Ivan Konev, il comandante che sferrò il colpo di grazia alla Germania nazista

Il comandante del 2° Fronte Ucraino Ivan Stepanovich Konev studia una mappa delle operazioni militari, Ucraina

Il comandante del 2° Fronte Ucraino Ivan Stepanovich Konev studia una mappa delle operazioni militari, Ucraina

Jakov Rjumkin/Sputnik
Anche se non partecipò alla presa di Berlino, passò comunque alla storia come il comandante che guidò l'ultima operazione strategica dell'Armata Rossa nella Grande Guerra Patriottica

“A livello di perseveranza e forza di volontà, Ivan Stepanovich Konev era il più vicino a Zhukov: aveva un buon intuito e combinava abilmente la potenza dell'artiglieria e dell'aviazione con la velocità, l'assalto e la sorpresa di un attacco. Cercava di vedere un campo di battaglia attraverso i propri occhi e preparava ogni operazione molto attentamente”, scrisse il maresciallo Aleksandr Vasilevskij a proposito di uno dei migliori capi militari sovietici della Seconda guerra mondiale. 

A sinistra, il comandante della 19° Armata, il tenente generale Ivan Konev, insieme agli scrittori Aleksandr Fadeev e Mikhail Sholokhov

La carriera militare di Konev iniziò sui campi di battaglia della Prima guerra mondiale, quando lui, giovane sottufficiale, servì nell'artiglieria. Durante la successiva guerra civile russa, Ivan Stepanovich combatté nelle file dell'Armata Rossa contro il “sovrano supremo della Russia”, Aleksander Kolchak, in Siberia, e contro gli invasori giapponesi in Estremo oriente. Quando la guerra finì, decise di rimanere nelle forze armate.

Ivan Konev, 1910 circa

All'inizio della guerra contro la Germania nazista, il tenente generale Konev era al comando della 19° Armata di stanza nella parte occidentale del paese. Le sue truppe furono tra le prime a sperimentare il devastante attacco della Wehrmacht. Il 12 luglio 1941, Ivan Stepanovich riferì al quartier generale del fronte: “...Non ho una sola formazione completa e pronta al combattimento. Sto tenendo il fronte grazie a singole unità organizzate. Per quattro giorni non ho avuto alcun supporto da parte della nostra aviazione. Le truppe stanno combattendo duramente contro le forze di terra”. 

Ivan Konev (a destra) incontra i soldati della 31° Armata, Fronte Kalinin

L'11 settembre 1941, Konev fu nominato comandante del fronte occidentale, cosa che per poco non gli risultò fatale. All'inizio di ottobre, infatti, le sue truppe subirono una terribile sconfitta vicino a Vyazma: più di 380.000 soldati rimasero uccisi o feriti, 600.000 furono fatti prigionieri. La strada per Mosca era praticamente spianata per i tedeschi. Ivan Stepanovich dovette affrontare un tribunale militare e l'esecuzione (uno dei suoi predecessori, il generale Dmitrij Pavlov, anch'egli sconfitto, fu fucilato il 22 luglio). Tuttavia, grazie all'intervento personale di Georgij Zhukov, Konev riuscì a evitare il peggio e fu nominato comandante del Fronte Kalinin, le cui truppe il 5 dicembre 1941 furono le prime a lanciare una controffensiva su larga scala respingendo il nemico a 150 km dalla capitale.

Il maresciallo Georgij Zhukov e il comandante del fronte della steppa Ivan Konev durante la battaglia di Kursk

Ma Vyazma non fu l'ultima sconfitta della sua carriera. Le operazioni offensive Rzhev-Sychevskij, Zhizdrinskaya e Starorusskaya, che furono condotte sotto il comando di Konev tra la fine del 1942 e l'inizio del 1943, non centrarono i loro obiettivi e si conclusero con grandi perdite per le truppe sovietiche.

Ivan Konev, a destra, in un posto di osservazione durante la Grande guerra patriottica

La decisiva battaglia di Kursk nell'estate del 1943 segnò l'inizio di una serie di brillanti vittorie per Ivan Stepanovich. Dopo che l'Armata Rossa resistette agli attacchi tedeschi, il 17 luglio le truppe del Fronte della Steppa sotto il comando di Konev passarono all'offensiva, respinsero il nemico nelle posizioni originali e, forti di questo loro successo, liberarono Belgorod e il grande centro industriale di Kharkov. Raggiunto il Dnepr alla fine di settembre, lo attraversarono in marcia, si impadronirono delle teste di ponte sulla sua riva destra e riuscirono a dominarle in feroci battaglie.

Il comandante del Fronte della Steppa Ivan Konev durante l'operazione Belgorod-Kharkov

Il talento militare di Konev emerse del tutto durante l'operazione Korsun-Shevchenko, nel gennaio-febbraio del 1944. Agendo insieme alle truppe del generale Nikolaj Vatutin, circondò un raggruppamento nemico di 59.000 uomini nell'Ucraina centrale, sopprimendo con successo i loro tentativi di sfondare l'accerchiamento. Anche se una parte delle truppe tedesche riuscì a fuggire, il nemico perse fino a 40.000 persone, tra morti e feriti. “Tutto era mischiato in un unico flusso. Tutti fuggivano, e nessuno sapeva dove stava fuggendo e perché. Macchine rotte, armi, carri e centinaia di cadaveri di soldati e ufficiali giacevano sulle strade e fuori dalle strade”, avrebbe poi ricordato un prigioniero tedesco. Per il successo conseguito in questa battaglia, Konev fu insignito del titolo di Maresciallo dell'Unione Sovietica.

Ivan Konev

Un altro impressionante successo di Ivan Stepanovich fu l'operazione Uman-Botosani, nella primavera del 1944. Grazie all’attacco sferrato con tre armate di carri armati contemporaneamente e alla sua capacità di reazione istantanea a qualsiasi cambiamento della situazione sul campo di battaglia, le truppe del 2° Fronte Ucraino sotto il suo comando riuscirono a sconfiggere l'8° Armata Tedesca, liberando parte dell'Ucraina occidentale e della Moldavia. Entrando nel territorio della Romania, divennero le prime truppe dell'Armata Rossa ad attraversare il confine di stato dell'URSS. In quell’operazione il maresciallo fu quasi ucciso: la sua auto fu colpita da un caccia tedesco mentre attraversava il fiume Bug meridionale.

Ivan Konev al posto di comando

Dal maggio 1944 fino alla fine della guerra, Konev comandò le truppe del 1° Fronte Ucraino, che presero parte alla sconfitta del Gruppo d'armate Nord Ucraina nell'estate del 1944, e alla liberazione della Polonia occidentale e alla presa della regione industriale della Slesia, strategicamente importante, nell'inverno e nella primavera del 1945. Anche le truppe di Ivan Stepanovich presero parte all'operazione Berlino, ma il compito di assaltare la “tana della bestia” fu affidato al 1° Fronte Bielorusso del maresciallo Zhukov.

Gli abitanti di Praga accolgono i soldati sovietici liberatori guidati dal maresciallo Ivan Konev

Anche se Konev non era destinato a prendere la capitale del Terzo Reich, passò comunque alla storia come il comandante che guidò l'ultima operazione strategica dell'Armata Rossa nella Grande Guerra Patriottica dell'Unione Sovietica contro la Germania nazista. Durante l'offensiva di Praga (6-11 maggio), i resti dei Gruppi d'Armata Centro e Sud furono finalmente sconfitti, quasi 860.000 soldati nemici furono fatti prigionieri e il territorio della Cecoslovacchia fu completamente liberato.

Praga. Il maresciallo dell'Unione Sovietica Ivan Konev e il generale dell'esercito A. Eremenko alla presentazione dell'Ordine cecoslovacco del Leone Bianco

Nelle sue memorie intitolate “Quarantacinque”, il maresciallo Ivan Stepanovich Konev scrisse: “Quando visito il cimitero di Olsany a Praga, il luogo di riposo dei nostri soldati e ufficiali morti nell'operazione di Praga, è con amara tristezza che vedo sulle loro lapidi decorate con fiori la data della morte: 9 maggio. La guerra era già finita, ma queste persone perirono qui, alla periferia di Praga, quando tutto il nostro paese stava già celebrando la vittoria; perirono nelle ultime battaglie con il nemico, completando valorosamente ciò che avevano iniziato”.

Ivan Konev

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie