L’ekranoplano “Soccorritore”: il “mostro marino” sovietico progettato per uccidere

Komsomolskaya Pravda/Global Look Press
Ricorda un altro famoso ekranoplano, spiaggiato sulle coste del Mar Nero. Ma questo modello, riconvertito per le situazioni di emergenza e per questo ribattezzato “Soccorritore”, riposa nei pressi di una fabbrica di Nizhnyj Novgorod

Un po’ di tempo fa aveva fatto scalpore la notizia di un blogger che aveva scoperto un ekranoplano di epoca sovietica spiaggiato sulle rive del Mar Caspio. Quella formidabile macchina da guerra era stata progettata per annientare le forze nemiche; ma è stata mandata “in pensione” con il crollo dell’URSS, nel 1991. 

Ebbene, si è scoperto che a Nizhnyj Novgorod, sul fiume Volga, c’è un altro modello di questo pachiderma dei cieli! 

Questo veicolo di fabbricazione sovietica, che può essere considerato come l'anello di congiunzione tra un idrovolante e un aliscafo, è quasi identico al mostro spiaggiato sulle rive del Caspio, conosciuto come “Lun”.

Proprio come il suo gemello di Derbent, sul Caspio, anche l'aliante di Nizhnyj Novgorod era stato progettato per annientare le forze ostili planando rapidamente sullo specchio d'acqua, grazie alla pressione creata dalle sue ali giganti. 

A differenza del “Lun”, concepito come “macchina da guerra”, questo modello era stato progettato per le situazioni di emergenza, e ribattezzato di conseguenza: “Spasatel” (Soccorritore).

“Inizialmente, doveva essere lo stesso modello [del “Lun”], ma non ebbero tempo per completarlo e decisero così di trasformarlo in un veicolo a uso civile: è così che questa enorme nave con le ali è diventata un grande ospedale. Era dotata di 150 letti e, se necessario, poteva trasportare 500 persone alla volta”, disse Tatyana Alekseyeva, ingegnere che partecipò alla costruzione dei due veicoli sviluppati presso l’Alekseyev Central Hydrofoil Design Bureau [dal nome di suo padre, Rostislav Alekseyev] in URSS negli anni '80.

Rispetto al “Lun”, il “Soccorritore” può sembrare meno intimidatorio, in quanto non è dotato di missili da crociera anti-nave, che furono rimossi dopo che questo mostro da guerra fu riconvertito a scopo civile.

Ad ogni modo, questi due velivoli sono molto simili in termini di dimensioni: il “Soccorritore” è lungo 93 metri e ha un'apertura alare di 44 metri; poteva raggiungere una velocità di 550 km/h: una velocità ineguagliata da qualsiasi altra nave pesante dell'epoca.

Proprio come la nave alare di Derbent, il “Soccorritore” fu abbandonato al momento del crollo dell'Unione Sovietica. 

Oggi riposa presso una fabbrica di Nizhnyj Novgorod e attira blogger e fotografi, attratti da questo eccezionale esempio delle ambizioni ingegneristiche sovietiche che non furono mai realizzate. 

LEGGI ANCHE: Bartini, l’ingegnere italiano che divenne uno dei più grandi progettisti di aerei sovietici 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie