Olga Buzova, la regina russa di Instagram

Ekaterina Chesnokova/RIA Novosti
Canta, scrive e lavora come modella. Lanciata dal reality show “Dom-2”, oggi è tra i personaggi più seguiti sui social network russi. Di sé dice: “Sto portando la musica russa nel mondo”

È un braccio di ferro all’ultimo follower quello che sta portando avanti Olga Buzova con gli altri big dei social media. Presentatrice tv e cantante, la bella Olga negli ultimi mesi ha raggiunto un numero di fan su Instagram (@buzova86) da far girare la testa a qualsiasi influencer!

Secondo le statistiche di fine anno rese note da Instagram, le “Insta stories” di Olga Buzova hanno ricevuto più visite di quelle di Kim Kardashian, il noto personaggio televisivo americano, nonostante la giovane russa abbia mooolti meno follower rispetto alla sua “concorrente” statunitense: 11 milioni a fronte di 104 milioni!

Среда. А это значит мы ведём шоу Разбор на #тнт#ялюблюсвоюработу

Публикация от Ольга Бузова (@buzova86)

Nata a Leningrado (oggi San Pietroburgo) nel 1986, la carismatica Olga ha assaporato per la prima volta il successo con il celebre programma tv “Dom-2”, una specie di Grande Fratello in salsa russa, arrivato a essere il programma tv più lungo del mondo. Entrata come concorrente nel 2004, dopo quattro anni da partecipante è diventata ospite della trasmissione. Ora la si vede regolarmente presentare varie trasmissioni televisive.

Nel 2016 si è separata dal marito, il calciatore Dmitrj Tarasov, e ha iniziato a dedicarsi prevalentemente alla carriera: in poco tempo ha scalato le classifiche di iTunes con alcune sue canzoni, anche se non tutti sono ben convinti del suo talento.

“Smetterò di cantare solamente quando otterrò tutti i premi esistenti in Russia, in Usa e in Europa – ha dichiarato -, perché sono la prima artista ad aver portato la musica russa sul panorama internazionale”. Oltre a cantare, Buzova lavora come modella, dj e scrittrice.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie