Airbus presenta Maveric, l’aereo del futuro: ma il modello sembra copiato da un progetto sovietico

Danial Hakim/AP/Tupolev Company
Osservando i due velivoli ci si accorge che il modello del colosso francese sembra uguale al vecchio Tu-404 sovietico, mai entrato in fase di produzione

In un futuro non molto lontano probabilmente voleremo a bordo di aerei di linea completamente diversi da quelli abituali. Il colosso francese Airbus ha infatti svelato un nuovo prototipo di aereo commerciale a fusoliera integrata ("blended wing"). Si tratta del Maveric, presentato qualche settimana fa al Singapore Air Show.

L'aereo, dal design futuristico, promette di introdurre grandi cambiamenti nelle forme dei velivoli commerciali, per un futuro più sostenibile dal punto di vista ambientale: consumerà il 20% di carburante in meno rispetto agli altri modelli, e i passeggeri potranno godere di un maggiore comfort a bordo. Queste, perlomeno, sono le promesse dei progettisti.

In realtà, l'idea geniale di Airbus non è così nuova e rivoluzionaria come appare: il Maveric infatti assomiglia sospettosamente al Tu-404 sovietico, in fase di sviluppo quasi 30 anni fa… e mai entrato in produzione.

I due aerei sembrano fratelli, con l’unica differenza che il Tu-404 aveva sei motori turboelica. 

Rispetto all'ambizioso aereo di linea sovietico, l'attuale aereo di linea più grande del mondo, l'Airbus A380, ha un aspetto più che modesto. Il Tu-404 era stato progettato per trasportare fino a 1.200 passeggeri in sei cabine separate, mentre l'A380 ne trasporta poco più di 500.

Il modello dimostrativo Tu-404 era stato presentato e promosso in varie esposizioni. Purtroppo, a causa della grave crisi economica derivante dalla caduta dell'URSS, il progetto fu cancellato. Inoltre, nessuno era disposto a costruire campi d'aviazione e piste d'atterraggio enormi per un velivolo così grande.

Leggi anche:

Perché l'URSS è crollata?

Che fine fanno gli aerei ormai in disuso

I cinque migliori aerei russi Tupolev

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie