Sei splendidi posti da visitare a Kaluga e dintorni

Sergej Bobylev/TASS
Il chiasso e la frenesia di Mosca vi hanno un po’ stancato? Niente di meglio, per fare una pausa, di una gita in questa splendida città, ad appena 180 chilometri dalla capitale, con la sua regione ricca di bellezze naturali e culturali, e con ottime opzioni enogastronomiche

Nikola-Lenivets Art Park 

Nikola-Lenivets, un villaggio nella regione di Kaluga (220 chilometri a sudovest di Mosca), è una combinazione di cose apparentemente incompatibili: oggetti di land art contemporanea, un paesaggio tradizionale russo con prati, fiumi e campi, e strade degne di una pazza guida fuoristrada!

Situato in gran parte sul territorio del Parco Nazionale dell’Ugra, Nikola-Lenivets ha più di 30 oggetti di land art che si integrano perfettamente nei boschi e nei prati. Molti sono riusciti a sopravvivere al caldo estivo, alla pioggia battente e alla neve fin dal primo festival Archstoyanie del 2006, ma alcuni oggetti d’arte in legno stanno lentamente scomparendo nella natura. Ma, ovviamente, ogni estate, a ogni nuova edizione del festival, nuove creazioni popolano il territorio. 

C’è molta arte in quest’area, che copre ben 980 chilometri quadrati, quindi ecco la nostra selezione dei 7 migliori oggetti di land art, oltre a informazioni utili per pianificare il vostro viaggio!  

Fattoria del ristorante Twins Garden 

Sergej e Ivan Berezutskij, i dinamici pionieri della nuova cucina russa al ristorante Twins Garden di Mosca, si sono stancati della continua ricerca di ingredienti di qualità. Così hanno iniziato una collaborazione con l’Accademia Agricola Timirjazev (considerata una delle più importanti del Paese) e hanno acquistato un appezzamento di terreno di 50 ettari nella regione di Kaluga, una delle aree più ecologicamente pulite a poche ore di auto da Mosca. Ora, il 70 percento di verdure, frutta, latticini, carne, pesce ed erbe utilizzate per preparare i piatti del Twins Garden provengono dalla fattoria Kaluga, che dà ai gemelli la possibilità di controllare personalmente ogni ingrediente che entra nella loro cucina.

Sergej e Ivan vogliono far crescere l’agro-turismo a Kaluga e sperano di iniziare con la loro fattoria. Al momento, ci sono alcune case per gli ospiti in costruzione, così come infrastrutture per questo tipo di turismo. Visitate Kaluga durante la stagione del raccolto (di solito all’inizio di settembre), perché è in quel momento che i gemelli lanciano la loro festa gastronomica annuale “Garden” alla fattoria. Nell’arco di due giorni, gli chef russi e stranieri che fanno tendenza vengono invitati alla fattoria a preparare qualcosa di delizioso con i prodotti appena colti, per mostrare agli ospiti che la stagionalità è la strada da percorrere. Mentre gli chef cucinano, gli ospiti sono incoraggiati ad esplorare la fattoria, partecipare alla raccolta, andare a pescare e godersi l’aria aperta. 

Museo statale Tsiolkovskij di Storia della cosmonautica 

Il primo museo al mondo dedicato alla storia dell’esplorazione spaziale, e il più grande in Russia fino a oggi, aprì le sue porte a Kaluga nel 1967. Fu in questa città che il grande scienziato Konstantin Tsiolkovskij (1857-1935) trascorse i suoi anni più produttivi ed è qui che ha descritto e dimostrato la necessità di costruire razzi multistadio.

Il museo, che a sua volta è un monumento architettonico e in qualche modo ricorda un’astronave, vanta oggetti unici legati allo sviluppo della cosmonautica. C’è anche un prototipo della leggendaria stazione spaziale Mir e i visitatori possono vedere con i loro occhi una riproduzione del razzo Voskhod, quello che portò il primo uomo nello spazio, Jurij Gagarin. Non dimenticate di visitare il planetario, che dall’esterno assomiglia a un’enorme sfera d’acciaio che spunta dal terreno, quasi come un ufo che si schianta sulla Terra!

Nel 2018, il museo ha subito un restyling completo ed è stato ampliato. Il complesso museale è situato in cima a una collina da cui si gode una vista stupenda sul fiume Okà, sul bacino idrico e sulla grande pineta locale. 

Foresta selvaggia, ciclismo e wake surfing proprio in città

Se non avete mai visto una foresta selvaggia come quelle raffigurate nelle tradizionali fiabe russe, allora questo è il posto da visitare. La foresta di Kaluga ha mantenuto il suo aspetto senza riduzioni di estensione dal XVII secolo, e l’età media dei suoi alberi è di 180-200 anni (alcuni addirittura ne hanno 300). È unica, perché un lato della foresta confina con un bacino idrico, e insieme formano una meravigliosa zona ricreativa. C’è anche una leggenda che ai vecchi tempi, il Falso Dimitri II di Russia, l’impostore che cercò di farsi passare per Zar, si nascose in questi boschi e fu ucciso durante una battuta di caccia al coniglio.

Oggi, questo è un ottimo posto per passeggiare e andare in bicicletta. Ci sono percorsi di varie lunghezze e difficoltà – 4, 10 o 16 chilometri – quindi scegliete quello che fa per voi e lanciatevi all’avventura! Godetevi l’aria incredibilmente pura, gli incontri con gli scoiattoli e i canti degli uccelli: non c’è modo migliore per rilassare il corpo e la mente dalla vita frenetica della città. Se passeggiare non vi piace, è sufficiente noleggiare una bicicletta per 100 rubli (1,40 euro) per l’intera avventura. E per coloro che hanno bisogno di una scarica di adrenalina in più, a circa 350 metri dalle rive del bosco c’è una stazione di wake surfing che funziona dall’inizio di maggio fino alla fine di ottobre. Tutto quello che dovete portare è il desiderio di cavalcare le onde; tutto il resto è disponibile in affitto! 

Via Voskresenskaja e il Bar “Chastnaja Praktika

A Kaluga, viaggiare nel tempo è facile. C’è un Gostinij Dvor (tradizionale mercato coperto russo) in centro, che è stato costruito nel XVIII secolo ed è uno dei pochi esempi rimasti del cosiddetto stile architettonico Barocco moscovita (detto anche Barocco Naryshkin). A pochi isolati troverete via Voskresenskaja, una graziosa stradina che vi teletrasporterà all’inizio del XX secolo, quando Kaluga era al suo apice grazie alle attività dei mercanti. Qui non troverete un solo edificio moderno o sovietico: dal 1983, la “linea rossa” della città (nome preso dalle facciate degli edifici) è sotto stretta protezione e solo lavori di restauro per restituire agli edifici il loro aspetto storico sono consentiti. Nei secoli XVIII e XIX, queste splendide e lussuose dimore erano case di ricchi mercanti e nobili; oggi ospitano istituti scolastici. In primavera, l’aria diventa particolarmente dolce quando i meli e i peri cominciano a fiorire nei cortili.

Per tornare al XXI secolo, basta entrare nella dimora che ospita uno dei luoghi più alla moda in città dove mangiare e bere: il bar-ristorante “Chastnaja Praktika”. I fondatori sono riusciti a creare un interno elegante e moderno in una vecchia dimora e non potete non provarlo! 

Biosfera Eco-Park 

Sulla riva destra del fiume Oka, di fronte alla parte centrale della città, troverete il complesso “Biosfera”, di recente apertura. Questo è un parco con animali, attrazioni e un ristorante. Gli animali non sono tenuti in gabbia, ma vagano liberamente. I visitatori possono osservare lama, cammelli, bisonti, struzzi, pavoni e altri animali dall’alto, grazie a un sistema di percorsi rialzati. In questo modo, potrete avvicinarvi agli animali senza disturbarli. Questo Eco-Park ospita anche il più grande parco di falchi della Russia, con circa 30 rapaci.

Proprio di recente, foche e leoni marini sono stati portati in una speciale piscina, e da allora offrono ai visitatori un sovraccarico di bellezza! C’è anche una grande ruota panoramica nel territorio del parco, e per soli 200 rubli (2,80 euro) potrete vedere Kaluga come se fosse nel palmo della vostra mano. Infine, ricaricate le batterie al ristorante in compagnia di cigni e fenicotteri che vivono proprio lì nelle piscine e nei piccoli prati nelle vicinanze!

 

Cinque fantastiche gite fuori porta nei dintorni di Mosca 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie