Come viene scelto, trasportato e decorato l’albero di Natale del Cremlino di Mosca (FOTO)

Sergej Kiselev/Moskva Agency
In realtà, in Russia si chiama “albero di Capodanno”, e la tradizione di addobbarne uno statale si fa risalire a Pietro il Grande. Per selezionare quello principale del Paese esiste una speciale commissione di esperti

In Russia da molti anni c’è la tradizione di scegliere, decorare ed esporre al pubblico l’“Albero di Capodanno principale del Paese” (in russo si chiama “Главная ёлка страны”; “Glàvnaja jólka straný”). Al giorno d’oggi si trova all’interno del Cremlino, ma nel passato è stato esposto in vari luoghi diversi.

La tradizione di addobbare un albero per le feste fu introdotta per la prima volta in Russia da Pietro il Grande (1672-1725), ma dopo la sua morte l’usanza fu abbandonata, quindi il primo albero pubblico tornò in piazza solo nel 1852. Ovviamente a San Pietroburgo, che all’epoca era la capitale russa. Si trovava all’interno dell’edificio della stazione ferroviaria Moskovskij (all’epoca si chiamava Ekaterininskij). Più tardi, altri alberi iniziarono ad apparire in altre località della città. Inoltre, nobili e imprenditori iniziarono a organizzare feste di Capodanno per i bambini.

LEGGI ANCHE: Perché in Russia si fa l’albero di Capodanno, e non di Natale? 

Al Cremlino, gli alberi furono addobbati da quando Pietro il Grande ordinò di farlo. Furono messi in posizioni diverse: ad esempio, di fronte al Palazzo Terem e sulla Piazza delle Cattedrali. Anna I di Russia, che regnò dal 1730 al 1740, ordinò di addobbare gli alberi nei Giardini di Alessandro. Poi, fino al 1917, l’albero al Cremlino fu esposto sulla Piazza delle Cattedrali, ma c’era un requisito: l’albero appariva solo se la famiglia imperiale celebrava le festività a Mosca. Ma i monarchi russi tendevano a passare quei giorni a Tsarskoe Seló (24 chilometri a sud di San Pietroburgo). Così, durante il regno di Nicola II, l’albero sulla Piazza delle Cattedrali fu addobbato solo due volte. Inoltre, l’albero non apparve più durante la Prima guerra mondiale: era considerato una tradizione del nemico (Pietro l’aveva importata dalla Germania).

O. A. Romanova,

Dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917, l’albero fu nuovamente “legalizzato”, ma solo fino al 1926, quando il Capodanno fu considerato una festa borghese e bandito. Solo nel 1935 le celebrazioni tornarono e, tre anni dopo, un albero alto 15 metri apparve nella Sala delle colonne della Casa dei sindacati di via Bolshaja Dmitrovka. Due anni dopo, lì si tenne la prima festa per i bambini e la tradizione continuò anche durante la Seconda guerra mondiale. Nel 1955, l’albero di Capodanno principale del Paese fu trasferito nel Gran Palazzo del Cremlino e anche lì iniziò la consuetudine delle feste per i bambini. Dopo l’inaugurazione del Palazzo di Stato del Cremlino nel 1961, sia l’albero che le celebrazioni furono spostati lì. L’albero era sempre naturale. Di solito veniva abbattuto nella foresta di Istra, nella Regione di Mosca (50 chilometri a nord-ovest della capitale).

Capodanno al Cremlino, 1969

Nel 1996, l’albero tornò su Piazza delle Cattedrali su richiesta dall’allora presidente russo Boris Eltsin. Nel 2001-2004, tuttavia, è stato messo in mostra un albero di Capodanno artificiale, a causa dei rigidi inverni. Quando il freddo è forte, i rami di abete possono rompersi facilmente. Nel 2005-2006, un vero albero è stato portato da Velikij Ustjug (750 chilometri a nord-est di Mosca), la patria di Ded Moroz (il Babbo Natale russo). Dal 2007, gli alberi sono segati nelle foreste della Regione di Mosca.

I criteri per la scelta

C’è una commissione speciale che sceglie l’abete principale della Russia. Questi esperti lavorano per diverse settimane e prestano particolare attenzione all’aspetto dell’albero. Deve essere un abete di forma piramidale regolare, senza curvature e buchi nella chioma, e il colore degli aghi deve essere brillante. L’albero deve anche essere alto e avere circa 100 anni. Secondo gli esperti, un abete che ha vissuto circa un secolo è già piuttosto vecchio e presto diventerà debole e vulnerabile, quindi può essere abbattuto senza troppe preoccupazioni ecologiche.

Inoltre, l’albero dovrà mantenere il suo bell’aspetto per alcune settimane dopo essere stato tagliato, quindi deve essere ancora forte. Gli esperti verificano che l’abete non sia in parziale decomposizione, non abbia rami spezzati né lesioni nel tronco. L’albero deve avere un diametro di 60-70 centimetri nel punto di taglio. Gli aghi e il tronco devono essere completamente sani.

Le condizioni dell’abete sono oggi controllate con mezzi tecnologici. Prima gli specialisti usavano una trivella molto sottile, ma, nel 2020, hanno usato un resistografo, uno strumento che permette un’analisi non distruttiva dello stato di salute del legno. Una buona conduttività elettrica indica che l’albero è sano e il suo tronco non è marcio all’interno. Anche la posizione dell’abete è importante. Deve essere ai margini della foresta, in modo che sia facilmente accessibile.

Di solito, decine di alberi soddisfano i criteri e la commissione sceglie l’abete migliore e 1-2 extra per essere coperti nel caso in cui dovesse succedere qualcosa all’albero principale. Nel 2020 il miglior abete è stato tagliato il 9 dicembre. Ha 96 anni, è alto circa 25 metri, con un diametro del tronco di 60 centimetri e una ha larghezza massima dei rami di 10 metri.

Il trasporto

La consegna dell’albero viene effettuata dalla stessa azienda da più di 15 anni, quindi i lavoratori sono ormai sufficientemente esperti. Dopo la cerimonia del taglio, l’abete viene issato su una struttura speciale e quindi inserito in un container su un camion, dove resta praticamente sospeso con il tronco che non tocca il pavimento: tutto è fatto per evitare che l’abete si rovini e si perda il suo aspetto ideale. A proposito, questo è stato il motivo per cui l’idea di portare l’albero di Capodanno del Cremlino da Velikij Ustjug è stata abbandonata: per via della distanza servivano alcuni giorni di viaggio e l’abete una volta è arrivato piuttosto malmesso.

L’autista del camion è tradizionalmente vestito da Ded Moroz. L’albero entra nel Cremlino attraverso la porta della Torre Spasskaja, che di solito è chiusa ai veicoli. Questo è il momento più difficile del trasporto: l’antica porta delle mura è solo pochi centimetri più larga del camion, quindi l’autista deve essere estremamente cauto nelle manovre. Dopo che la consegna è terminata, l’abete viene installato sulla Piazza delle Cattedrali. Nel 2020 questo è avvenuto l’11 dicembre.

La decorazione

La decorazione dell’albero di Capodanno del Cremlino richiede diversi giorni di lavoro (nel 2020, dieci). Ci sono parti canoniche della decorazione: circa 200 palline luminose blu, rosse, dorate e bianche e ghirlande bianche, blu e rosse che rappresentano la bandiera russa. Nel 2019 c’erano 1.800 metri di ghirlande e nel 2020 dovrebbero essere ancora di più. Anche un’enorme stella rossa in cima all’abete è d’obbligo.

LEGGI ANCHE: La Chiesa ortodossa vorrebbe rimuovere le stelle rosse dal Cremlino 

Inoltre, ci sono anche alcune decorazioni speciali nuove ogni anno. Il segreto viene mantenuto finché non appaiono. Ad esempio, nel 2019, l’albero di Capodanno è stato decorato per celebrare il ventesimo anniversario della principale festa di Capodanno (la “jolka”) per bambini al Cremlino. Questo è il motivo per cui molti ornamenti dell’anno scorso furono realizzati dai bambini della scuola d’arte con sede presso l’Istituto d’arte di Mosca “Surikov”. C’erano anche molti elementi dedicati alla cultura popolare: matrjoska, samovar e galletti. In totale le decorazioni erano più di 2.100.

Dal 2007, quando gli alberi di Capodanno naturali hanno iniziato a essere consegnati ogni anno dalla Regione di Mosca, sono arrivati da foreste diverse, ma il più delle volte (tre) dalla foresta d’Istria. Sono stati tagliati anche nella foresta di Mozhajsk (104 chilometri a sud-ovest di Mosca) e, nel 2020, nella foresta di Naro-Fominsk (70 chilometri a sud-ovest di Mosca). L’abete che è stato scelto quest’anno per la Piazza delle Cattedrali del Cremlino è il più corto e uno degli alberi di Capodanno più giovani. Finora il 2017 e il 2019 avevano visto gli alberi più giovani (circa 90 anni), mentre nel 2013 e 2015 erano stati scelti quelli più vecchi: circa 120 anni di età. Il record di altezza è stato registrato nel 2011: 34,5 metri.


Perché i russi non tolgono l’albero di Natale fino a primavera? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie