Ma perché nella metropolitana di Mosca le porte d’ingresso sono così pesanti?

Evgenij Odinokov / Sputnik; Marvel comics
Se siete stati nella capitale russa lo avrete senz’altro notato: bisogna farsi i muscoli per aprirle, ed è d’obbligo tenerle a chi vi segue, per evitare di veder stramazzare al suolo il poveretto, colpito come un birillo. Il modello più mastodontico raggiunge i 110 chili. Eredità del gigantismo sovietico…

“È successo così: il dito mi è rimasto tra la porta e il telaio. Quando mi sono voltata, mezzo dito era sul pavimento, e alla mano avevo un osso che sporgeva e la carne viva insanguinata…”, raccontò ai giornalisti la studentessa Nastja. Stava solo cercando di reggere la pesante porta all’ingresso della metropolitana. La porta non ne volle sapere e proseguì la sua corsa come una ghigliottina. “Stanno facendo causa alla porta della metropolitana”, scrissero più tardi i giornalisti.

Alcuni anni dopo, una massiccia porta della metropolitana di Mosca crollò su una donna. Se la cavò con leggere contusioni.

Certo, non tutti i giorni queste porte tranciano le dita o cadono dai cardini sulle persone. Ma una cosa è vera: ogni giorno milioni di persone si trovano a doverci combattere contro. Perché? Sono pesantissime, devono essere spinte con grande sforzo, e volano indietro con la forza di una palla di cannone.

Perché ci sono porte del genere in metropolitana?

Tutto quanto detto finora si applica soprattutto alle porte delle stazioni storiche della metropolitana. Queste porte sono state installate nelle prime fermate e sono le più mastodontiche.

“Fin dal primo giorno della sua esistenza, alla fine degli anni Cinquanta, la metropolitana era così grandiosa; una struttura monumentale. Le sue dimensioni erano colossali, ciclopiche. E di conseguenza, anche le porte erano imponenti. Erano state progettate in questo modo: alte, in rovere, con molti dettagli e intarsi interessanti e telai possenti”, spiega Nikolaj Shumakov, capo architetto di Metrogiprotrans, la società pubblica, fondata come istituto nel 1933, che si occupa della progettazione di linee metropolitane e di trasporto.

Ma del peso desiderabile delle porte negli standard tecnici non si faceva parola. “Era necessario rifinire in modo ornamentale i vestiboli, che non avevano simili in nessuna metropolitana del mondo”, ha scritto Lazar Kaganovich (1893-1991) nel suo libro di memorie “Come abbiamo costruito la metropolitana”. Sotto Stalin era infatti il responsabile della costruzione della metropolitana. Quella della bellezza senza pari era la condizione principale.

LEGGI ANCHE: Le stazioni della metro di Mosca più belle in superficie: guardate che padiglioni d’ingresso! 

Tutti i lavori di falegnameria ed ebanistica vennero realizzati su ordinazione, usando le migliori varietà di legno: noce e quercia. “Solo di quercia vennero ordinate quattrocento porte, e praticamente tutte con disegni e intagli diversi”, ha ricordato Kaganovich. Di conseguenza, una sola di queste porte pesa 110 kg!

Ma il peso sembrava più che giustificato. Per le porte dell’atrio della metropolitana furono usati i cosiddetti “cardini americani”; le cerniere bommer “va e vieni”; quelle da porta dei saloon, per intenderci. Ciò significava che la porta doveva essere massiccia, in modo che non “volasse” qua e là a causa dei flussi d’aria al passaggio dei treni o del vento proveniente dalla strada.

Un bene tutelato che non può essere rimosso

Queste pesanti porte di legno sono davvero belle ed eterne. Porte simili furono poste agli ingressi principali di stazioni, teatri, università e agenzie governative. Quando la monumentalità iniziò a lasciare il passo alla praticità e al contenimento dei costi, apparvero porte di vetro-metallo. Erano più leggere e più comode. E nel 2007, la metropolitana di Mosca ha iniziato a installare porte in acciaio inossidabile. “Il peso di una di queste porte è in media di 60 chili, afferma il servizio stampa della metropolitana.

Ma anche quelle antiche porte in legno non sono certo sparite. Anzi, oggi hanno lo status di “oggetto del patrimonio culturale di Mosca”. Ed essendo protette dalle belle arti, non è possibile sostituirle.

In questi anni, i moscoviti hanno imparato a schivarle abilmente o a gettarcisi contro come arieti. Ma il più delle volte, tengono semplicemente la porta per gli altri. Tale cortesia è diventata il modo migliore per evitare lesioni personali anche gravi.

LEGGI ANCHE: Quali sono le leggi non scritte del vivere a Mosca? 

“Prima non attribuivo molta importanza a questa cosa, ma una volta stavo cercando l’abbonamento in tasca e non ho avuto il tempo di mettere le mani avanti. L’ho vista venire verso di me, e a giudicare dal peso della porta, non solo ci avrei rimesso i denti, ma ci sarei anche potuta restare secca. Ma per fortuna una mano gentile me la resse. Mi è rimasto impresso, e ora la tengo sempre a chi è dietro di me”, dice sul web una certa utente dal nickname di Thewalkmary.

Tuttavia, è meglio affidarsi sempre solo a sé stessi. Non tutti possono far fronte alla sfida. “Non tengo la porta perché non ho abbastanza forza, mi piega le braccia”, dice JuliaBr. Il servizio stampa della metropolitana sottolinea che “la metropolitana è un sistema di trasporti associato a un pericolo più elevato del normale, e quando la si utilizza, si dovrebbe prestare particolare attenzione”. E aggiunge che “le statistiche mostrano che tutti i casi di infortuni in metropolitana si sono verificati a causa del fatto che i passeggeri stessi avevano violato le norme basilari di sicurezza.”


Perché nella metro di Mosca i treni passano così spesso? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie