagati di più, i genitori li ammirerebbero, invece di pensare sempre di saperla più lunga; e gli studenti sarebbero più desiderosi di frequentare le lezioni e imparare, piuttosto che stare a gingillarsi; e i politici stessi potrebbero guadagnarci qualcosa, alla fine dei conti. 

Ma cosa ne so io, che mi sono diplomato alla scuola pubblica!

 

Benjamin Davisèuno scrittore americano che vive in Russia ed esplora vari argomenti, da quelli più  frivoli a quelli più  profondi, attraverso conversazioni con i russi. Se avete qualcosa da dire o se volete che Benjamin esplori un particolare argomento, scrivetecelo nei commenti qui sotto o su Facebook.

Ecco alcune domande a cui ha giàdato risposta:

Cosa ne pensano i russi delle armi? 

Cosa ne pensano davvero i russi di Trump? 

Perchéi russi non amano fare due chiacchiere di cortesia? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie