Questo ragazzo è andato da Mosca a Vladivostok viaggiando illegalmente sui treni merci!

Russia beyond; Dmitrij Schiele
Un giovane pittore di Mosca ha deciso di mettersi alla prova e di assumersi tutti i rischi di una simile avventura sui binari, e ha attraversato i 9.259 chilometri della Transiberiana senza mai pagare il biglietto. Con sé aveva poche cose e, ovviamente, una telecamera per documentare il tutto

“Stavo viaggiando su un vagone carico di carbone, quando mi ha sorpreso il maltempo. Ero sdraiato sopra, direttamente sotto la linea elettrica di alimentazione, che ha una tensione di 27.000 volt, e il rischio di prendere una terribile scossa è diventato davvero alto: in caso di pioggia, la possibilità di rimanerci secchi aumenta di molto”, racconta Dmitrij Schiele.

Fortunatamente, tutto è filato liscio. Ma viaggiare sui treni merci (in America si chiama Freighthopping) è un tipo di viaggio illegale e rischioso. Questo però non ha fermato Dmitrij: che se n’è andato sui treni merci da Mosca a Vladivostok, attraverso tutta la Russia, per oltre novemila chilometri.

Un viaggio sulla Ferrovia Transiberiana, un’esperienza che sia i russi che molti turisti di tutto il mondo sognano, è solitamente associato a lunghe conversazioni con i compagni di viaggio, tè bevuti usando i tipici portabicchieri e paesaggi sconfinati fuori dal finestrino. Nel caso di Schiele, si è trasformato in una prova di resistenza: cibo in scatola, lunghe tratte su carri merci aperti con il vento che soffia e fughe dalla polizia. Il che, ovviamente, non lo ha reso meno interessante. Anzi, al contrario.

Dall’autostop ai treni

Per molto tempo, l’Estremo Oriente russo era sembrato una terra lontana e inaccessibile inaccessibile a Dima (diminutivo di Dmitrij), come succede a molti residenti della Russia centrale. Prima di allora, Schiele era già riuscito a viaggiare in autostop per tutto il Sud e parte del Nord della Russia europea. Proprio durante uno di questi viaggi, Dima ha incontrato delle persone che avevano osato fare l’autostop fino a Vladivostok! Questo gli ha dato l’ispirazione per nuove avventure. “È stato allora che ho capito che niente è impossibile”, dice.

Ma Dmitrij voleva fare qualcosa di completamente nuovo, diverso dall’autostop. “Volevo mettermi alla prova. Quindi, mi è venuta in mente l’idea di andare da Mosca a Vladivostok sui treni merci”, dice il ragazzo.

Prima di salire sul primo vagone, Dmitrij ha studiato un po’ la tecnologia dei treni e ha stabilito le regole di sicurezza per se stesso. Ci tiene a sottolineare che questo tipo di turismo è molto pericoloso e lo sconsiglia a persone non preparate.

“Il libro ‘La strada’ di Jack London mi ha ispirato a viaggiare su un treno merci per la prima volta”, afferma Schiele. “È un racconto autobiografico molto interessante, dal quale puoi imparare molti dettagli sorprendenti sulla vita dell’autore. Prima della sua carriera letteraria, ha vagato spensierato per gli Stati Uniti, percorrendo la maggior parte delle tratte sui treni merci. Inoltre io adoro i treni e da bambino sognavo di fare il macchinista”.

In viaggio durante la pandemia

Il grande viaggio di Dima è iniziato nel maggio 2020, in un momento in cui molte restrizioni per la pandemia di Covid-19 non erano ancora state revocate. La maggior parte dei treni passeggeri era cancellata e diverse regioni del Paese erano in pieno lockdown. Solo i treni merci operavano regolarmente.

Ovviamente, questo tipo di viaggio non è legale. A Irkutsk, Dmitrij è stato persino fermato dalla polizia, dopo essere stato notato da uno dei ferrovieri. Tuttavia, la polizia gli ha semplicemente fatto una multa e lo ha rilasciato, e il ragazzo ha continuato poi per la sua strada.

Durante il viaggio, Dima non ha subito alcuna aggressione. Una delle caratteristiche del viaggiare sui treni merci è proprio che il contatto con le persone è ridotto al minimo.

“Pur essendo io un introverso, cercavo volentieri qualsiasi tipo di comunicazione con chiunque, una volta sceso, dopo ore e ore di solitudine, da un treno merci”, racconta Schiele. A differenza dell’autostop, non c’è nessuno con cui parlare in un vagone merci. Inoltre, a volte doveva vivere in tenda per diversi giorni, in attesa di un treno merci che facesse al caso suo.

Quanto ha speso per un viaggio simile?

Secondo Dima, per l’intero viaggio, durato due mesi, ha speso circa 15mila rubli (170 euro). Gli ci è voluto circa un mese sui binari per completare la Transiberiana e più o meno lo stesso tempo la ha passato visitando le città lungo il percorso. Ha vissuto principalmente in tenda. A volte, nelle grandi città, è andato in ostello.

All’inizio ha portato con sé del cibo da casa, poi ha iniziato a comprarlo nei posti dove si fermava. Di regola, si trattava di scatolette. Durante il viaggio, ha guadagnato anche qualcosa vendendo delle sue opere d’arte.

Dima osserva che durante il viaggio non si è mai ammalato, sebbene da piccolo fosse un bambino sempre malaticcio. E dice che durante il viaggio non si è mai sentito solo. Secondo lui, questa avventura lo ha aiutato a conoscere meglio la Russia e ad amarla ancora di più.

“È stata sicuramente una bella esperienza, anche se in tutto bisognerebbe trovare una via di mezzo. È sciocco fissarsi sulle cose. Io sono partito per mettermi alla prova, per ottenere impressioni uniche, per uscire dalla stagnazione creativa. Ho completato con successo questa avventura. Ma ora devo andare avanti e provare qualcosa di nuovo. Beh, per esempio gli aerei cargo”, scherza.

Dima ha raggiunto la sua meta finale, Vladivostok, nell’agosto 2020. Lungo il percorso, praticamente non ha dipinto, ha lasciato solo qualche graffito nei vagoni (a gesso o carboncino). Ma a livello creativo la cosa ha funzionato: gli sono venute in mente nuove immagini e forme creative, e anche un po’ di ispirazione letteraria, ammette.

“Penso che ogni persona almeno una volta nella vita dovrebbe viaggiare in lungo e in largo nel Paese dove è nata. Per non parlare della visita di altri luoghi del nostro vasto mondo. Ciò contribuisce alla formazione di un quadro più completo della realtà”, conclude Dima.


Sognando la Transiberiana: dieci comportamenti da evitare sui treni russi 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie