Presidenziali: Ksenia Sobchak sfida Putin nella corsa al Cremlino

Global Look Press
La star della tv russa ha annunciato la propria candidatura alle elezioni di marzo 2018. Ecco chi è la donna che intende dare del filo da torcere al leader russo. E che promette di passare alla storia come la Hillary Clinton russa

È stata spesso definita la Paris Hilton russa. E oggi Ksenia Sobchak, star della tv, punta ancora in alto, al Cremlino, sognando di passare alla storia come la Hillary Clinton russa. La bella Ksenia ha infatti annunciato di volersi candidare alle presidenziali di marzo 2018, sfidando l’attuale Presidente Vladimir Putin.

Vladimir Putin, Ksenia Sobchak e sua madre, Lyudmila Narusova

Chi è Ksenia Sobchak

Venuta alla ribalta nel 2004 grazie al reality show “Dom 2” (la versione russa del “Grande Fratello”), Ksenia Sobchak è diventata negli anni una figura particolarmente influente nella società russa.

Sarà quindi lei a sfidare Vladimir Vladimirovich nella corsa al Cremlino? Nonostante Putin non abbia ancora annunciato ufficialmente la propria candidatura, sono in molti a credere che parteciperà alle elezioni. Nel frattempo, il 18 ottobre il giornale Vedomosti ha pubblicato una lettera in cui si affermava che la Sobchak annunciava ufficialmente la decisione di correre per la carica di Presidente del Paese.

Figlia del patron di Putin

Putin ha iniziato la sua carriera politica come deputato di Anatolij Sobchak, ex sindaco di Leningrado nel momento in cui la città riacquisì il nome storico di San Pietroburgo. Sobchak, morto nel 2000, viene spesso descritto come una persona saggia e onesta, forte sostenitore della democrazia. E alcune voci di corridoio sostengono che Putin, braccio destro di Sobchak, sia il padrino di Ksenia.

Un ospite televisivo talvolta scomodo

La prima apparizione televisiva di Ksenia risale al 2004. In quel periodo la Sobchak era conosciuta come la Paris Hilton russa. Ha persino ottenuto un proprio reality show, “Bionda in cioccolata”, dove veniva ripresa con abiti sfarzosi mentre sorseggiava costosi drink nei locali di lusso notturni. Ksenia era un ospite fisso agli eventi di gala e alle feste più fashion del Paese, anche se il suo nome è stato talvolta associato a numerosi scandali.

L’inversione di tendenza

Il 2012 ha rappresentato una profonda inversione di tendenza per la Sobchak, che è stata capace di cambiare radicalmente la propria immagine, dimostrandosi una donna serie e rispettabile. Ha cambiato il proprio look e ha iniziato ad avviare progetti editoriali. Dal 2012 ad oggi nella sua trasmissione televisiva chiamata “Sobchak live” ha intervistato importanti politici, uomini d’affari e giornalisti.

Ksenia Sobchak

Nello stesso anno è diventata caporedattrice della rivista glamour “SNC”, che ha lasciato due anni dopo per ricoprire lo stesso incarico presso “L’Officiel”. Bisogna però ammettere che il progetto più ambizioso è stato proprio quello di aver aderito all’opposizione politica. Nel 2012, mentre per le strade di Mosca sfilavano cortei di manifestanti che reclamavano elezioni oneste, la Sobchak e i suoi amici (giornalisti, attori, scrittori), hanno iniziato a prendere parte alle manifestazioni, motivo per cui la donna ha ottenuto lo status di “persona non grata”.

Leader dell’opposizione

E fu proprio durante una delle manifestazioni di protesta che la Sobchak ha incontrato il suo futuro marito, l’attore Maksim Vitorgan. Nel 2016 hanno dato alla luce un figlio che hanno chiamato Platon.

Visto che la Sobchak è stata a lungo associata alla cerchia di persone vicine a Putin, molti dubitavano della sua reale onestà nel momento in cui aderì all’opposizione politica. Almeno fino a quando i suoi commenti pubblicati sui social network e le sue interviste iniziarono a farsi via via più severi. Quando il blogger e attivista dell’opposizione politica Aleksej Navalnyj annunciò di correre per le presidenziali, il sostegno della Sobchak fu indiscusso.

Durante un’intervista fatta a Navalnyj nel giugno scorso, i due intavolarono una piccola discussione. La Sobchak definì infatti il programma di Navalnyj poco chiaro, insufficiente per rendere il Paese un Paese migliore e incentrato solamente sulla lotta alla corruzione, senza un reale piano per cambiare le cose.

La corsa alle presidenziali

“Mi chiamo Ksenia Sobchak, ho 35 anni e ho vissuto e lavorato tutta la vita in Russia. E ho a cuore ciò che accade nel mio Paese”, si legge nella lettera pubblicata dal giornale Vedomosti.

“Affronto le questioni pubbliche con responsabilità e sono consapevole dei rischi e delle incredibili difficoltà di questa sfida. Ma ho deciso che la mia partecipazione alle elezioni presidenziali può essere un passo in avanti verso quei cambiamenti che sono essenziali per il nostro Paese”.

La Sobchak ha scritto di voler rappresentare il movimento “Contro tutti”. Per leggere la versione originale del suo intervento pubblicato su Vedomosti, cliccare qui.

Nel frattempo la stampa locale ha riportato che il Cremlino avrebbe acconsentito alla corsa della Sobchak per la Presidenza. Ora non resta che aspettare e vedere che cosa sarà realmente in grado di fare questa giovane donna di talento.

Per ulteriori informazioni: sobchakprotivvseh.ru.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Leggi di più