La Russia ha imparato a fare il formaggio meglio di italiani e francesi?

Getty Images
Dalla metà del 2014 gli alimenti europei sono sotto sanzione, e i produttori locali si sono dati da fare per sostituirli. Ma se sono apparsi formaggi di nicchia di ottima qualità (e dai prezzi molto alti), il grosso della produzione a basso costo continua a pagare dazio alle contraffazioni alimentari, con grande uso di latte in polvere e olio di palma

Entrando in un negozio russo non vedrete grossi segni delle sanzioni alimentari. Tutti i tipi di formaggio sono sugli scaffali: Tilsit, Camembert, Dorblu e Parmesan (la copia del Parmigiano). L’unica differenza rispetto al 2014 è che la maggior parte di questi formaggi viene ora prodotta in Russia. Di recente, una società russa è arrivata al punto di acquistare mille capre dalla Francia nella speranza di diventare il più grande produttore di formaggio di capra bianco alla francese di Russia.

Tuttavia, il pubblico russo è diffidente nei confronti dei formaggi in stile europeo prodotti localmente. Un sondaggio condotto dall’agenzia di ricerca sociale Romir nell’agosto del 2017 ha rilevato che circa il 27% dei russi è critico nei confronti dei prodotti alimentari nazionali, sebbene questa cifra sia migliore rispetto al 2015, quandogli scettici erano il 33%.

Ma qual è la ragione di tale sfiducia dei consumatori, e hanno ragione a mettere in dubbio la qualità dei formaggi fatti in Russia? Abbiamo deciso di scoprire se tali dubbi hanno qualche base.

La qualità conta

Secondo le statistiche ufficiali, la produzione di formaggio nazionale nei primi 11 mesi del 2017 è cresciuta del 5,2% rispetto allo stesso periodo del 2016, raggiungendo 424.000 tonnellate. Ma se la produzione è aumentata, la qualità rimane piuttosto bassa, perché il mercato è inondato di contraffazioni, spiega Vladimir Borev, proprietario di uno stabilimento di produzione di formaggio artigianale in stile francese nel villaggio di Maslovka, 350 chilometri a sud di Mosca, nella regione di Lipetsk.

“Ci sono molti produttori di formaggio che raramente usano il latte naturale, e invece usano molta acqua per diluire il latte in polvere proveniente dalla Bielorussia e l’olio di palma importato dal Vietnam. La maggior parte di ciò che è oggi sul mercato è una presa in giro per il consumatore”, ha detto a Russia Beyond.

Ivan Rubanov, direttore dell’ufficio studi del Comitato governativo agricolo russo, concorda con tale valutazione, affermando che i progressi si possono vedere solo rispetto all’emergere di produttori di formaggio artigianale che si rivolgono al settore premium. Tali prodotti, tuttavia, sono piuttosto costosi: di solito 2.000-3.000 rubli (29-44 euro) al chilo.

È facile individuare un falso, se si tiene presente che un litro di latte di capra oggi in Russia costa circa 60 rubli (0,88 euro) e che un chilo di formaggio di capra ne richiede 12-15 litri. Il formaggio naturale non può costare meno di 900 rubli (13,20 euro) al chilo, e questo non tiene nemmeno conto dei costi per il trasporto e il marketing. “Tutto ciò che viene venduto al di sotto di questo prezzo è possibile solo grazie alla riduzione dei costi di produzione”, osserva Borev.

Qual è il problema allora?

Il problema chiave non è la tecnologia di elaborazione, ma piuttosto la carenza di latte di qualità, e il fatto che i produttori sono stati a lungo danneggiati, ha detto Rubanov. “Qualunque cosa sia prodotta ,troverà un mercato”, ha spiegato. “Le sanzioni hanno ridotto drasticamente la competizione. Prima, il mercato era saturo di merci europee”.
La carenza di latte è dovuta al fatto che gli agricoltori non sono motivati ​​a produrre prodotti di alta qualità, ha affermato Dmitrij Matveev, direttore generale della società di produzione di formaggio di Kabosh, nella sua rubrica su Forbes Russia. È necessario motivare i produttori, ad esempio, assegnando alle aziende responsabili certificati di qualità per i formaggi eccellenti.

“Oggi lo Stato non offre incentivi per una migliore qualità”, sostiene Matveev.

Un certo numero di casari artigianali producono formaggi naturali con il proprio latte o latte proveniente da fattorie vicine, ma sono circa 70 in tutto il Paese. “Il nostro formaggio è fatto a mano e prodotto in quantità limitata, quindi non possiamo soddisfare la domanda per l’intero mercato”, ha detto Borev. “Se volessimo seguire l’esempio francese, allora dovremmo sviluppare piccole fattorie e aumentare il loro numero per soddisfare la domanda nazionale”.

Aggiunge anche che c’è il problema dell’offerta per coloro che non possono permettersi di acquistare beni costosi.

“Questo problema oggi può essere risolto solo con le contraffazioni, perché i prodotti di qualità non possono soddisfare la piena domanda”, ha detto Borev. “Inoltre, le autorità trovano più facile controllare le grandi aziende agricole che producono prodotti di bassa qualità; le piccole fattorie sono più difficili da monitorare e da tassare”.

Dove trovare un buon formaggio in Russia?

Nonostante tutto ciò, è possibile andare a pescare in qualche negozio squisiti formaggi prodotti in Russia che aderiscono all’intera gamma di tecnologie e standard europei.

Possono essere trovati nei mercati dove vendono direttamente gli agricoltori, a Mosca e in altre città. E in alcuni negozi di alimentari biologici aperti di recente, che offrono non solo formaggi di qualità ma anche altri alimenti naturali. Tra questi: LavkaLavka, Ferma na Poljanke, e Dve Sestri. Sebbene siano molto più costosi di quelli dei normali supermercati, questi alimenti sono più naturali e più sani!

Infine, ecco qualche consiglio per fare un’ottima spesa nei mercati russi. E se volete fare un confronto dei prezzi dei generi alimentari tra la Russia e altri Paesi, tra cui l’Italia, guardate questa infografica dalla sezione inglese di Russia Beyond

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond