Come è cambiata negli anni la Piazza Rossa (FOTO)

Russia in photo; Getty Images
Simbolo per eccellenza di Mosca e della Russia, ha subito varie modifiche, anche solo negli ultimi 150 anni di storia

1 / Le “Gallerie commerciali superiori” (1870-1888 circa)

Al centro della foto, possiamo vedere il vecchio edificio delle Verkhnie torgovye rjady, (le “Gallerie commerciali superiori”), che sorgevano laddove poi è stato costruito l’attuale Gum. Di fronte alla facciata, si nota il monumento a Minin e Pozharskij.

(1883)

2 / Le nuove “Gallerie commerciali superiori” (1893-1896)

Il vecchio edificio commerciale fu demolito nel 1888-1890 e sostituito da un nuovo edificio, inaugurato nel 1893, che dal 1920 in poi è noto come Gum (“Gosudárstvennyj Universálnyj Magazín”; “Magazzini universali di Stato”). La piazza cominciò ad avere un aspetto più familiare rispetto a quella che conosciamo oggi. Come possiamo vedere, era allora aperta al traffico.

LEGGI ANCHE: Perché Stalin voleva abbattere il Gum, il più grande centro commerciale russo? 

3 / Una linea di tram attraversava la piazza

Sì, c’era un tram che attraversava la Piazza Rossa!

4 / Guerra e Rivoluzione

Nel 1917, la Piazza Rossa era teatro di funzioni religiose di massa per i soldati che partivano per il fronte della Prima guerra mondiale.

5 / Dopo la Rivoluzione

In epoca sovietica, la Piazza Rossa rimase uno dei luoghi principali di Mosca per gli eventi pubblici. Qui, Lenin si rivolge alla folla da un podio di legno.

Prima della morte di Lenin e prima della costruzione del Mausoleo, al suo posto c’era un podio temporaneo. A destra di esso era stata eretta la statua di un operaio comunista.

La statua può essere vista meglio qui:

6 / Il primo Mausoleo

Il primo mausoleo in legno di Lenin fu eretto poco dopo la sua morte, nel gennaio 1924.

7 / La risistemazione sotto Stalin

Negli anni Trenta, la Piazza Rossa fu ristrutturata. Nel 1930 fu costruito il nuovo mausoleo in granito di Lenin e furono edificati i podi in pietra a destra e a sinistra di esso.

La Porta della Resurrezione (accanto all’edificio del Museo Statale di Storia) fu demolita (quella attuale è una ricostruzione del 1994-95) e il monumento a Minin e Pozarskij venne spostato vicino alla Cattedrale di San Basilio

Con la demolizione della porta, la piazza divenne accessibile ai grandi mezzi militari durante le parate.

8 / La Seconda guerra mondiale

Il 7 novembre 1941, la Piazza Rossa ospitò la prima parata militare durante la guerra, in occasione dell’anniversario della Rivoluzione d’Ottobre.

Il 24 giugno 1945 si tenne la prima Parata della Vittoria sulla Piazza Rossa. Gli stendardi nazisti furono gettati a terra dai soldati vittoriosi dell’Armata Rossa.

LEGGI ANCHE: 24 giugno 1945: le foto della più grande Parata della Vittoria della storia mondiale 

9 / I funerali di Stalin, 1953

Il corteo funebre di Stalin, con la bara collocata su un affusto di cannone, attraversò la Piazza Rossa e il corpo di Stalin fu deposto nel Mausoleo accanto a Lenin.

Il mausoleo con le scritte

Il Mausoleo portò i nomi di Lenin e Stalin per diversi anni fino al 1961, quando il corpo di Stalin fu rimosso e seppellito vicino alle mura del Cremlino.

10 / La Piazza Rossa negli anni Sessanta-Ottanta

La Piazza Rossa rimase sede di vaste parate militari e sportive:

Mentre in altri giorni attirava turisti da tutta l’Urss.

11 / Il periodo post-sovietico

Negli anni successivi al 1991, la Piazza Rossa ha assistito a eventi molto diversi rispetto a quelli dei tempi sovietici, come i concerti dei Red Hot Chili Peppers (1994) e di Paul McCartney (2003).

Paul McCartney in Piazza Rossa

Tuttavia, le parate militari restano una caratteristica della Piazza Rossa, nonostante la ricostruzione della Porta della Resurrezione.


Come è apparsa la Piazza Rossa di Mosca e perché si chiama così 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie