Aringa in pelliccia

Aringa in pelliccia (Foto: Russia Expo 2015)

Aringa in pelliccia (Foto: Russia Expo 2015)

Dal Padiglione Russia dell’Expo alla cucina di casa vostra: ecco una selezione delle migliori ricette russe presentate agli ospiti dell’Esposizione universale di Milano

Quando si parla di stuzzichini e antipasti nella cucina russa ci si addentra in un argomento piuttosto spinoso. Si tratta di una “moda” piuttosto recente, conosciuta solo a partire dal XVIII secolo per influenza delle cucine straniere. Inoltre, sono pietanze che, come meteore, possono più spesso comparire e scomparire dai menù in base al periodo storico, non essendo troppo radicate nella storia. Ma bisogna dire che questa insalata è ormai assodata, e si trova al momento su tutti i menù e le tavole della Russia.

Ingredienti:

2 aringhe grandi
3-4 patate
2 barbabietole
2 carote
cipolla (preferibilmente da insalata)
3 rossi d'uovo (per la decorazione)
maionese

Procedimento:

Lavare le patate, le barbabietole e le carote senza sbucciarle e lessarle. Tagliare il pesce a filetti, pulirlo da pelle e lische e tagliarli a cubetti. Bagnare con acqua il fondo della ciotola che andrà a contenere l'insalata.

Distribuire l'aringa nella ciotola in maniera irregolare. Tagliare la cipolla molto finemente e scottarla in acqua bollente. Scolare bene la cipolla e distribuirla sopra al pesce. Dopodiché, coprire con un abbondante strato di maionese.

Come strato successivo, distribuire le patate bollite e sbucciate già tagliate a cubetti. Coprire con un leggero strato di maionese.

Separatamente, grattugiare a pezzi grossi carote e barbabietole.

Usare le carote per lo strato successivo.

Le barbabietole serviranno per l'ultimo strato, che sarà poi ricoperto con abbondante maionese.

Sbriciolare i tuorli d'uovo precedentemente cotti sull'insalata così ottenuta, oppure guarnire l'aringa in pelliccia con le barbabietole o erbette decorative.

Si consiglia di coprire e lasciare riposare in frigo questa tradizionale insalata per qualche ora.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta