Le cose belle del 2020 raccontate in foto

Aleksandr Avilov/Moskva agency; Grigorij Sysoev, Artur Lebedev/Sputnik
L’anno della pandemia sarà ricordato da molti come un anno nero. Ma oltre all’emergenza covid, alle tragedie e alle restrizioni, non sono mancate le buone notizie, che ci mostrano in chiave diversa i 12 mesi che hanno cambiato il mondo

Gennaio

Festeggiamenti di Capodanno a Mosca

La vita come la conoscevamo all’inizio del 2020 era un’altra cosa: era la vita di quando ci si poteva ancora abbracciare. Le prime settimane dell’anno sono segnate come sempre dall’euforia delle feste, da brindisi e mercatini, da passeggiate e incontri con amici e parenti.

Febbraio 

L’inaugurazione del parco “Dream Island” a Mosca

Alla fine di febbraio viene inaugurato a Mosca “Dream Island”, il più grande parco tematico coperto al mondo. Realizzato su una superficie di oltre 24 ettari e coperto da un’enorme cupola di vetro, ospita attrazioni e montagne russe costruite in buona parte in Italia. Il parco è stato chiuso solo tre settimane dopo, il 17 marzo, con l’inizio dell’emergenza sanitaria; è stato riaperto a giugno.

Cliccate qui per saperne di più sulla “Disneyland” russa dove le giostre sono italiane. 

Marzo

Un consulente per il commercio della birra prova un prodotto nell’ufficio di casa sua a Mosca

Il mondo intero conosce la tragedia del covid, e anche la Russia adotta le prime misure restrittive per contenere i contagi.

La chiusura di molte attività, lo smartworking e il distanziamento sociale pesano come un macigno su molte persone; per altre, invece, l’autoisolamento si rivela un momento per trascorrere più tempo con la propria famiglia e gli amici più cari, riuscendo ad apprezzare le piccole gioie del quotidiano.

Aprile 

Mosca vuota 
San Pietroburgo vuota

Prima dell’introduzione del lockdown, i moscoviti hanno la possibilità di ammirare per la prima volta nella loro vita alcuni luoghi della città normalmente affollati dai turisti. Nei parchi spuntano animali prima spariti, e la natura si riprende i propri spazi. 

Maggio 

Aerei sulla Piazza Rossa

La tradizionale parata della Vittoria, che ogni anno si tiene in Piazza Rossa il 9 maggio, viene rimandata a giugno. Nel cielo di Mosca si svolgono comunque le esibizioni delle forze aeree. 

Una cittadina di Tyumen con il ritratto dei veterani della Grande guerra patriottica canta una canzone della guerra insieme ai partecipanti della manifestazione “La parata a casa”

La marcia del Reggimento Immortale, che ogni anno porta in strada migliaia di russi con le foto dei veterani della Seconda guerra mondiale si svolge online. 

Giugno

Un bar di Mosca
Un bar di Mosca

Nelle regioni della Russia si alleggeriscono le restrizioni anti-covid. Le terrazze estive e i bar tornano ad accogliere i clienti, la gente passeggia per le strade e nei parchi; resta comunque l’obbligo di mantenere la distanza interpersonale e utilizzare guanti e mascherina. 

Soldati indiani alla parata

Il 24 giugno a Mosca, San Pietroburgo, Volgograd, Samara, Sebastopoli e altre città del paese si svolge la Parata della Vittoria. La data non è scelta a caso: in quello stesso giorno del 1945 in Piazza Rossa a Mosca sfilarono i soldati sovietici appena tornati da Berlino.

Nell’anno della pandemia, alla sfilata in Piazza Rossa partecipano anche ospiti provenienti da Serbia, India, Moldavia, Kirghizia, Bielorussia, Armenia e Cina.

Il 30 giugno il presidente russo Vladimir Putin e il presidente della Bielorussia Aleksandr Lukashenko inaugurano il memoriale militare a Rzhev, nell’oblast di Tver, in ricordo della battaglia avvenuta nel 1942-1943.

Luglio

Vacanzieri sulle spiagge di Sochi

La stagione delle vacanze estive entra nel vivo; con le frontiere chiuse e le difficoltà economiche dovute alla pandemia, molti russi trascorrono le ferie nelle località turistiche della Federazione: per molti l’anno del covid si rivela un’occasione per conoscere meglio il proprio paese.

Vacanzieri in Kamchatka

Le mete turistiche più gettonate sono le spiagge del Mar Nero a Sochi, Anapa e la Crimea. Molti russi decidono di conoscere la remota Siberia, gli Urali e l’Estremo oriente.

Kislovodsk

Agosto 

Il vaccino russo anti-covid Sputnik V

Il presidente russo Vladimir Putin annuncia la registrazione del primo vaccino al mondo contro il covid-19, lo Sputnik V, sviluppato dall’Istituto Gamaleya. 

Settembre

Dopo due anni di lavori, riapre la stazione fluviale di Mosca, uno dei due terminal passeggeri del trasporto fluviale della città. Soprannominata “la porta fluviale” della capitale, è sempre stata il principale punto di partenza per i viaggiatori diretti sul Mar Caspio, Mar d’Azov, Mar Bianco, Mar Nero e Mar Baltico, attraverso il Volga e il Don. È stato uno dei primi terminal costruiti secondo lo stile architettonico del Classicismo Socialista nel 1937. 

Ottobre

Turisti a Pyatigorsk

Le frontiere della Russia sono ancora chiuse ai turisti. Tuttavia il governo russo a ottobre annuncia l’introduzione dei visti elettronici per i cittadini di 52 paesi, compresa l’Italia. Dal 2021 sarà quindi possibile entrare nel territorio della Federazione Russa con un visto elettronico per un soggiorno di 16 giorni. Sarà possibile richiedere il documento online, previo pagamento di una tassa consolare pari a circa 40 dollari.

Novembre

Cosacchi a Krasnodar

Il 4 novembre in Russia si festeggia il Giorno dell’Unità Nazionale, celebrato ovviamente con le misure restrittive anti-covid, guanti e mascherine. 

Sevkabel Port

Alla fine di novembre le piste di pattinaggio su ghiaccio di tutto il paese aprono le porte al pubblico. Le città si vestono a festa e per strada si inizia a respirare un gioioso clima natalizio.

Dicembre

Addobbi natalizi 
La Piazza Rossa vestita a festa

Il paese si prepara alle feste di Capodanno. In molte regioni vengono però abolite le manifestazioni pubbliche e chiusi i ristoranti nei giorni di festa per evitare un peggioramento della diffusione del virus. 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie