“Dom-2”, dopo 16 anni in onda i russi dicono addio al reality show che ha segnato una generazione

TNT, 2020
Ha lanciato personaggi di primissimo piano dello showbiz russo, ed è stato amato e odiato con la stessa intensità, da chi non riusciva a perdersene una puntata (quelle serali sono state 6.077) e da chi lo considerava un programma trash e diseducativo

Il 30 dicembre 2020, il canale russo TNT ha ospitato l’ultima puntata del popolare programma televisivo “Dom-2”. Nei commenti della sua community ufficiale, gli spettatori hanno inviato faccine piangenti a raffica e un sacco di commenti in cui chiedono che il programma non venga chiuso, ma semplicemente spostato su un altro canale televisivo.

Il primo show di questa serie, “Dom” (ossia “La casa”), andò in onda nel 2003. Il format era quello di “Under Construction” della società britannica Zeal Entertainment: 12 coppie sposate lavoravano per tre mesi, aiutate da professionisti, alla costruzione di una casa, di cui la coppia vincitrice sarebbe poi diventata la proprietaria. Nel maggio 2004 era previsto il lancio della seconda stagione, “Dom-2”, e stavolta le famigliole di neo sposi furono sostituite da single di entrambi i sessi, che, parallelamente alla costruzione di una casa, cercavano una dolce metà per se stessi, vivevano nello stesso spazio, e allo stesso tempo partecipavano a concorsi, giochi e discutevano quotidianamente davanti a un falò, in una sorta di “confessionale” chiamato “lobnoe mesto”, dal nome di un celebre luogo sulla Piazza Rossa, che nel linguaggio comune indica il “patibolo”. Il nuovo format piacque da morire agli spettatori russi: secondo Midiascope, nel 2005, 2,5 milioni di persone seguivano continuativamente lo show televisivo. 

Durante l’esistenza del progetto, tra i suoi partecipanti ci sono stati una trentina di matrimoni e sono nati 14 bambini, ha riferito Interfax. Il progetto aveva una propria rivista, i primi partecipanti hanno organizzato concerti nel più grande complesso sportivo della Russia, l’“Olimpijskij”. E l’ex partecipante Olga Buzova è diventata una delle cantanti pop più popolari in Russia e una regina di Instagram

Gli scandali non sono mancati: il progetto televisivo ha spesso mostrato scene di sesso eccessivamente esplicite e litigi senza fine, e anche risse, persino tra uomini e donne. Hanno provato più volte a chiudere il progetto televisivo. Per un anno intero, dal 2009 al 2010, per decisione del tribunale, venne trasmesso solo di notte, ma in seguito gli episodi diurni sono tornati in onda.

“Personalmente penso che il programma debba essere chiuso, perché corrompe i giovani, insegna loro ad essere volgari e senza gusto. E alcune storie sono piuttosto dubbie dal punto di vista del codice penale”. Così Vitalij Tretjakov, preside della scuola di alti studi televisivi dell’Università statale di Mosca, si espresse su “Dom-2” nel 2009.

Uno show per teledipendenti

Tuttavia, gli spettatori adoravano questo programma, e molti lo hanno guardato per tutti e 16 gli anni (in totale sono andate in onda 6.077 puntate serali).

“Mi interessava personalmente studiare lo psicotipo delle persone, vedere fino a che punto si può arrivare. E mi domandavo se avrei potuto stare lì al loro posto. Ho deciso che non potevo, e che non ci avrei fatto andare i miei figli. Eppure il programma è diventato rapidamente parte della mia vita”, ha detto la telespettatrice Tamara Tomina.

Per un’altra affezionata, la pensionata Julija Novikova, questo programma era diventato una vera scuola di vita:

“Tutto è reale. Ho due sorelle, l’abbiamo sempre guardato insieme, e dopo ogni episodio abbiamo discusso di quello che era successo in onda; era il nostro divertimento. Inoltre, ho imparato la lezione dagli errori di molti personaggi negativi, e ho cercato di seguire l’esempio da quelli positivi”, ha detto.

Un’altra fan del progetto, Elena Solntseva, dichiara che “Dom-2” è stato per lei una vera medicina contro la solitudine. “Nella mia vita, niente è così bello, interessante e colorato. Sono una casalinga, lavoravo a maglia e guardavo “Dom-2” ogni giorno, e mi sentivo meno annoiata e sola. Ora dovrò abituarmi a vivere senza questi partecipanti, che erano diventati parte della mia famiglia”, dice la Solntseva.

Cambio di location e calo degli ascolti

Secondo uno dei primi partecipanti al reality show, Roman Tretjakov, tutti i litigi e le risse avvenute nel programma all’epoca in cui era presente lui erano assolutamente spontanei. “Lo spettatore lo sentiva, e avrebbe voluto entrare nello schermo.”

“La ricerca delle relazioni, dell’amore e di tutto ciò che ne consegue è un tema shakespeariano senza fine, dal quale è impossibile staccarsi. Sì, i produttori hanno messo i protagonisti in diverse situazioni in cui una persona era costretta a difendere se stessa, i suoi interessi e i suoi valori. Sembrava una candid camera senza fine. Inoltre molti dei personaggi erano brillanti e creativi, era tutto molto interessante da guardare”, ha detto Roman Tretjakov.

A mantenere la popolarità dello show hanno contribuito anche le riprese in nuove location e i concorsi a premi: venivano sorteggiati viaggi, automobili, appartamenti al mare e premi in denaro. Alcuni dei partecipanti vivevano in case separate, in appartamenti in città, e alcune delle riprese sono state effettuate alle Seychelles.

“L’introduzione di location aggiuntive ha esacerbato la concorrenza, perché ogni volta che una persona si trovava in nuove condizioni, doveva dimostrare nuovamente la sincerità del suo rapporto e partecipare nuovamente alle competizioni, e tutto ciò alimentava l’interesse dello spettatore”, ha detto Tretjakov.

Infine, a suo avviso, le prime stagioni del progetto televisivo hanno dato alle persone un nuovo motivo di sentirsi unite, “oltre alla fede in Dio e alla difesa della Patria. E questo legame si è rivelato essere vero amore.”

“Nei primi due o tre anni, i telespettatori guardavano davvero qualcosa di positivo: persone che cercavano l’amore. Adesso io sono attivamente impegnato nel mondo dello stand-up, viaggio in città diverse per gli spettacoli, e le persone ricordano i personaggi di quei primi anni, e vari episodi, e sono felici di immergersi in questi ricordi della giovinezza o dell’infanzia. La maggior parte delle persone mi associa a ricordi piacevoli, mi rammentano con calore e amore, e ne sono molto orgoglioso”, racconta Tretjakov.

Tuttavia, nel corso degli anni, “gli ascolti del programma sono diminuiti drasticamente e lo show è andato in perdita”, ha affermato il capo della holding Gazprom Media, Aleksandr Zharov.

“Certo, all’inizio era estremamente popolare, così come a metà del suo percorso e al culmine del suo sviluppo, ma poi ha iniziato a perdere seriamente pubblico negli ultimi anni. E negli ultimi due è diventato non redditizio produrlo”, ha detto Zharov in onda su “Rossija 24”. Secondo lui, il progetto era costoso e ha iniziato a portare perdite al canale tv, e i tentativi di cambiare in corsa il format alla fine non hanno salvato le cose.

Il direttore generale del programma “Dom-2”, Aleksandr Rastorguev, ha però lasciato una speranza a ogni aficionado, affermando che il programma tornerà in onda su qualche altro canale, finora sconosciuto.


Dieci popolari show televisivi made in Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie