Quali sono le leggi non scritte del vivere a Mosca?

AFP
Come qualsiasi città, la capitale russa ha le sue regole di condotta e le sue sacre abitudini. Non le troverete scritte sulle brochure per turisti, ma abitando qui, imparerete presto a conoscerle

Camminare veloce

Quando gli abitanti della capitale si trovano in una città di provincia, la prima cosa che iniziano a notare è: ma perché diavolo qui vanno tutti così lentamente? A Mosca, tutti camminano veloce. Anche se non hanno fretta. La gente a Mosca ti maledice dentro di sé (e a volte non solo) se cammini lentamente e fai da imbuto (specie in metropolitana).

Vivere lontano dal posto di lavoro

Due ore all’andata e due al ritorno per andare al lavoro ogni santo giorno? Proprio così. E non è consuetudine lamentarsi. Perché non appena aprirai la bocca, ci sarà sicuramente qualcuno che viene da ancora più lontano. E ti incenerirà con lo sguardo.

Affittare un appartamento vicino all’ufficio di solito non è un approccio preso in considerazione per risolvere il problema. A Mosca, tutti sono ossessionati dall’idea di comprare il proprio appartamento, anche se poi devono pagare un mutuo per vent’anni e trascorrere 4 ore in macchina ogni giorno per andare al lavoro, visto che di solito possono permetterselo solo molto lontano dal centro. Non sarebbe più logico spendere quei soldi per un appartamento in affitto in posizione strategica? No grazie. Non saresti un moscovita.

Ignorare i mendicanti

L’idea è che siano tutti truffatori e membri della mafia dell’accatto. Hanno i loro “punti” fissi, i loro capibastone, i loro guardiani, e guadagnano più in un giorno di quanto tu non faccia in una settimana. Unica eccezione: gli ubriaconi. Non sono una mafia: cercano solo di tirare su due soldi, per comprarsi qualcosa con cui smaltire la sbornia. Con loro puoi mostrare empatia.

LEGGI ANCHE: Beneficenza, i consigli per fare del bene evitando le truffe 

Odiare tutti nella metropolitana di Mosca

La metropolitana di Mosca ha molti vantaggi, ma ha un grosso problema. La gente! Il grado di misantropia nella metropolitana cresce in proporzione al numero di stazioni da attraversare. Dimentica lo spazio personale, dimentica le scarpe pulite. L’ottusità umana di qualsiasi tipo nella metropolitana diventa il tuo problema e inevitabilmente inizierà a farti infuriare.

Prepararsi all’apocalisse di neve

I servizi municipali delle pulizie stradali non si aspettano mai la neve quando cade (in inverno, in Russia!), e ogni volta si fanno trovare impreparati e non sono in grado di fronteggiare l’emergenza. Per questo, teniamo sempre una pala in macchina. Per tirare fuori il veicolo dai mucchi di neve che gli si sono accumulati attorno al mattino e dopo la giornata lavorativa.

Non mangiare carne di strada

Al massimo prenditi un kebab solo in luoghi sicuri. Altrimenti, il gioco non vale la candela. Se ti becchi una bella intossicazione alimentare, nessuno sarà sorpreso. Soprattutto se sei stato così intelligente da mangiare in una stazione ferroviaria!

Togliersi lo zaino

In un vagone della metropolitana pieno o in qualsiasi altro luogo affollato, uno zaino è il tuo nemico. E soprattutto è il nemico delle persone intorno a te. Blocca il passaggio e schiaccia sgradevolmente le persone. Se non te lo togli dalle spalle, ti odieremo tutti e qualche babushka nervosa ti urlerà dietro improperi. Evita!

LEGGI ANCHE: Nove trucchi per usare la metropolitana di Mosca come un moscovita 

Dividere le persone tra chi vive dentro e fuori dalla tangenziale

Il Mkad, il grande raccordo anulare che circonda la capitale, rappresenta delle Colonne d’Ercole. Tutto quello che è al suo interno è la Mosca “reale” e palpitante; tutto quello che ne è fuori è noioso, ricade nella zona del “non succede mai nulla lì”, e ci vivono i subalterni… Ai residenti del centro non piacciono i residenti dello “Zamkadje”, come chiamano quella terra fuori dal Mkad, quell’hic sunt leones. Con buona dose di classismo.

Importante: questo non si applica ai prestigiosi villaggi suburbani dei ricchi, che si trovano oltre la tangenziale di Mosca. Questi sono “filiali” del centro.

LEGGI ANCHE: Perché Mosca ha così tanti anelli che la cingono? 

Evitare i luoghi turistici

Non c’è niente da fare lì. Assolutamente. Il cibo è costoso (e insipido), ci sono strane taverne nei seminterrati, molti visitatori a farsi selfie, molti scippatori, molti negozi di souvenir con spazzatura made in China. Dalla via Nikolskaja e dalla Staryj Arbat i moscoviti si tengono alla larga!

Tutto è aperto 24/24h

Non importa quello che ti serve nel cuore della notte; o la voglia improvvisa che ti coglie: comprare fiori, riempire un frigorifero, allenarti in palestra, fare la manicure. In questa città puoi trovare tutto in qualsiasi momento.

Il venerdì è il giorno in cui si esce di più

I residenti di Mosca sono colletti bianchi disciplinati. Celebrano ingrandì stile ogni fine della settimana lavorativa il venerdì. Sabato si ritrovano nei locali molte meno persone e, di norma, si tratta in gran parte di turisti. La domenica è un giorno morto: tutti pensano già alla nuova settimana lavorativa che inizierà lunedì e cercano di riposarsi.

Tenere la porta a chi ti cammina dietro

La metropolitana di Mosca ha delle porte piuttosto pesanti all’uscita e all’entrata delle stazioni e se le lasci andare di botto dopo essere passato, rischi di mettere ko chi ti cammina dietro. Anche quando hai fretta, stai attento. Chi ti segue può davvero farsi molto male. E poi, in questo, i moscoviti sono davvero educati. Possono essere dei grandi stronzi in tutto il resto, ma ogni volta tengono la porta della metro.

Prendere un appuntamento in anticipo

Tutti a Mosca sono impegnati; tutti hanno già un’agenda serrata per la settimana prossima e forse anche per quella dopo. Non mettere in imbarazzo le persone cercando di fissare un appuntamento tra un’ora. Soprattutto se è venerdì, il loro tempo sarà stato “prenotato” già da molto.

Mangiare al business lunch

Gli impiegati di Mosca adorano andare a pranzo nei bar e ristoranti vicini al posto di lavoro. Quindi qualsiasi locale più o meno decente ha un menù per il pranzo con un buono sconto dal nome traslitterato pari pari dall’inglese: biznes-lanch.

Infilarsi in metropolitana 5 minuti prima dell’ora di punta

Sì, i moscoviti sanno quando l’ora di punta inizia esattamente, con precisione al minuto, sul serio. Se non fai in tempo a salire nel vagone alle 17.55, allora alle 18.00 sarà la fine, e la stazione assomiglierà a una scena di un’apocalisse zombie: sarai così schiacciato da non essere nemmeno in grado di tirar fuori il telefono di tasca, e qualcuno cercherà sicuramente di farsi largo tra la folla, ma sarà sconfitto. Per chi non vuole partecipare a questa lotta per la sopravvivenza, rimane solo una cosa: aspettare almeno le 19 o entrare in metropolitana un paio di minuti prima dell’Armageddon.

Fare domande sull’appartamento

Il costo degli affitti a Mosca è alto, quindi questa domanda entusiasma assolutamente tutti e apre spesso la conversazione, indipendentemente da quanto si conosce l’interlocutore. Prima ti verrà chiesto dove vivi, poi quanto paghi per i tuoi metri quadri. Se il prezzo è buono e la casa non sembra quella della nonna, potrai leggere l’ammirazione con un misto di invidia negli occhi dell’interlocutore.

Come riconoscere un vero moscovita purosangue? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie