I simboli della Pasqua russa

Foto: Itar-Tass

Foto: Itar-Tass

I credenti della Federazione stanno vivendo la Settimana Santa, scandita da appuntamenti religiosi e riti tradizionali che si ripetono da generazioni anche tra i fornelli

Aspettando la celebrazione della Pasqua in Russia secondo la tradizione della religione cristiana ortodossa, passiamo in rassegna simboli e caratteristiche che la contraddistinguono rispetto al rito cattolico.

Salice. La Russia è l'unico Paese in cui l'entrata del Signore a Gerusalemme non si chiama Domenica delle Palme, ma dei salici: nella fredda Russia le palme non crescono, però secondo la credenza popolare proprio in questo periodo ogni anno spuntano le gemme dei salici. Gli ortodossi hanno l'usanza di conservare nel corso dell'anno i rametti dei salici benedetti e usarli per abbellire le icone delle loro case.

Suchariki (crostini) di pane nero. Alla Domenica dei salici segue la settimana santa di Passione, la più rigida per quanto riguarda il digiuno. Da lunedì a sabato compreso, chi osserva il digiuno rinuncia non soltanto alla carne, al latte e al pesce, ma anche all'olio vegetale. Mercoledì e venerdì, quando si commemorano il tradimento di Giuda e la crocifissione di Cristo è preferibile non mangiare nulla.

Mirovarnja (recipiente per gli oli profumati). Il lunedì santo, e soltanto una volta all'anno, il Patriarca russo celebra la cerimonia della benedizione del crisma. Il crisma è una miscela particolare di oli profumati, resine e altre sostanze. Viene distribuito a ciascuna parrocchia per compiere il rito del battesimo e della cresima (nel rito ortodosso i tre sacramenti dell'iniziazione si ricevono contemporaneamente da neonati, ndr) e dell'unzione degli infermi. Per questo esiste anche il detto: "Siamo tutti unti dallo stesso olio", abbiamo cioè tutti qualcosa in comune. Il luogo in cui avviene questa ceremonia è il monastero Donskoj di Mosca.

L'altare scuro di una piccola cattedrale in legno, parzialmente illuminata.

La preparazione liturgica alla Pasqua inizia il mercoledì, quando ha luogo la prima celebrazione importante, dedicata alla Passione del Signore. Anticipa la celebrazione mattutina del giovedì durante la quale gli ortodossi ricordano l'Ultima cena e accorrono in chiesa a comunicarsi in ricordo della prima Eucarestia.

Uova, Pasqua e kulich. Durante il Giovedì Santo i credenti si preparano alla Pasqua in cucina: cuociono e dipingono le uova, preparano in una particolare forma di legno la Paskha di tvorog (un dolce a base di ricotta, ndr) e mettono in forno i kulich (un dolce molto simile al nostro panettone italiano, ndr). Gli ortodossi hanno appena il tempo di sistemare la casa per poi andare di sera di nuovo a messa dove vengono letti i dodici passi del Vangelo che descrivono la passione di Cristo.

Il sudario (possibilmente un antico modello ricamato). Tutto il giorno seguente, il Venerdì Santo, è dedicato esclusivamente alle liturgie: la mattina, al posto della messa tradizionale, si leggono le Ore. Quindi alle 14 inizia la "compieta santa", nella quale si ricorda la morte di Gesù e la sua Deposizione. Al centro della chiesa si espone un lenzuolo con la raffigurazione del Cristo morto. La "piccola compieta", che inizia alle 17, ha termine con la "sepoltura" del sudario che viene portato all'altare.

La Via Crucis alla Pasqua. Il sabato è il giorno in cui si dovrebbe commemorare la presenza di Cristo nel sepolcro, ma in realtà nelle case russe e nelle strade regna un'atmosfera vivace: i padroni di casa si affrettano a imbandire una ricca tavola, i bambini e gli anziani corrono in chiesa a benedire i kulich, le Pashka e le uova preparate il giovedì prima. Di notte tutti, persino quelli che durante l'anno non vanno mai in chiesa, si incamminano verso la cattedrale più vicina per ammirare la Via Crucis della festa solenne. Così inizia la Pasqua.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta