Rokossovskij, il polacco che si rivelò uno dei migliori comandanti militari sovietici

Il Maresciallo dell’Unione Sovietica Konstantin Rokossovskij (1896-1968)

Il Maresciallo dell’Unione Sovietica Konstantin Rokossovskij (1896-1968)

Dominio pubblico
Nonostante i pochi uomini e mezzi a disposizione, nell’estate del 1941 riuscì a strappare ai tedeschi la città di Yartsevo e a ritardare l'avanzata del nemico su Mosca. La sua abilità lo portò estremamente vicino a Berlino; ma alla fine gli equilibri politici spinsero il maresciallo Zhukov a conquistare la capitale tedesca al posto suo

“La sua conoscenza della scienza militare era eccellente. Fissava obiettivi chiari e controllava l'esecuzione dei suoi ordini in modo intelligente e con tatto. Prestava costante attenzione ai suoi subordinati e, forse come nessun altro, sapeva apprezzare e sviluppare l'iniziativa dei suoi comandanti subalterni. Dava molto agli altri, ma allo stesso tempo era capace di imparare da loro... Non riesco a pensare a un uomo più completo, più efficiente, laborioso e dotato”, così il valente maresciallo sovietico Georgij Zhukov descrisse il non meno talentuoso maresciallo Konstantin Konstantinovich Rokossovskij, uno dei principali artefici della vittoria sovietica sulla Germania nazista

Konstantin Rokossovskij e Georgij Zhukov

Nato a Varsavia (all’epoca parte dell'Impero russo), Rokossovskij iniziò la sua carriera nella cavalleria sui campi di battaglia della Prima guerra mondiale. Le due rivoluzioni del 1917, il crollo dell'autocrazia e la disintegrazione dell'esercito e del paese lo costrinsero - come altri polacchi del 5° Reggimento Dragoni Kargopol - a scegliere se partecipare alla creazione di una rinascente Polonia o dedicarsi alla lotta per il “potere degli operai e dei contadini” e alla “vittoria della rivoluzione mondiale”. Mentre suo cugino e compagno d'armi Franz Rokossovskij partì per Varsavia, Konstantin Konstantinovich si unì ai bolscevichi.

Konstantin Rokossovskij nel 1917

Ma Konstantin Rokossovskij non finì per combattere contro la sua stessa patria nella guerra sovietico-polacca che scoppiò nel 1919: per buona parte della guerra civile, combatté contro i Bianchi negli Urali, in Siberia e in Estremo Oriente, dove salì al grado di comandante di reggimento di cavalleria.

La sua carriera militare di successo, così come la sua vita, avrebbero potuto essere stroncate dal Grande Terrore, il periodo di repressione politica che caratterizzò l’Unione Sovietica alla fine degli anni ‘30. Il 17 agosto 1937, il comandante di divisione Rokossovskij fu arrestato perché sospettato di lavorare per i servizi segreti polacchi e giapponesi. Per due anni e mezzo fu sbattuto da una prigione all’altra e dovette sopportare lunghi interrogatori fino a quando, nel marzo del 1940, grazie agli sforzi del generale Semjon Timoshenko, fu rilasciato e reintegrato nell’esercito. “Non ne parlò mai, nemmeno con le persone più vicine a lui”, ricordò il nipote (e omonimo) Konstantin Rokossovskij. “Solo una volta, quando mia madre, molti anni dopo la guerra, gli chiese perché portasse sempre con sé una pistola, egli rispose: ‘Se vengono di nuovo a prendermi, non mi consegnerò vivo’”. 

Nel corso di ardue battaglie difensive contro la Wehrmacht nell'estate del 1941 Rokossovskij dimostrò di essere un comandante militare capace e risoluto. Con scarse risorse umane e poca tecnica a sua disposizione, il 28 luglio riuscì a riconquistare dai tedeschi la città di Yartsevo (una delle prime città sovietiche liberate), a ritardare l'avanzata del nemico su Mosca e a garantire che i resti di due eserciti sovietici accerchiati nella vicina Smolensk potessero fuggire.

Truppe sovietiche nella città di Smolensk

“Mentre combattiamo fuori Mosca, dobbiamo pensare a Berlino. Le truppe sovietiche arriveranno sicuramente a Berlino”, disse Rokossovskij a un corrispondente di Krasnaya Zvezda (“Stella Rossa”) nell'ottobre del 1941. In quella difficile fase della battaglia per la capitale, la sua 16° Armata difese gli accessi nord-occidentali alla città di fronte a un colossale attacco nemico. Combattendo metro dopo metro, le sue truppe fermarono i tedeschi e all'inizio di dicembre presero parte alla controffensiva su larga scala dell'Armata Rossa che spinse la Wehrmacht a 100-150 km dalla città. “Sarebbe difficile nominare un altro comandante militare che abbia operato con tanto successo in operazioni sia difensive che offensive nell'ultima guerra... Dotato del dono della preveggenza, ha quasi sempre indovinato con precisione le intenzioni del nemico, le ha anticipate e, di regola, ne è uscito trionfante”, disse il maresciallo capo dell'aviazione Aleksandr Golovanov. 

LEGGI ANCHE: Così la battaglia di Mosca portò al flop della guerra lampo tedesca nel 1941 

Rokossovskij fu uno degli autori dell'operazione Urano, architettata per accerchiare e distruggere la 6° Armata di Friedrich Paulus a Stalingrado. Nella battaglia di Kursk, nell'estate del 1943, dopo la quale la Wehrmacht perse definitivamente slancio nella guerra, organizzò le difese sul lato nord del saliente di Kursk in modo così abile da privare le truppe tedesche di qualsiasi possibilità di sfondamento. “Le truppe del Fronte Centrale hanno adempiuto al loro compito - scrisse il comandante nelle sue memorie -. Con la loro caparbia resistenza hanno esaurito le forze del nemico e ostacolando la sua avanzata... Non abbiamo dovuto attingere alle riserve del Quartier Generale e ce la siamo cavata senza di esse perché avevamo schierato correttamente le nostre forze, concentrandole sul settore che rappresentava la maggiore minaccia per le truppe del fronte”.

Rokossovskij con il generale tedesco Friedrich Paulus, arresosi ai sovietici a Stalingrado

Nel 1944, Konstantin Konstantinovich era al comando delle forze del 1° Fronte Bielorusso, la principale forza d'attacco nell'operazione Bagration. In soli due mesi della “guerra lampo sovietica” di quell'estate, l'Armata Rossa avanzò di quasi 600 km verso ovest, liberando l'intero territorio della Bielorussia, e parte degli stati baltici e della Polonia orientale. Il Gruppo d'Armate Centro tedesco fu completamente schiacciato e il Gruppo d'Armate Nord si trovò con le spalle al muro. Il 29 giugno, Rokossovskij, che i suoi nemici soprannominarono “Generale Pugnale”, ricevette il titolo di Maresciallo dell'Unione Sovietica.

Nel novembre 1944, quando le forze del 1° Fronte Bielorusso erano ormai pronte per una rapida avanzata nel cuore della Germania, Konstantin Konstantinovich fu, di punto in bianco, nominato comandante del 2° Fronte Bielorusso. Nelle sue memorie, Rokossovskij ha ricordato una conversazione telefonica con Stalin: “Fu una cosa talmente inaspettata che nella foga del momento subito chiesi: ‘Perché questo sfavore di essere spostato dalla zona principale delle operazioni a un settore secondario?’. Stalin rispose che mi stavo sbagliando: il settore in cui venivo trasferito faceva parte dell'area complessiva delle operazioni occidentali, in cui avrebbero operato le forze di tre fronti: il 2° Bielorusso, il 1° Bielorusso e il 1° Fronte Ucraino; ‘Il successo di questa operazione decisiva dipenderà dallo stretto coordinamento di questi fronti... Se tu e Konev non riuscite ad avanzare, nemmeno Zhukov avanzerà’, disse in conclusione il Supremo Comandante in capo”.

Rokossovskij fu molto franco con un suo amico, ufficiale del controspionaggio, il tenente generale Nikolaj Zheleznikov: “Sono il maresciallo più sfortunato dell'Unione Sovietica. In Russia la gente mi vedeva come un polacco, e in Polonia come un russo. Avrei dovuto prendere Berlino: ero più vicino di chiunque altro. Ma Stalin mi chiamò e disse: ‘Berlino sarà presa da Zhukov’. Quando gli chiesi le ragioni di questo torto, Stalin rispose: ‘Non è un torto. È politica’”. 

Il maresciallo Zhukov, il feldmaresciallo britannico Sir Bernard Law Montgomery e il maresciallo Rokossovskij a Berlino

Alla fine, le forze del 2° Fronte Bielorusso sotto il comando di Konstantin Konstantinovich annientarono il nemico in Prussia orientale e Pomerania, bloccarono la 3° Armata Panzer tedesca, impedendole di prendere parte alla battaglia di Berlino.

Konstantin Rokossovskij al comando della Parata della Vittoria del 24 giugno 1945 sulla Piazza Rossa

Dopo la vittoria, il maresciallo tornò temporaneamente nel suo paese natale, alla guida del Gruppo Nord delle Forze Sovietiche di stanza in Polonia. Nell'ottobre del 1949, su richiesta del presidente della Repubblica Popolare Polacca, Bolesław Bierut, e con il consenso della dirigenza dell'URSS, Rokossovskij assunse l'incarico di ministro della Difesa nazionale polacca, che mantenne fino al 1956. Konstantin Konstantinovich fu l'unico Maresciallo dell'Unione Sovietica della storia ad essere anche Maresciallo della Polonia.

LEGGI ANCHE: Le cinque vittorie chiave dell’Armata Rossa nella Seconda guerra mondiale 



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie