Visti, tutto quello che c’è da sapere

: Michał Huniewicz / Flickr

: Michał Huniewicz / Flickr

Sognate una vacanza in Russia, ma la rigida burocrazia legata ai documenti di ingresso vi fa desistere? Niente paura! Con questa semplice guida vi renderete conto che è più semplice di quanto sembra. O quasi

Fonte: Alyona Repkina

Russia sì, Russia no. Spesso molti turisti, nel momento in cui scelgono la destinazione per la prossima vacanza, esitano a comprare un biglietto per la Russia a causa del rigido regime dei visti. Rbth ha cercato di ricapitolare ciò che vi può interessare per ottenere un visto. 

I più fortunati sono i cittadini di buona parte dei Paesi dell’America Latina: è molto probabile che chi arriva da questa zona non necessiti di un documento di ingresso. Per esserne certi, però, controllate il sito ufficiale del consolato russo del vostro Paese. In genere su questi siti vengono date informazioni utili ai visitatori sulle principali procedure e sui documenti necessari per la richiesta.

In generale, è possibile richiedere uno dei seguenti tipi di visti turistici:

- ingresso unico (un arrivo e una partenza, durata totale del soggiorno fino a 30 giorni)

- ingresso doppio (due arrivi, due partenze, durata totale del soggiorno fino a 30 giorni)

- ingressi multipli (arrivi e partenze illimitati, durata totale del soggiorno fino a 90 giorni in un periodo di 180 giorni)

Fonte: Alyona Repkina

Ecco la lista minima dei documenti da presentare al consolato o all'ambasciata russa:

1. Passaporto

Assicurarsi che abbia almeno due pagine vuote per contenere il visto e che la data di scadenza sia di almeno sei mesi dopo la scadenza del visto.

2. Modulo di domanda compilato

È possibile trovare il modulo di domanda di visto sul sito web dell'ambasciata russa, consolato o centro visti del vostro Paese. Vi sarà richiesto di fornire informazioni di carattere generale su di te e la visita che programmate in Russia.

Consiglio: in alcuni Paesi è possibile che vengano richiesti i dettagli di tutti i vostri viaggi all'estero nel corso degli ultimi 10 anni, soprattutto nei centri visti inglesi e americani, quindi assicuratevi di avere pronto un elenco completo dei Paesi e delle date.

3. Una fototessera a colori da 3,5 x 4,5 cm

L'immagine deve essere chiara, nitida e su sfondo bianco. Il richiedente non deve indossare copricapi né occhiali da sole.

4. Tassa per la presentazione della richiesta

L'esatto ammontare della tassa dipende dal Paese in cui avviene la richiesta, dal tipo di visto e dall'urgenza.

Consiglio: le tasse non vengono rimborsate in caso di domanda respinta, quindi cercate di evitare errori e di portare tutti i documenti necessari.

5. Voucher turistico e conferma di alloggio presso un'organizzazione turistica certificata

Ciò non significa che non potete pianificare il vostro viaggio.

Consiglio: basta acquistare un voucher da un'azienda privata o richiederlo all'hotel in cui alloggi. Per fare ciò, una società deve essere accreditata dal Servizio federale per la migrazione e dal Ministero degli Affari Esteri della Russia, quindi è meglio scegliere una fonte affidabile. Dopo aver fornito i dati del passaporto, pagato il costo del servizio e ricevuto la conferma dall'hotel, tutto è pronto. Assicurarsi che sul voucher siano presenti numero di registro e timbro della società.

Un'altra opzione è quella di prenotare una camera in un albergo e inviare loro una lettera con la richiesta di "documenti per supporto visto". È pratica diffusa addebitare il costo di una notte per ottenere un voucher di conferma. Una volta ottenuto il visto, è possibile annullare la prenotazione e alloggiare altrove, ma si tenga presente che i centri visti a volte verificano se si è realmente fatto il check-in in quella struttura. In caso negativo, possono annullare il visto, facendovi andare incontro a seri problemi. Quindi forse non ne vale la pena.

7. Assicurazione

La copertura deve essere di almeno 30mila euro.

Consiglio: la vostra assicurazione deve essere valida per tutto il territorio della Federazione Russa, estendendosi in tutta Europa e in Asia. Quindi è importante non scegliere solo "Europa", anche se non si sta progettando un viaggio al di là degli Urali. Le scelte migliori sono "Europa, compresa la Russia" o "tutto il mondo".

8. Carta di immigrazione

Congratulazioni, siete arrivati in Russia! Alla dogana vi verrà chiesto di compilare una carta di immigrazione.

Consiglio: assicurarsi che si lascerà il Paese nella data esatta che hai indicato sulla carta di immigrazione, anche se il visto è valido per un periodo più lungo.

9. Registrazione del visto

L'ultimo passo rimasto è registrare il visto. Si consiglia vivamente di averne cura il più presto possibile dopo l'arrivo. Il giorno del ritorno, al controllo passaporti, potrebbe venire fuori che non ci si è registrati per tempo e questo potrebbe compromettere le future domande di visto.

Fonte: Alyona Repkina

Consiglio: il termine per la registrazione del visto dipende dalla scelta di alloggio.

Se soggiornate in un hotel, in teoria dovrebbero registrarlo automaticamente entro 24 ore dall'arrivo. Nonostante ciò avvenga il più delle volte, insistete se in albergo vi dicono che non possono farlo subito. Inoltre, anche se tecnicamente tutti gli alberghi dovrebbero registrare gli stranieri, alcuni di loro non lo fanno, quindi chiedete conferma in anticipo.

Se si scelgono alloggi privati, avete sette giorni di tempo per registrare il visto. Potete chiedere al vostro padrone di casa di registrarvi presso il Servizio federale per la migrazione locale o l'ufficio postale.

Per legge, si è tenuti a rinnovare la registrazione ogni volta che si cambia località. L'inadempienza può essere punita con multe tra i 2.000 e i 5.000 rubli ($30-75). I controlli della registrazione sono abbastanza comuni in metropolitana, nelle stazioni ferroviarie e sui treni suburbani.

I requisiti possono variare a seconda del Paese in cui si fa richiesta per il visto russo. I centri visti negli Stati Uniti a volte richiedono ulteriori documenti, come ad esempio l'estratto conto bancario, una lettera dal vostro datore di lavoro o un attestato relativo alla composizione della vostra famiglia. In altri casi si può anche richiedere un visto multiplo di tre anni in loco. I cittadini del Regno Unito devono presentare le loro impronte digitali. I cinesi sono tenuti a mostrare i loro biglietti aerei, mentre i francesi devono presentare un piano dettagliato del loro viaggio se hanno intenzione di visitare città russe fuori dai tipici itinerari turistici. Per gli indonesiani il rilascio di un visto avviene proprio in aeroporto, mentre i thailandesi non hanno nemmeno bisogno di un visto per visite inferiori ai 30 giorni.

È altamente consigliabile verificare tutte le informazioni presso i centri visti. Ma non lasciate che le complessità prendano il sopravvento. I primi giorni della vostra vacanza in Russia compenseranno tutti gli ostacoli burocratici che avete incontrato lungo la strada.

E adesso preparatevi per il viaggio! Continuate a leggere:

A Mosca il week end è low cost

Perle russe in lizza per l'Unesco

Il lusso corre su rotaia. Da Mosca a Vladivostok

Tra fiumi e tajga, dove corrono i binari che uniscono oriente e occidente

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più