Sette incredibili musei russi che vale la pena visitare

Anton Tushin/TASS
A Penza ce n’è uno con un solo quadro in mostra, a Novosibirsk uno dedicato alla morte e ai funerali, a Barnaul potete sapere tutto sul furto d’auto. Se siete a Mosca, non perdetevi il bunker di Stalin

1. Bunker 42, Mosca

Fonte: Anton Tushin/TASSFonte: Anton Tushin/TASS

Bunker 42 è un Museo della Guerra Fredda situato nel centro di Mosca. Qui è possibile visitare la struttura sotterranea e sapere di più sulla sfida atomica tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Il bunker è stato costruito negli anni Cinquanta come quartier generale delle Forze Aeree a lunga distanza. Si trova 60 metri sotto la superficie e copre un’area di 6.700 metri quadrati. Negli anni Sessanta, il bunker era dotato di sistemi di supporto vitale, con approvvigionamento idrico e cibo sufficiente per mantenere in vita gli ufficiali per lungo tempo, ma negli anni Ottanta la sua condizione si è deteriorata. Nel 1995 è stato declassificato.

Il pozzo principale di ingresso al bunker è dotato di un ascensore ed è protetto da un tetto in cemento di sei metri, nascosto all’interno di una falsa casa del XIX secolo con finestre bianche. Il tetto fortificato è stato progettato per proteggere il pozzo dall’onda di un’esplosione nucleare e può resistere a un colpo diretto di una bomba aerea.

Indirizzo: Mosca, Vicolo Pjatij Kotelnicheskij 11. La biglietteria è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 20. Il museo è aperto 24 ore su 24

Sito internet

Per saperne di più, leggete un nostro articolo

2. Museo della morte, Novosibirsk

Fonte: Aleksandr Kryazhev/RIA NovostiFonte: Aleksandr Kryazhev/RIA Novosti

Questo museo di Novosibirsk (3.400 chilometri a est di Mosca) è dedicato ai funerali… Se vi suona un po’ morboso, è perché lo è. In mostra al Museo della Cultura funebre ci sono una serie di foto appartenenti al cosiddetto genere “post-mortem”: abiti da lutto, maschere funebri, statue e monumenti cimiteriali. C’è anche un’impressionante collezione di bare inusuali. Bello!

Indirizzo: Novosibirsk, frazione Voskhod, Voentorgovskaja 4/16. (Vicino al crematorio) Aperto dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 19, Sabato e domenica dalla 11 alle 19

Sito internet

Per saperne di più su Novosibirsk, ecco un nostro articolo

3. Museo con un solo dipinto, Penza

Fonte: Legion MediaFonte: Legion Media

Il Museo con un solo dipinto intitolato a Georg Vasilievich Mjasnikov (questo il nome completo!) è una istituzione statale e si trova nella città si Penza, 650 chilometri a sudest di Mosca. Fondato nel 1983, su iniziativa del vicesegretario del partito comunista locale, di cui porta il nome, non ha eguali al mondo.

Non c’è alcuna esibizione permanente qui. L’unica sala ospita un unico quadro (di solito opere molto importanti). Prima di poter vedere la tela, i visitatori guardano un filmato di tre quarti d’ora che descrive le peculiarità della mostra e racconta la sua storia e la biografia del pittore. Di solito qui sono in mostra capolavori, in prestito, del livello di “Tempesta di neve sulla fortezza” di Vasilij Surikov, “Dopo la battaglia” di Kuzma Petrov-Vodkin o del “Ritratto di fanciulla con cappello piumato” del Tiziano (abitualmente in mostra all’Ermitage di San Pietroburgo).

Indirizzo: Penza, via Kirova 11. Aperto ogni giorno eccetto il giovedì, dalle 11 alle 18. Per visitare il museo dovete telefonare o mandare una mail: penza-art@mail.ru

Sito internet

Se siete a Penza e avete ancora voglia di arte, potete visitare anche il Parco delle sculture all’aperto

4. Museo del furto d’auto, Barnaul

Fonte: Vitalij Belousov/TASSFonte: Vitalij Belousov/TASS

Al secondo piano di una piccola casa nella città di Barnaul (3.600 chilometri a est di Mosca, nel Territorio degli Altai) si nasconde un vero tesoro per tutti gli appassionati di auto (e per i ladri d’auto in particolare). Il museo dedicato al furto di auto – sì, avete letto bene – è stato inaugurato nel 2003 dal personale del Servizio di soccorso stradale di Barnaul, che si occupa dell’evacuazione di automobili incidentate per mezzo di carro attrezzi e dell’apertura di serrature, se avete perso la chiave.

La serie di metodi di furto d’auto in mostra è incredibilmente varia: i malviventi non si servono solo di piedi di porco e chiavi inglesi, ma persino di tagliole per orsi! La polizia locale ha donato al museo molti interessanti reperti, come targhe e patenti false, “code grabber” (strumenti che permettono di rubare il codice del telecomando di apertura delle portiere), e strumenti per disturbare le comunicazioni via radio.

Indirizzo: Barnaul, Via Anatolija 130. Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 19

Sito internet

5. Museo del rompighiaccio Angarà, Irkutsk

Fonte: Lori/Legion-MediaFonte: Lori/Legion-Media

Il rompighiaccio Angarà (prende il nome dal fiume locale) è uno dei monumenti più insoliti in Irkutsk (5.200 chilometri a est di Mosca, sul lago Bajkal). Il più antico rompighiaccio al mondo fu varato nel 1900, dopo essere stato costruito nei cantieri Sir W.G. Armstrong Whitworth & Co Ltd di Newcastle, in Inghilterra, su ordinazione del Comitato per la costruzione della ferrovia transiberiana.

All’epoca della sua costruzione, il trasporto nell’area di Irkutsk era praticamente limitato ai traghetti, che per molti mesi all’anno, però, potevano navigare solo seguendo la nave rompighiaccio. L’Angarà rimase in uso fino agli inizi degli anni Sessanta. Nel 1990 la nave fu ormeggiata in un bacino e trasformata in un museo.

Indirizzo: Irkutsk, Via Marshala Zhukova 36a. Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 21

Sito internet

Leggi qui per sapere tutto su un’altra imbarcazione museo, l’incrociatore Aurora di San Pietroburgo

6. Museo della storia del sale, Solikamsk, Territorio di Perm

Fonte: Oleg VorobyovFonte: Oleg Vorobyov

La città di Solikamsk (che significa “sale sul fiume Kama”) sorge circa 1.700 chilometri a est di Mosca, ed era conosciuta come la capitale del sale della Russia. Venne fondata nel XV secolo, quando la famiglia mercantile Kalinnikov aprì il primo stabilimento per la produzione di sale. L’economia locale dipendeva fortemente dall’estrazione dei minerali dal sottosuolo.

Fonte: Oleg VorobyovFonte: Oleg Vorobyov

Il museo si trova nelle vecchie miniere di Ust-Borovaja, che furono operative dal 1882 al 1972. Mostra il processo di produzione di sale in tutte le epoche. Nelle miniere il fumo era tanto denso che i lavoratori non si vedevano a vicenda a un passo di distanza. Qui si è usata la tradizionale tecnica di evaporazione fino 1° gennaio 1972, quando la miniera è stata chiusa e trasformata in museo.

Indirizzo: Solikamsk, Via Gazety Zvezda 2. Aperto dal martedì al sabato dalle 9 alle 17

Sito internet

Per sapere tutto sulla città di Solikamsk, leggi il nostro articolo

7. Museo Memoriale della Prigione dell’Nkvd, Tomsk

Fonte: Sergej Pyatakov/RIA NovostiFonte: Sergej Pyatakov/RIA Novosti

La Prigione museo dell’Nkvd (l’antenato del Kgb) si trova nella città siberiana di Tomsk (3.600 km a est di Mosca), in un lugubre seminterrato che fu carcere della polizia segreta tra il 1923 al 1944. Nel cortile del carcere, oggi chiamato Giardino della Memoria, c’è un monumento a tutte le vittime della repressione. Il museo include un corridoio della prigione, una cella per i prigionieri e la stanza in cui operavano gli investigatori.

Tra i reperti in mostra ci sono faldoni di indagine, fotografie dei reclusi e piccoli oggetti artigianali fatti dai prigionieri nei campi di prigionia durante la deportazione.

Indirizzo: Tomsk, Corso Lenin 44. Aperto da martedì a domenica dalle 10 alle 18

Sito internet

Se volete vedere com’è Tomsk durante il gelido inverno siberiano, guardate qui

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale