Calcio e buona cucina: i Mondiali portano a tavola i sapori della tradizione in versione street food

Ekaterina Morgunova/Gastronomic Map of Russia
Dal pacha-burger ai pop-corn di grechka: i ristoratori delle città russe che ospiteranno le partite hanno studiato dei menu ad hoc rivisitando in chiave moderna alcune prelibatezze locali

I Mondiali di calcio che si terranno fra pochissimi mesi in Russia saranno un’occasione non solo per godersi il grande sport e visitare nuove città, ma anche per assaggiare diversi tipi di street food. Dai chebureki ai kalachi, ecco alcune prelibatezze che dovrete assolutamente provare nel vostro viaggio Mondiale attraverso le undici città russe che ospiteranno le partite!
In previsione del grande evento infatti i ristoratori delle città dove si svolgeranno gli incontri hanno studiato un menu degustazione dedicato alla cucina regionale. Vi sveliamo alcune anteprime.

Kalach

Fra le tante prelibatezze culinarie di Mosca, il kalach si trova in cima alla classifica. E i tifosi di calcio non potranno perdersi questo tipo di pane bianco preparato con farina di frumento e modellato a forma di maniglia. “Gli ospiti dei Mondiali potranno assaggiare non solo il kalach tipico di Mosca, ma anche il kalach di Kolomenskoe (un antico villaggio situato nella zona sud-est di Mosca, ndr)”, ha spiegato Ekaterina Shapovalova che coordina il progetto federale “La mappa gastronomica della Russia” sul sito internet Russia.Travel. “A Mosca sarà possibile degustare il kalach originario della città di Murom, nella Russia europea centrale, e quello tradizionale della regione di Tula”.

Alcune di queste speciali pagnotte saranno ripiene di prodotti locali: dai pomodorini coltivati nella regione di Mosca ai cetrioli di Suzdal, dal fegato di merluzzo del Primorskij Kraj fino ai formaggi di fattoria che stanno prendendo sempre più piede in Russia. “Siamo sicuri che i diversi tipi di kalach, ripieni con prodotti provenienti da varie regioni russe, aiuteranno i nostri ospiti a imparare la geografia del nostro Paese!”, ha scherzato Shapovalova.

Chudu

Mosca è da sempre una metropoli multiculturale. E quindi non c’è da stupirsi se durante i Mondiali di calcio sarà possibile assaggiare qui il chudu, un piatto tradizionale del Caucaso del Nord. Questa specie di frittella di pasta non lievitata può essere ripiena di erbette, formaggio o patate e formaggio.

Cestino con le prelibatezze del Mar Nero

A Sochi i tifosi di calcio potranno provare un particolare cestino contenente varie prelibatezze della cucina del Mar Nero. Questo lunchbox è stato ideato dall’Associazione dei ristoratori e albergatori della città.
All’interno della confezione sarà possibile trovare diversi tipi di pesce: triglie fritte, alici croccanti ma anche vongole impanate e aguglia affumicata. Questo piatto può essere aromatizzato con un succo di limoni locali.

Pacha-burger

Il pacha non è altro che una grossa crêpe di farina di miglio, tipica della Repubblica di Mordovia. E la capitale di questa Repubblica, la città di Saransk, ospiterà alcune partite dei Mondiali offrendo ai propri visitatori questo piatto che unisce innovazione e tradizione. Realizzato dallo chef del ristorante “Mordovskoe podvore”, il pacha-burger unisce la crespella locale a uno dei piatti più conosciuti al mondo: l’hamburger.

Kolobok

Difficilmente i tifosi stranieri di calcio conoscono la storiella russa del kolobok. Ma di sicuro potranno provare questa particolare polpetta. Maksim Rybakov, chef del ristorante “Ulej” di Suzdal, una delle perle dell’Anello d’Oro, ha realizzato una nuova versione di kolobok fatto di patate con un cuore di stufato d’oca.

Grechka Pop-Corn & Chips

Gli chef dei ristoranti “Vinegret” e “Ogurets” di Suzdal hanno preso spunto da uno dei piatti più amati dai russi, la grechka, per realizzare la versione street-food di questo porridge, che promette di far venire l’acquolina in bocca a tutti!
Gli ospiti dei Mondiali potranno assaggiare i pop-corn e le patatine di grechka insaporiti con il sale nero di Kostroma. Un’alternativa salutare ai più tradizionali snack.

Perepechi

Vi ricordate il gruppo di arzille nonnette, le Buranovskie Babushki, lanciato dal concorso canoro Eurovision? Proprio loro, nel momento di massima notorietà, raccontarono al mondo i segreti dei perepechi dellUdmurtia. Si tratta di cestelli di farina di segale ripieni di cavolo, carne e cipolle, oppure di funghi e patate. Visto che adesso i perepechi vengono preparati anche a Mosca, quale occasione migliore per provarli? Si potranno assaggiare nella panetteria “Emeliny pechi” (il forno di Emelina).

Echpochmak

Kazan è la patria di uno dei piatti più rinomati della cucina del Tatarstan: l’echpochmak, più comunemente chiamato “treugolnik” (triangolino). Questi fagottini con un curioso foro nel centro venivano tradizionalmente venduti per strada e prevedono un ripieno di agnello, cipolla, patate e spezie. Il forellino sulla pasta è stato concepito per versarci un po’ di brodo in fase di cottura in modo da rendere l'impasto ancor più succulento. La cucina tatara è tra le più diffuse in Russia e non c’è da stupirsi se conquisterà anche i fanatici di calcio.

Pyshki
Nel resto del mondo si chiamano ciambelle. A San Pietroburgo, invece, portano il nome di pyshki. Nella Venezia del Nord ci si può imbattere in numerosi locali che preparano queste speciali ciambelline che, secondo gli abitanti del posto, portano con sé il profumo e l’aroma del periodo della scuola. I turisti non potranno di certo perdersi una simile prelibatezza!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond