Perché ci sono dei cognomi russi che terminano in -off?

Getty Images
Tutti conoscono la vodka Smirnoff, i sigari Davidoff, il compositore Rachmaninoff. La ragione di questa desinenza? La vecchia traslitterazione usata un secolo fa

Esistono diversi tipi di cognomi in Russia: alcuni terminano in -in (come Putin); mentre altri finiscono in -skij (come Chajkovskij o Dostoevskij). Ma il tipo di cognome più diffuso in assoluto ha il suffisso -ov (come Chekhov). 

Cosa significano i cognomi russi?

Storicamente, i cognomi in Russia richiamavano un attributo del padre, e si riferivano al suo nome, al suo lavoro o al suo soprannome. Ad esempio, “Ivanov” significa “figlio di Ivan”. Mentre un altro cognome molto popolare, “Kuznetsov”, originariamente significa “figlio del kuznets”, ossia “figlio del fabbro”.

Questi cognomi nella lingua russa hanno anche le forme femminili, che terminano in -ova, con l’aggiunta della -a tipica della gran parte dei termini femminili (conoscerete sicuramente almeno le parole babushka, matrjoshka, balalajka…). Quindi, Ivanova era originariamente la “figlia di Ivan”.

Oggi, in Russia il richiamo al padre resta nel moderno patronimico (in russo: ótchestvo). “Vladìmir Vladìmirovich” significa “Vladimir, figlio di Vladimir”, mentre il cognome fa riferimento alla linea familiare.

LEGGI ANCHE: Il patronimico russo: cos’è e come usarlo nel modo corretto 

Perché all’estero sono stati scritti spesso in -off?

Questi cognomi sono scritti in russo con -ov (in cirillico: -ов). Tuttavia, nella fonetica russa le consonanti dure alla fine delle parole vengono ammorbidite. Quindi, “Ivanov” viene pronunciato con un suono più simile alla “f”.

Storicamente, la traslitterazione francese delle parole russe era la più comune in Russia e i nobili russi che viaggiavano all’estero o comunicavano con gli stranieri, nel XIX secolo adattarono i loro cognomi e li scrissero con -off. Un’altra versione ipotizza che la “f” sia legata alla pronuncia tedesca della lettera “v”.

Ad esempio, il fondatore della compagnia svizzera di sigari “Davidoff”, era un ebreo di origini russe; Zinovij Gilelevich Davidov, che lasciò il Paese nel 1906. A quel tempo, la Russia era ancora una monarchia e lui trascrisse il suo cognome alla maniera francese, come era d’uso tra i nobili.

Più tardi nel XX secolo, la traslitterazione dei nomi russi divenne più scientifica e passò a -ov. Ciò ha interessato tutti i cognomi, anche quelli dei russi del XIX e XX secolo.

Va bene, ma perché la versione in -off esiste ancora?

Dopo la presa del potere da parte dei bolscevichi nel 1917, oltre un milione di nobili russi fuggirono dal Paese. Il nuovo Stato sovietico li perseguitava: nazionalizzò le loro proprietà, e ne arrestò e uccise molti. Questi cosiddetti “emigrati bianchi” partirono per l’Europa, e alla fine molti si stabilirono negli Stati Uniti. Ma inizialmente molti rimasero per del tempo in Francia, Germania e Austria e si abituarono allo stile di traslitterazione francese e tedesco. Ricevettero anche nuovi passaporti con i loro nomi scritti con -off alla fine.

Questi nuovi cognomi non avevano forme femminili e obbedivano alle regole della lingua locale. In questo modo il compositore russo Sergej Rakhmàninov (in cirillico: Сергей Рахманинов) che emigrò negli Stati Uniti nel 1918, ottenne la traslitterazione del suo cognome secondo le norme ortografiche allora in uso: Sergei Rachmaninoff. Così come “Smirnoff”, la famosa vodka creata dall’émigré Vladimir Smirnoff. Tuttavia, in origine era il marchio russo “Smirnov”, creato dal padre di Vladimir, Pavel Smirnov. I bolscevichi nazionalizzarono le loro fabbriche e, quando Vladimir lasciò la Russia, aprì una nuova fabbrica con il “nuovo” cognome, come gli era stato appena traslitterato.

Quindi, se incontrate qualcuno che ha un cognome che termina con -off negli Stati Uniti o in Europa, ciò significa che è molto probabilmente un discendente di russi “bianchi” emigrati dopo la Rivoluzione. I russi emigrati di recente hanno invece cognomi che sono sempre scritti con -ov, sia in Europa che in America, e la forma -ova per le donne.


Cosa significano i cognomi russi? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie