Così la classica insalata sovietica “Mimosa” rivive oggi in un tortino alla moda come antipasto

Olga Brovkina
La popolarità dell’originale è un po’ diminuita, perché è una vera bomba calorica ed è poco raccomandabile per chi ha problemi di colesterolo, ma la tradizione viene rinnovata. Ecco la ricetta

La “Mimosa” era un tempo un’insalata eccezionalmente popolare nella Russia sovietica. Nella Russia contemporanea sta gradualmente sprofondando nell’oblio, sostituita da piatti più rispettosi del controllo del colesterolo. Il motivo principale è la quantità di maionese e di uova utilizzate nel piatto.

La ricetta base venne creata molti anni fa e in breve divenne immancabile su ogni tavola delle feste in Urss. Consisteva di diversi strati: patate, uova, carote, pesce in scatola, ecc., ognuno dei quali è riccamente decorato con maionese. Il nome “Mimosa” è dovuto al fatto che lo strato superiore è completamente ricoperto di tuorli d’uovo tritati (ovviamente non può mancare anche un po’ d’aneto), e tutto quel giallo ricorda il colore del fiore.

Fiore che è il simbolo della Giornata internazionale della donna, che si celebra ogni 8 marzo e che in Russia resta, come ai tempi dell’Urss, festa nazionale

Col passare del tempo, il desiderio di una dieta sana è aumentato, molte persone hanno iniziato a ridurre l’assunzione di cibi ricchi di grassi e carboidrati e questo piatto della vecchia scuola ha perso colpi. La mia “missione” oggi è riportare agli splendori questo must dell’epoca sovietica.

Ma non ci occuperemo della ricetta classica. Bensì di un tipo di tortino“Mimosa”; un antipasto buono e goloso. Lo otterremo riducendo la quantità di maionese e aggiungendo una base di pasta frolla salata, che risulterà friabile e croccante. Potete sicuramente fare esperimenti con il ripieno, usando carne macinata, verdure o funghi. Ma oggi vi consiglio di usare lo standard aureo, ovvero pesce in scatola, uova e formaggio. Decoreremo elegantemente poi con “fiori di mimosa” edibili e aneto fresco.

Ingredienti:

Per la base (5 pz, 30x20 cm):

  • Farina – 450 g
  • Burro – 250 g
  • Smetana – 200 g
  • Uovo – 1
  • Cucchiaino di sale – ½
  • Cucchiaino di zucchero – ½
  • Cucchiaino di bicarbonato di sodio – ½

Per il ripieno:

  • Pesce in scatola – 2 scatolette da 250 g ciascuna
  • Uova sode – 2
  • Formaggio – 150 g
  • Aneto – abbondante
  • Aglio – 1 spicchio
  • Maionese

Per la decorazione:

  • Uova sode – 3
  • Maionese
  • Aneto

Preparazione:

1. Preparate tutti gli ingredienti. Lessate in anticipo le uova per il ripieno e la decorazione. Inizieremo con l’impasto. Prendete una ciotola profonda e rompete un uovo al suo interno. Aggiungete il sale, lo zucchero, il bicarbonato e mescolate bene.

2. Sciogliete il burro e versatelo nella ciotola. Aggiungete la panna acida e mescolate accuratamente.

3. Distribuite gradualmente la farina fino a ottenere un impasto morbido e un po’ appiccicoso.

4. Avvolgete l’impasto con pellicola trasparente o mettetelo in un sacchetto di plastica e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno un paio d’ore. Se avete poco tempo, potete usare il congelatore, dove la massa si raffredderà in appena mezz’ora.

5. Quando sarà il momento, prendete l’impasto e dividetelo in cinque parti uguali. 

6. Prendetene un pezzo e stendetelo in un rettangolo il più sottile possibile (le dimensioni sono circa 20x30 cm). È più comodo farlo direttamente su carta da forno o su un tappetino antiaderente infornabile, come quelli in silicone. Prima di infornare, bucherellate l’impasto con una forchetta. Cuocete in forno preriscaldato a 180 ºC per 8-10 minuti. 

7. Togliete l’impasto dal forno non appena i bordi iniziano a dorarsi. Cuocete tutti i pezzi allo stesso modo. 

8. Passiamo ora al ripieno. Mettete i pezzi di pesce in scatola in una ciotola. Ovviamente, se ci sono lische grandi, rimuovetele. Schiacciate con una forchetta, aggiungendo il liquido della lattina per ottenere un trito di pesce ben succoso.

9. Dopodiché aggiungete il formaggio grattugiato, le uova grattugiate, l’aglio, l’aneto e la maionese. Mescolate accuratamente.

10. Adagiate la prima base cotta di impasto su un tagliere di dimensioni adeguate e distribuite uniformemente il ripieno.

11. Procedendo allo stesso modo, montate la torta.

12. Avvolgete con della pellicola e premete leggermente con qualcosa di sufficientemente pesante. Lasciate riposare per un paio d’ore in frigorifero.

13. Preparate gli ingredienti per la decorazione. Grattugiate separatamente gli albumi e i tuorli, e lavate e asciugate l’aneto.

14. Estraete l’impasto dal frigorifero e tagliate eventuali bordi irregolari o eccessivamente secchi. Usando un pennello, ricoprite lo strato superiore con la maionese.

15. Cospargete lo strato superiore con albumi d’uovo grattugiati finemente. Tagliate in qualsiasi dimensione lo desiderate. Decorate ogni tortino con tuorli d’uovo grattugiati e rametti di aneto, realizzando così un ornamento che ricorda un fiore di mimosa. Le nostre tortine “Mimosa” sono pronte per essere servite come stuzzicante antipasto. Buon appetito!

LEGGI ANCHE:L’insalata Mimosa, un classico della cucina sovietica, ottima idea per l’8 marzo

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie