Dieci cose da sapere su Internet

10 febbraio 2016 Ekaterina Sinelshchikova, RBTH
Sempre più gente naviga online da dispositivi mobili: in un solo anno il numero di questi utenti è cresciuto del 90%. Ma sapete quali sono i motori di ricerca e i social network più utilizzati? In Russia sarebbe possibile disconnettere il Paese dalla Rete globale? Rbth vi svela alcune curiosità sullo sconfinato mondo del Web
Moscow metro
Passeggeri nel metro di Mosca FonteMikhail Japaridze/TASS

I vecchi computer appartengono ormai al passato. In un solo anno, in Russia, la quantità di utenti che si collegano a Internet da dispositivi mobili è aumentata del 90%. Rbth è andata alla ricerca di otto curiosità legate al settore russo di Internet.

1 Quasi 12 milioni di utenti russi (il 14% del totale) si collegano a Internet solo attraverso dispositivi mobile

Secondo i dati di TNS, nel 2015 la quantità di persone che si sono connesse alla Rete da un computer fisso si è ridotta sensibilmente. Al contrario, la quantità di utenti che accedono al Web attraverso dispositivi mobili è cresciuta del 90% in un solo anno.

2 L’utilizzo di Internet in Russia supera quello dei Paesi CSI e dei BRICS

In Russia ci sono 82 milioni di persone che usano Internet. Ovvero il 66% dell’intera popolazione. Senza dubbio, dicono gli analisti, l’aumento attivo degli internauti ha subito una frenata. Nel 2014 il numero era cresciuto solo del 5% (nel 2013 l’aumento è stato pari al 7%).

3 La metropolitana di Mosca è stata la prima del mondo a offrire un servizio gratuito di wi-fi

Credit: Tass

Da dicembre 2014 la metropolitana di Mosca offre un servizio gratuito di wi-fi, MosMetro_Free, accessibile in tutte le linee. La velocità di trasmissione dei dati è superiore ai 100 megabits al secondo. In altre metropoli il wi-fi è presente nelle stazioni della metropolitana, ma non nei tunnel.

4 I tre domini della Russia: .RU, .РФ y .SU

Attualmente il dominio .RU è il più utilizzato. Secondo alcuni dati risalenti a novembre 2015, oltre cinque milioni di siti sono stati registrati con questo dominio. Al secondo posto si trova .РФ, con 888.008 pagine web, mentre .SU conta 119.257 siti registrati.

5 L’internet russo non ha ancora la funzione kill switch

Le autorità russe non hanno ancora la possibilità di disconnettere il Paese dalla Rete globale in qualsiasi momento, come ha fatto l’Egitto, per esempio, durante i disordini del 2011. Secondo il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov si sta prendendo in considerazione questa possibilità. A Mosca, nel frattempo, si stanno studiando misure di protezione nell’ambito della sicurezza informatica.

6 Yandex, il motore di ricerca più usato

Da tempo ormai Yandex è in testa alla classifica dei motori di ricerca più utilizzati nella Federazione. Ma Google sta guadagnando terreno. All’inizio dell’anno, secondo le statistiche di Morgan Stanley, Yandex ha subito una caduta del 2,8%, mentre la versione russa di Google ha registrato un +5%.

7 VKontakte più popolare di Facebook

Credit: Kommersant 

È VKontakte il social network più usato nel Paese. Il record di visite al sito VKontakte.ru, il più visitato in assoluto, è stato di 70 milioni di persone in un giorno. Facebook occupa il secondo posto, e solo il 28% degli utenti dice di preferirlo a VKontakte. Con meno seguaci, ma ugualmente conosciuto, è Odnoklassniki (13%). Seguono YouTube (7%) e Twitter (4%), che sta comunque crescendo in Russia.

8 Il volume dell’economia che ruota attorno al mondo di internet è pari al 2,2% del PIL

Dal 2014, il mercato di internet è aumentato in maniera significativa, crescendo del 46% fino ad arrivare a un fatturato di oltre un miliardo di rubli (circa 13 miliardi di euro). Il dato era stato reso noto dal primo ministro russo Dmitrij Medvedev.

9 Le liste nere dell’internet russo

Nel Paese esiste un registro unico di pagine web proibite. Ma i motivi per cui un sito può essere bloccato sono svariati. Fra questi: diffusione di contenuti di carattere estremista, pornografia infantile, istigazione al suicidio o preparazione e vendita di sostanze stupefacenti. Un sito può essere chiuso anche se promuove la partecipare a qualche manifestazione non autorizzata, se infrange i diritti d’autore e se pubblica informazioni vietate per legge.

10 Il primo sito web.RU riguardava la tecnologia world wide web (www)

Il primo sito web www.ru apparve nel 1990. In questo stesso anno in Russia venne creato un sistema proprio di posta elettronica, dove i computer comunicavano attraverso canali telefonici. Questo sistema veniva utilizzato dalla comunità scientifica. I primi provider internet apparirono nel 1992-1993.

+
Metti "Mi piace" su Facebook