I cinque migliori aerei russi Tupolev

Ministero russo della Difesa
Lo sapevate che uno dei più potenti bombardieri della Seconda guerra mondiale fu progettato da un prigioniero in un gulag? Questa e altre curiosità sui modelli più interessanti di Tupolev

Tu-2 

Uno dei migliori bombardieri della Seconda guerra mondiale vanta una storia molto particolare: fu progettato in un gulag. Il padre dell'aereo, Andrej Tupolev, e i suoi colleghi, furono condannati nel 1937 per "attività controrivoluzionaria". Tuttavia nel campo di lavoro fu concesso loro di organizzare una sorta di ufficio di progettazione, dove realizzarono i primi schizzi del Tu-2. 

Il Tu-2 garantì ottime prestazioni fin dal momento della sua produzione, nel 1942. Eccellente in attacco, riuscì a far fronte ai temibili aerei da caccia nazisti Messerschmitt Bf-109. Ma il suo momento di gloria arrivò alla fine della guerra, quando rase al suolo il Gruppo d'Armate Centro tedesco durante l’operazione Bagration, bombardando Konigsberg e Berlino.

Infine, aiutò l'Armata Rossa a distruggere l'esercito giapponese di Kwantung in Manciuria. 

Furono costruiti oltre 2.500 Tu-2 con varie modifiche, e fino agli anni '50 l'aereo prestò servizio in una dozzina di paesi, dalla Polonia all'Indonesia.  

Tu-95 

Chiamato dalla NATO con il nome in codice “Bear” (orso), il bombardiere strategico Tu-95 era il simbolo delle abilità dell'aviazione sovietica a lungo raggio durante la Guerra Fredda. È stato l'unico bombardiere strategico a elica attiva al mondo.

Con una velocità di 860 km/h, il Tu-95 è il più veloce aereo a propulsione. E visto che le punte delle pale dell'elica si muovono più velocemente della velocità del suono, si ritiene che sia uno degli aerei militari più rumorosi di sempre. 

Il Tu-95B, una copia modificata dell’aereo, fu costruito in un’unica copia per effettuare dei test della bomba Zar, l’arma nucleare più potente mai creata e fatta esplodere. 

Dopo questa missione, il bombardiere trascorse la maggior parte della sua vita in un hangar prima di essere smantellato negli anni Settanta. 

Tu-144 

Rivale sovietico dell’aereo di linea supersonico per passeggeri Concorde, il Tu-144 poteva trasportare fino a 150 persone, o 15 tonnellate di merci su una distanza di 3.500 km. Con una velocità massima di 2.300 km/h, poteva superare il modello occidentale (2.150 km/h). 

E anche se i progettisti del Concorde accusavano i sovietici di plagio, non lo potevano dimostrare. Effettivamente i due velivoli avevano un aspetto simile, ma tecnicamente erano molto diversi. Il Tu-144 era più maneggevole e aveva bisogno di una pista di decollo più corta. E il modello sovietico si alzò in volo due mesi prima dell’aereo franco-britannico. 

Dopo un disastro aereo nel 1978, tutti i Tu-144 furono messi a terra. Negli anni Novanta l'aereo fu utilizzato come laboratorio di volo dalla NASA, che preferì l'aereo sovietico per la sua impressionante velocità. 

Tu-154 

Con i suoi 1.026 esemplari costruiti, il Tu-154 è stato l'aereo di linea sovietico più prodotto in serie. Grazie alla sua velocità massima di 850 km/h, è stato uno degli aerei di linea più veloci non solo in URSS, ma in tutto il mondo. 

Il 7 settembre 2010, durante un volo di routine, ci fu un’avaria su tutti i sistemi elettronici e di navigazione di un Tu-154 che stava sorvolando l'estremo nord della Russia. Come per miracolo, i piloti individuarono una piccola pista di atterraggio per elicotteri vicino al villaggio di Izhma. L’aereo riuscì ad atterrare, ma finì in un piccolo bosco, terminando la sua corsa in una palude. Fortunatamente nessuna delle 81 persone a bordo rimase ferita. 

Ma il Tu-154, purtroppo, fu coinvolto in incidenti ben più gravi: la più grande catastrofe aerea nella storia dell’aviazione sovietica si verificò quando un Tu-154 si schiantò in Uzbekistan con 200 persone a bordo. 

Nel 2010, invece, un Tu-154 polacco che trasportava i dirigenti del paese, compreso il presidente Lech Kaczyński, cadde nei pressi di Smolensk. 

Tu-160

Il bombardiere pesante strategico Tu-160, generalmente conosciuto come "White Swan” (cigno bianco), è l'orgoglio dell'aviazione russa. L'aereo da combattimento più grande e pesante del mondo è la base dell'arsenale nucleare del paese. È armato con missili da crociera Kh-55 dotati di testate nucleari in grado di distruggere obiettivi a una distanza di 2.500 km. 

Il primo uso in guerra del Tu-160 avvenne nel novembre 2015 durante i combattimenti della Russia in Siria. L'aereo colpì i siti strategici controllati dallo Stato Islamico utilizzando i missili Kh-555 (variante non nucleare del Kh-55) e Kh-101. 

Il primo americano a salire a bordo di un Tu-160 fu il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Frank Carlucci, che visitò l'Unione Sovietica nel 1988: entrando nella cabina di pilotaggio sbatté la testa contro il cruscotto, da allora soprannominato "pannello Carlucci". 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie