L’insalata Mimosa: un classico della cucina sovietica, ottima idea per l’8 marzo

Vasilisa Malinka
Negli anni Settanta diventò così popolare da scalzare quasi la Olivier dal podio. È facile da preparare e molto gustosa, e con il suo colore acceso, farete un figurone

Nessuno conosce la data esatta in cui è stata inventata l’insalata “Mimosa”, né chi abbia creato questo capolavoro culinario sovietico. Ma negli anni Settanta questa insalata era tradizionalmente il piatto principale su ogni tavolo delle feste, perché aveva definitivamente conquistato i cuori e le menti delle casalinghe di tutto il Paese. Anche la popolarità di insalate come la Olivier (l’insalata russa) e dell’Aringa in pelliccia, erano in declino. L’insalata Mimosa prendeva il nome dal suo strato superiore, che consiste in tuorli d’uovo tritati e che molte persone, per il colore, cominciarono ad associare ai fiori di mimosa.

Il fiore della mimosa è sempre stato considerato il regalo ideale per l’8 marzo, per la Giornata internazionale della donna, che in Russia è festa nazionale. L’inizio di marzo è il momento in cui la mimosa inizia a fiorire, almeno dove il clima è più temperato, e la primavera inizia a manifestarsi (in Russia si regalano, in realtà, spesso tulipani). Naturalmente, in molti desideravano tracciare un parallelo ideale tra i fiori di mimosa, la Festa della donna e l’insalata. 

La cosa migliore di questa ricetta è che non richiede ingredienti esotici. In epoca sovietica non tutti erano in grado di permettersi cibi raffinati, quindi bisognava fare del proprio meglio con una scarsa selezione di ingredienti. Per questo motivo, l’insalata Mimosa usa sempre pesce in scatola. 

Anche se usa gli ingredienti più semplici, il piatto risulta sempre buono e bello. E deve la sua popolarità al fatto che quello che serve, si trova quasi sempre nelle case di tutti. La versione classica dell’insalata Mimosa comprende uova sode, pesce in scatola, cipolle, burro e maionese. Ogni famiglia ha ovviamente una sua ricetta speciale. Molti aggiungono patate, carote e formaggio, e alcune ricette prevedono anche dei crostini. 

Ingredienti:

  • Patate – 3 
  • Carote – 2
  • Scatolette di salmone (o tonno) – 2 
  • Cipolla –1/2 
  • Uova – 3 
  • Maionese
  • Aneto 

Preparazione: 

Sbucciate le vostre carote e patate e mettetele in una pentola con acqua fredda, portate a ebollizione e salate. Cuocete le carote e le patate fino a che non sono morbide. Togliete dall’acqua e raffreddate completamente.

Fate lessare le uova in una pentola con acqua fredda, portate ad ebollizione, coprite la pentola con un coperchio e spegnete il fuoco, lasciando le uova a riposare per 8 minuti. Quindi scioccatele termicamente con acqua fredda e sbucciatele. In questo modo i tuorli risulteranno molto gialli.

Tagliate la mezza cipolla a fette molto sottili.

Scolate il liquido dal salmone (o del tonno) in scatola.

Una volta che tutti gli ingredienti sono stati cotti e fatti raffreddare, prendete la migliore grattugia che avete e tagliate alla julienne patate, carote, albumi e infine tuorli d’uovo. Sciacquate la grattugia prima di iniziare a grattugiare ogni nuovo ingrediente: questo vi aiuterà a mantenere puliti a livello cromatico gli strati.

Usate una ciotola di vetro per formare la vostra Mimosa, o un coppapasta se agite direttamente nel piatto di portata. Iniziate con un primo strato con metà delle patate grattugiate. Cercate di non schiacciarle, per mantenere il tutto più delicato e arioso. Sulla cima della patate stendete un cucchiaio di maionese. Quindi create uno strato di tonno (metà di quello che avete) e di nuovo passate la maionese. Ora mettete un sottile strato di cipolla e andate con il resto delle patate. Poi di nuovo maionese e il resto del tonno. Quindi, fate uno strato di carota, ricopritelo di maionese e, ovviamente infine, usate albumi e tuorli d’uovo.

Usate l’aneto per l’ultima decorazione dell’insalata: provate a dare l’aspetto di fiori di mimosa!

 

Dieci incredibili piatti tipici da provare in altrettante province russe 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie